eCommerce e opere d’arte

Etsy, Blomming e DaWanda sono solo alcuni tra i più famosi marketplace in cui proporre opere creative

Promuovere e vendere le proprie opere d’arte è da sempre un affare complesso e moltissimi artisti lottano ogni giorno per far evolvere il proprio talento in una vera professione.

Affinché l’opera d’arte possa essere riconosciuta come prodotto commerciale dotata di preciso valore, è necessario applicare le logiche del marketing e della comunicazione come accadrebbe per un qualsiasi business.
Promuovere il proprio prodotto ad un target ben definito al giusto prezzo potrebbe però risultare difficile se non si possiedono le competenze adatte.
Veicolare le opere d’arte mediante il marketing artistico tradizionale potrebbe quindi rivelarsi un processo lungo, in cui investire le già poche risorse, faticando magari nel gestire i vari aspetti in maniera precisa.
Nell’era del web 4.0 in cui tutti possono essere promotori di se stessi, perché non sfruttare le potenzialità offerte dalla rete? Ecco tre marketplace in cui è possibile caricare e vendere i propri prodotti artistici.

Etsy

La piattaforma più famosa tra gli imprenditori creativi è sicuramente Etsy. Nata nel 2005, la community ha sede a New York nel quartiere di Brooklyn e conta 26 milioni di acquirenti attivi in tutto il mondo.
Aprire il proprio negozio è semplice, basta iscriversi scegliendo un nome accompagnato da una foto profilo e si possono iniziare a caricare i propri prodotti corredati di descrizione. L’inserimento di ogni articolo ha un costo di 0,20$, l’inserzione ha una durata di tre mesi e per ogni vendita Etsy trattiene il 3,5 % della transazione.

E’ possibile collegare carte di credito e PayPal al proprio account e ogni mese si riceve il conto delle commissioni da versare alla piattaforma.
E’ disponibile in versione italiana, ma per ampliare il proprio pubblico di riferimento è naturalmente consigliabile tradurre le descrizioni anche in inglese. La ricerca avviene tramite keyword ed è possibile filtrare i risultati per categoria, colore e Paese, risulta quindi molto importante la scelta accurata dei tag con cui essere ricercati.

Per tutelare sia i venditori che gli acquirenti è fondamentale compilare la sezione relativa alle Policy ossia le condizioni di vendita, i tempi di spedizione, le politiche di reso e rimborso.

Blomming

APP Blooming per compra e vendere

Blomming è la piattaforma di social commerce ideata da Alberto D’Ottavi e Nicola Jr. Vitto, un ecommerce “semplice come un blog”, come recita il suo motto.
Si crea un account, ci si iscrive come venditore e si inizia a creare un catalogo dei propri prodotti inserendo una descrizione accurata, il prezzo e le spese di spedizione. Consente di creare un tradizionale spazio di vendita e di integrarlo con il proprio blog, sito o pagina Facebook (con l’applicazione Blomming Storefront), gestendo in maniera centralizzata sia il magazzino che gli ordini. Si può provare gratuitamente la piattaforma per un periodo di 15 giorni e si può poi scegliere di sottoscrivere un abbonamento mensile a partire da 9,99€.

Per iniziare a vendere un prodotto caricato nel proprio Shop bisogna attivare almeno un metodo di pagamento a scelta tra: carta di credito, PayPal, contrassegno, bonifico bancario, assegno, vaglia postale.

L’integrazione con la pagina Facebook consente di ricevere direttamente ordini e pagamenti tramite PayPal. L’aspetto più interessante è rappresentato dalla Social Affiliation, un sistema che permette a blogger e social media lovers di promuovere i prodotti dei venditori a fronte di una commissione in caso di vendita.

DaWanda

Dal sito DaWanda: Sketch pastello del pittore veneziano Franco Fusari

DaWanda è un altro marketplace in cui è possibile proporre le proprie opere d’arte, nasce nel 2006 a Berlino e conta oggi quasi 3 milioni di utenti.
Ci si registra sulla piattaforma e si può creare gratuitamente il proprio negozio, personalizzandolo con descrizione, banner e vetrina. All’apertura, ogni negozio viene esaminato e controllato affinché rispetti i criteri DaWanda. Si possono scegliere fino a 20 categorie nelle quali organizzare gli articoli, possono essere dotati di SKU ed esportati tramite CSV.

Si può vendere sia in Italia che in altri Paesi esteri scegliendo le opzioni di spedizione internazionale e traducendo le descrizioni nelle rispettive lingue.
I metodi di pagamento accettati sono: bonifico bancario, spedizione in contrassegno, PayPal , contanti (al ritiro presso il venditore), buoni acquisto DaWanda.

Non ci sono tariffe di inserzione e DaWanda trattiene una commissione del 10% sul prezzo del prodotto. I clienti possono lasciare un commento sia sui profili degli utenti che sulle pagine prodotto e possono interagire nel forum. E’ inoltre disponibile un forum che offre consigli utili alla gestione dei prodotti, ai mercati in crescita, alle strategie di marketing e la SEO.

Etsy, Blomming e DaWanda sono solo alcuni tra i più famosi marketplace in cui proporre opere creative. Trasformare il talento in un’attività remunerativa senza possedere altissime competenze di marketing è oggi possibile grazie alla semplicità di queste piattaforme.

L’auspicio è che la spinta commerciale non finisca mai per annichilire l’arte e che l’artista si senta sempre libero di spaziare con la propria creatività.


Aggiungi un “cuore” a questa storia e continua a seguirci, andremo in giro per il mondo a cercare altre novità!

Rimaniamo in contatto: Facebook, Linkedin, Website

Competenze Distintive

Written by

Umani che amano l’evoluzione culturale e tecnologica

Welcome to a place where words matter. On Medium, smart voices and original ideas take center stage - with no ads in sight. Watch
Follow all the topics you care about, and we’ll deliver the best stories for you to your homepage and inbox. Explore
Get unlimited access to the best stories on Medium — and support writers while you’re at it. Just $5/month. Upgrade