Day 11.

Hints.

Non ci avevo nemmeno fatto caso. Non vedo insetti e cimici da quando sono qui. Solo topi e gatti (entrambi di ragguardevoli dimensioni, per di più).

La cosa bella del giorno? Sono due, direi.

La prima, a livello personale, ha nome Delfont Mackintosh (!?!) Theatres Limited. E a quanto pare — non senza peripezie con la prenotazione e il pagamento — ho il biglietto per No Man’s Land di martedì prossimo. Interpreti? Due signori di un certo spessore internazionale, che chissà quando avrei avuto modo di vedere dal vivo (#ThankYouLondon).

La seconda è stata una lezione di vita in piena Underground. Portava la sembianze di un chitarrista che suona in maniera impeccabile con il gomito destro. Sì, avete intuito bene: l’avambraccio non è più parte del suo mondo, ma di sicuro ha dimostrato di non averne bisogno per suonare così egregiamente. Ancora una volta la vita insegna a non dare nulla per scontato.


L’Honest Burger che ha oggi sopperito a colazione, pranzo e cena vi augura una buona notte. *burp*

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.