Perché ho deciso di scrivere su Medium

Da molto sono iscritto a Medium ma solo la settimana scorsa mi sono deciso a pubblicare il mio primo articolo sulla content curation.

Da tanto vorrei aprire un blog per gestirlo in modo serio, ma non mi sento ancora sicuro ed ho scelto questa piattaforma soprattutto per la sua semplicità.

Mi mancano ancora delle competenze tecniche specifiche e anche se ho letto molti ebook, articoli e risorse gratuite, non posso dire di aver applicato in maniera adeguata i concetti appresi.

Ho collaborato con diversi blog e agenzie pur di fare esperienza e, per quanto riguarda la qualità dei contenuti prodotti, ho sempre avuto riscontri positivi dalle persone con cui m’interfacciavo.

Ma ho sempre dovuto attenermi a delle linee guida, senza mai poter esprimere a pieno i miei punti di vista e raramente ho scritto utilizzando lo stile semplice e amichevole che preferisco.

Ora invece ho deciso di usare Medium per esercitarmi a scrivere con costanza, anche post non molto lunghi, ma in modo continuo e con il proposito di non fermarmi alle prime critiche (se ce ne saranno).

Per entrare più nel dettaglio, ti elenco adesso quelli che sono i principali motivi che mi hanno spinto a utilizzare questa piattaforma.


Imparare a scrivere con continuità

Molti blogger e web writer professionisti consigliano di scrivere ogni giorno e c’è addirittura chi confessa di sorprendersi rileggendo alcuni articoli scritti all’inizio della propria carriera lavorativa.

Il miglior modo per imparare a produrre contenuti di qualità è secondo alcuni quello di sedersi quotidianamente e di metter giù anche solo qualche riga. Col tempo e la pratica vorrei farlo anch’io per pubblicare post sempre più efficaci.

A spingermi verso questa direzione è stato anche questo post di Riccardo Esposito che voglio condividere con te:

Come e perché pubblicare ogni giorno un articolo — My Social Web

Per vincere la paura delle critiche

La paura delle critiche è tra i miei difetti peggiori, un ostacolo che vorrei superare al più presto perché se continuo a rimandare, per colpa del mio perfezionismo stupido, non combinerò mai nulla nel settore che a me interessa.

Vorrei non essere così ansiogeno e avere più intraprendenza, più forza di volontà e tutte quelle qualità che devo necessariamente esercitare fissandomi obiettivi giornalieri da raggiungere.

A motivarmi stavolta è stato uno dei tanti video di un altro personaggio famoso nel mondo del web marketing, Marco Montemagno.

Guarda anche tu che carica che dà:

Per utilizzare lo stile che piace a me

Molte aziende e brand scelgono di usare anche online un linguaggio freddo e distaccato, mentre io sono d’accordo con chi predilige uno stile più semplice e personale.

Scrivere usando un tono più sobrio, come se stessi parlando direttamente a chi legge, credo che alla fine sia un vantaggio perché crea un rapporto di vicinanza, una specie di affiatamento tra me e chi è interessato ai miei articoli.

Preferisco scrivere come a un amico, i concetti che voglio far capire penso che arrivino più facilmente e non nascondo che mi riesce più facile rispetto ad altre situazioni in cui ho dovuto produrre contenuti usando uno stile molto più professionale.

L’interfaccia di Medium

Da un punto di vista più tecnico ho scelto questo servizio perché è esteticamente pulito, non devi avere necessariamente essere un grafico e i testi sono messi in primo piano rispetto a foto, video e altri tipi di contenuto.

Chi legge è quasi costretto a prestare attenzione a cosa scrive chi utilizza Medium, perché non ci sono troppi elementi di distrazione come in un blog.

Grazie all’editor di testo si può subito iniziare a formattare l’articolo in maniera molto intuitiva. Dal menù in alto a destra, che compare cliccando sui tre puntini orizzontali, si può inoltre personalizzare il link dell’articolo, il titolo, il sottotitolo e la descrizione dello stesso.

Con questi accorgimenti è possibile scegliere come comparirà l’anteprima del post nelle SERP e sui social media.

Utilizzare Medium è davvero piacevole e se ti piace scrivere ti consiglio di provarlo. Hai già un account? Fammi sapere cosa ti ha spinto ad iscriverti.

Un saluto e alla prossima!

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.