True Love Waits.

…in attici infestati, il vero amore vive, di lecca lecca e patatine…

Che cos’à l’amore? Mettere in discussione le proprie convinzioni sull’essenza stessa della vita, forse. Dice Tom Yorke che tutto sembra essere possibile, per aspettare, di avere, di nuovo la possibilità di poter stringere qualcuno al cuore.
La dissimulazione, in questo atto affabulatorio, è la resa verso il drammaturgico andirivieni della vita, delle rose e delle spine. E vestire panni che non sono i propri, con la stessa disinvoltura di un attore, mettendosi in ginocchio, pregando.

“Non sto vivendo”, ma è il tempo a passare, come se l’amletico dubbio sulla coesione degli affanni sia dissoluto in un’unica pulsione verso le mani e gli occhi di chi geme nell’attesa di un sorriso.

Il vero amore aspetta, in attici infestati, il vero amore vive, di lecca lecca e patatine. Semplicemente non andare via.
Semplicemente calmati e aspetta che il tempo delle cose prenda la via più breve per annullare gli spazi e diventare un soffio di distanza dai luoghi delle labbra. O giù di lì.

Annegherò le mie convinzioni
Per poter avere i tuoi bambini
Mi vestirò come tua nipote
E laverò i tuoi piedi gonfi

Basta che tu non vada via
Non andare via

Non sto vivendo
Sto solo facendo passare il tempo
Le tue mani piccole
Il tuo pazzo sorriso da gattina

Semplicemente non se ne vanno
Non se ne vanno

E il vero amore aspetta
In attici infestati
Il vero amore vive
Di lecca lecca e patatine

Semplicemente non andare via
Non andare via

Show your support

Clapping shows how much you appreciated Diego Remaggi’s story.