Grazie per la risposta, Flavio.
Gian-Paolo Accardo
11

Gian Paolo per critiche, feroci e a volte pure ingiustificate, ci siamo passati tutti da un lato e dall’altro della barricata. E tutti abbiamo imparato quali sono i limiti, i modi più giusti e i toni più adatti per esprimere le critiche. Permettimi di sottolineare che, in questo caso, se davvero la critica è stata percepita come attacco personale, il problema è strutturale e connaturato al ruolo ricoperto da Masera. Come fa un public editor a stabilire un confine tra se stesso come individuo e il suo ruolo di portavoce e volto di un giornale? Secondo me è molto difficile ed è un limite enorme di quel genere di figura.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.