Spoleto, un po’ Rai1, un po’ Rai3, un po’ Sky Arte

Se in questi giorni siete a Spoleto al Festival dei Due Mondi (fino al 10 luglio) avete l’imbarazzo della scelta, fra pièce, opere, danza e happening sonori.

Jeff Mills

A proposito di happening musicali, l’8 luglio alle 22 nella piazza del Duomo arriva il leggendario Jeff Mills che suonerà la sua musica, solitamente ballata in discoteca, assieme all’orchestra Roma Sinfonietta. Una performance abbastanza inusuale per la platea di Spoleto che in quanto a età media ha un pubblico più simile a quello di Rai1 che a quello di Top Dj.

Per chi invece è un habitué di Sky Arte, l’appuntamento da non perdere è a Palazzo Collicola, il museo di arte contemporanea di Spoleto che contiene una notevole collezione permanente, e che in coincidenza con il Festival inaugura ogni anno una serie di mostre. Segnalo quelle di PierPaolo Curti e Julien Friedler e anche una passeggiata, meglio se al tramonto, nell’Oasi Collicola, il cortile del palazzo trasformato in un playground artistico colorato e aperto a tutti, bambini inclusi, che potranno entrare liberamente e giocare o rilassarsi.

Oasi Collicola

Quando arrivano invece gli incontri di Paolo Mieli al museo Diocesano nel fine settimana sembra un po’ di stare su Rai3. I faccia a faccia di Mieli prodotti da Hdrà e organizzati da Maria Carolina Terzi, Maddalena Maggi e Paolo Giaccio sono infatti uno dei salotti culturali più mondani del Festival. L’anno scorso arrivò Antonio Campo Dall’Orto, fresco di nomina Rai. Il prossimo weekend è attesa Ilaria Dallatana, nuova direttrice di Rai2 che ha appena presentato il palinsesto di rete a Milano.

Insomma tutti i grandi nomi del potere da qui passano e son passati. Ma ci voleva Cesare Cremonini, per far andare in visibilio le ragazzine di Spoleto. No, non ha cantanto, né intonato nemmeno una strofa. Ha invece raccontato un po’ di se’, parlando del suo rapporto con il padre di 90 anni, dell’importanza della famiglia, dimostrando che non c’è solidità professionale che non poggi inevitabilmente su quella umana. Detto questo mi sembra che la cosa più importante detta da Cremonini sia stata questa: lui cerca ancora l’amore vero o eterno, o l’amore di coppia invece sua madre lo sconsiglia vivamente. “Cesare, ma non si può stare tutta la vita con lo stesso partner”. Dobbiamo smetterla di essere troppo realiste, noi madri.

Paolo Mieli, Spoleto nights

Nella foto: Paolo Mieli pensa agli incontri del prossimo weekend: oltre a Dallatana, Luigi Di Maio, il produttore di Fandango Domenico Procacci, Vincenzo Boccia e Pierluigi Battista.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.