Poking the Dog: On #AbuseInPoly and an Italian translation of More Than Two

Scorri verso il basso per leggere la versione italiana del testo.

Updates: Franklin has written a response (in English) to the aftermath of this post. Further discussion in English, including responses from Mr. Boschetto, can be found here. Another Italian polyamory activist has published two posts in Italian with his perspective on these events: Part I and Part II. On March 28 we issued a formal statement on Più di due. The title of this post has been changed to reflect the current status of the book as an unauthorized edition.

By popular demand and urgent necessity, this is the story of how the Italian edition of More Than Two: A Practical Guide to Ethical Polyamory got hijacked by a missing stair in the Italian polyamory community.

This is a long essay, so I want to get some things clear right out the gate*:

  1. We have exactly one legal, contractual relationship in Italy: With our lawyers, studio legale Guatteri.
  2. We did not consent to the addition of a foreword to an Italian edition of More Than Two by the Italian activist who we will refer to here as Mr. Boschetto.
  3. Mr. Boschetto is not our agent, our lawyer, our publisher, our co-author or our friend. He is a fan who introduced us to a publisher and then wouldn’t back off, and whose behaviour has become increasingly creepy, invasive, demanding and controlling the more we try to push back. Since that introduction, a little less than a year ago, anything else he has claimed to do on our behalf is for himself only, and not authorized by or coordinated with us.
  4. Più di due. Guida pratica al poliamore etico, published by Odoya Srl of Bologna, Italy, is an unauthorized edition. A full statement on this matter can be found here. However, this post is not about our dispute with Odoya. It is about our experiences with Mr. Boschetto.

*This list was updated on March 29, 2017, to reflect the current legal status of Più di due and our relationship with Odoya Srl.

In fall of 2015, Franklin and I travelled to Europe to speak and to promote the English editions of More Than Two and The Game Changer. We worked with local organizers and community groups to coordinate events, and in many cases we stayed in their homes. Many of these people were clearly fans, people who knew lots of personal information about us and felt close to us because of our disclosures in our books and blogs. And I gotta say, the vast majority of you were wonderful. Not just incredibly welcoming, but incredibly respectful of our boundaries and privacy (even when we were grumpy, tired, and antisocial), and of the nature of the relationship between us, which was essentially: two artists and their fans, but all of us working together in a professional capacity toward a common goal while also having the chance to meet face-to-face people doing this work all over the world. You were unbelievably wonderful and amazing. Thank you.

But. There was this one guy: Mr. Boschetto, the organizer in Rome behind the OpenCon Italia, among other things.

It started actually before we left for Europe, with a slightly off interaction with one of my staff who was helping plan the events. At the time, it wasn’t a major red flag — they usually aren’t at the start — just enough to make me think, “Huh. Okay, be a little careful around this guy. He’s unpredictable and seems like he’s mostly in this for himself.”

Franklin tells me, though I don’t remember, that when we were in Rome, I asked him if he thought there was something off about Mr. Boschetto, because I was getting a “predatory charismatic male poly leader” vibe from him. Franklin didn’t pick up on it, so we wrote it off for the time being, but I made another mental note to be cautious.

I wish for the life of me I could name what I was picking up on then. As my friend A.V. Flox said to me after the fact, over a year later, as she and others were trying to help me break down everything that had happened since:

How do you know when a dog running up to you intends to attack or play? I had a 120-pound husky charge at me an hour ago, and I knew just by looking at it that it wanted to lick my face, not bite it off. It’s in the body language and the mode of verbalization and the vibe. Not all dogs snarl and put their ears back, but we can still tell if we’ve interacted with dogs for any length before. We learn the tells somewhere and never really forget, though after awhile it feels instinctive and obvious.

This was…this was the feeling I kept getting from Mr. Boschetto: Of a dog running toward us, wanting (right now) to lick our faces, but feeling there was aggression not too far beneath the surface — that if startled or threatened, the dog could instantly switch to attack mode. And looking back now, I can see how all of my relations with Mr. Boschetto since then have had this underlying dynamic of me trying very carefully not to poke the dog.

By the time we got to Rome, another acquaintance of ours in Italy had made some preliminary enquiries to publishers about the possibility of an Italian edition of More Than Two, and had introduced us to Odoya, the company to which we would eventually sign the rights. We had additional discussions in Rome with Mr. Boschetto, who also said he had contacts at publishers, and we said that he could make enquiries for us. Between February and early May, we had negotiations with two publishers he connected us to — one of them being Odoya, the company we attempted to publish with.

Over the course of these negotiations, I began to feel that Mr. Boschetto considered himself much more involved with this project than we wanted him to be, or had consented to. We expected this to be a referral only, with negotiations picking up directly between us and the Italian publisher — as had happened in other foreign-language editions of the book. It appeared that not only did he want to translate the book, but he expected to be the one to translate it. And beyond that, he seemed to remain in much closer contact with the publisher about the book than is…usual for a situation like this. I began gently (don’t poke the dog) trying to set some boundaries with him — our relationship is with the publisher, we will negotiate with them, thank you for your help — and with the publishers — our relationship is with you, not Mr. Boschetto, you can use your own translator, we don’t care who it is, that’s your job, we trust your judgement.

Of course, this is one of the places where I look back in retrospect and think, “I could have set firmer boundaries then.” Looking at the email threads between us, which were entirely cordial, I can see where I was too gentle. Part of this was that I was in don’t poke the dog mode; part of it was my femme socialization to placate and make nice, and part of it was…I didn’t really have a reason to be more firm, you know? He hadn’t really…quite…crossed any boundaries. Just pushed a little too much. Just not let go quite when he should have. Just always acted a little too close than our relationship really called for.

This is an important point to make, because this is exactly how abusers work. If abusers crossed over the line right away, they wouldn’t be able to abuse anyone, because we’d recognize them for what they were. Instead, they test boundaries, push a little here, a little there, seeing where you’ll give and where you’ll hold. And you don’t realize what’s happening until they’re already way too far over the line.

It’s also important to note that I believe a person reading those messages from the perspective of someone who has an appropriate sense of boundaries, both professional and otherwise, would not have behaved in the ways that Mr. Boschetto did, or made the assertions (or assumptions) that he has. His behaviour with regard to us and to More Than Two reflects a great deal of entitlement and lack of boundaries. That is to say, while I have been fighting self-blame for not being more assertive, ultimately I do not believe this is my fault. This perception is strengthened by reports from other women who have had similar experiences with him. We are taught to be “nice” about holding our boundaries and then blame ourselves for not being more forceful when others cross our boundaries. This is a part of rape culture and something that abusers take advantage of.

Midway through these discussions, in around April, I was concerned enough that I reached back out to the contact in Italy to ask them if they could talk to me about Mr. Boschetto. Unfortunately, the message got lost in the Facebook black hole, the contact never replied to me, and I never followed up. Obviously, I swallowed my concerns and pressed on.

When Odoya chose a different translator for the book, I was relieved to have Mr. Boschetto out of the picture. However, a lingering sense remained that he might feel we owed him something, or that this referral represented to him a relationship with us that we hadn’t consented to. So I offered him a cut of our advance, as a finder’s fee. This was a fairly normal professional consideration, but also represented, on my part, an attempt to put to rest any sense of personal indebtedness. (Remember, we signed with a publisher who someone else had connected us to six months before. This was how eager I was to placate.)

In mid-October, I received an email from Mr. Boschetto telling us that Odoya had negotiated with him to write the foreword for the Italian edition, and asking when we would pay his finder’s fee. This was a crucial exchange, and I wish, for the life of me, that I could remember exactly what was going on in my head at the time. This is what I know: I received the email on Wednesday, October 19. I replied on Monday, October 24. In the interim, Franklin and I had weekend guests, ran two educational workshops with those weekend guests, and left for a six-week stint at the cabin where we do our writing. That is to say, I had a lot on the go. I know that I wanted to reply to say that we hadn’t received our advance yet, but would pay when we had, and also that I didn’t know what to say about the foreword (don’t poke the dog).

Also, I felt it was really weird and controlling that Mr. Boschetto had written to tell us that he was writing the foreword, and not to ask us if we wanted him to, and I wasn’t sure how to deal with that. And this, I am embarrassed to say, is where my socialization to placate and normalize came in again. This is hard to talk about, because this is a major problem for me: so much so that in the past five years alone, two men have taken advantage of this socialization to sexually assault me and gaslight me about it afterward. I think this is important to mention, because Mr. Boschetto likes to talk about consent, and yet, although this was not an assault, his M.O. in this case was exactly like those of those other men: “This is happening now, are you going to stop me?”

And so here I was: He was already inside my boundaries. That door had been kicked open and he’d walked through it, and he was standing inside my house. So now, what do you do? Looking at this from above, after the fact, you might say “Kick him out. Tell him to leave. Call the cops. Scream for help.” But unfortunately, this often isn’t what we do. Often, counterintuitively, we try to normalize. “Um…can I help you? Are you lost? Do you, um, need something to eat?” Make nice, make the situation okay, don’t make him mad, don’t poke the dog.

This is why affirmative consent before the fact, whatever it is, is so important. Because by the time your consent has already been violated, you have to decide: Is the discomfort of having this person inside my boundaries greater than the conflict or possible violence of trying to push them out, now that they’re here? And all too often, we go with the answer of not resisting. Maybe it’s not really that bad, we think, to have…whatever it is that’s happening, happen. It’ll be over soon anyway.

This is how abusers work. They use these thought processes, and this socialization, to their advantage. They depend on it.

So, while I do not remember exactly, I believe this was my thought process: Our agreement is with Odoya. They need our permission to add a foreword. They will contact us for our permission, and then we will discuss the implications of this and make a decision. Thus, I do not need to deal with Mr. Boschetto on the matter of the foreword, just the finder’s fee, because that is the only agreement we have with Mr. Boschetto.

Somewhere in there, I believe that I also may have thought If Odoya doesn’t talk to us then this is a done deal and I can’t do anything about it. And slid my mind away from the implications of that (will it hurt more to resist or give in?). I do know that I really did not think about the implications of what Mr. Boschetto was saying. I did think I would have another opportunity to address the foreword. I did not for the life of me think Mr. Boschetto’s name would end up on the cover.

And this is the other fucked-up thing I didn’t do: I didn’t talk to Franklin. I didn’t talk to our weekend guests, one of whom was someone I trust implicitly, someone I consider a mentor, and someone who has dealt with a lot of problematic, charismatic men. If I had, things would likely have gone very differently (just as they would have if my Italian contact had replied to me in April).

And so, when I replied to Mr. Boschetto about the finder’s fee, I prefaced my email with a polite, “Hey [Mr. Boschetto], that’s great news about the foreword!”

Mr. Boschetto, and his enablers in the Italian polyamory community, are now claiming that this sentence from me constituted enthusiastic consent to the foreword. Dear reader, looking at this situation, can you tell me: Was this consent? You’ve read our work, you hopefully know something about affirmative consent. Was this consent? Let’s look.

Consent happens in advance. It isn’t consent if someone tells you something is happening, or has happened, and then asks you to react to it. Consent involves an ask and an answer. No one ever asked us anything. Mr. Boschetto told us.

Consent is informed. To be able to consent, you need to know what you’re signing up for. As I said above, it wasn’t clear from Mr. Boschetto’s short email exactly what was going on, and the last thing I imagined was his name on the cover. If the Italian polyamory community is divided for any reason, with Mr. Boschetto a central figure in that — no matter whose side he thinks we should be on — we had a right to know about that before making a decision. We never even saw the foreword (we had to buy a copy of the book on Amazon in order to see it). And importantly, I did not believe that Mr. Boschetto’s email was asking for my consent, nor did I believe myself to be giving it with my response. Knowing that you’re giving consent at all is, well, sort of a baseline requirement for informed consent.

Consent happens between the relevant parties. As I have stated above, we have no legal or contractual relationship with Mr. Boschetto. We have a contract with Odoya. We can only give consent to Odoya, and they never asked for it, nor did we provide it. In fact, we don’t have a contract with Odoya at all: our publishing imprint, Thorntree Press, does. That contract clearly states that a foreword will not be added without the written consent of Thorntree Press. Only a written agreement between Odoya and Thorntree Press constitutes consent.

So no, dear reader, you can tell as well as I can that we did not consent. My brief, friendly email to Mr. Boschetto was not consent. I am stating, unequivocally for the record, that neither I, Eve Rickert, nor my co-author, Franklin Veaux, nor our publishing company, Thorntree Press, consented in any form to a foreword by Mr. Boschetto to the Italian edition of More Than Two.

However, it’s important to this story that he is now claiming, loudly and forcefully, that we did in fact consent, and that he has proof. His “proof” is the email that I sent him on October 24. This is important because it is one demonstration of how manipulative and controlling he is. He backed me into a corner with non-consensual behaviour and now is claiming my attempts to smooth the situation over as de facto consent.

This is gaslighting. This is victim-blaming. This is classic abuser behaviour.

The first week of December, the Italian edition was published. We weren’t notified of the date — which is actually pretty normal as far as translations go, and not a big deal in and of itself. But a couple of days before publication, I received an email from the same friend who’d been visiting in October. I’ve mentioned that he has dealt with a lot of situations dealing with problematic, charismatic men in positions of power…well, he was writing to inform us of another one that he’d been alerted to. This was a situation in Italy, a guy named…Mr. Boschetto:

He’s a control freak and has been trying to set up the Italian polyamory community as his little fiefdom since the beginning.

There was more that I can’t repeat here, due to anonymity and confidentiality requests, but it fits the patterns. My friend told me that the book was coming out on Friday, and that he was really concerned about the inclusion of the foreword — both for the Italian community itself, and for the fate of the book in Italian, and for me and Franklin having our names associated with an abuser.

This was, for me, the moment that snapped all the other moments into place, into a pattern that I could finally see clearly. And it was the moment that I finally really heard that little voice inside me that I’d been trying to silence: THAT DOG IS DANGEROUS IT’S GOING TO ATTACK YOU’RE NOT SAFE RUN!

(Sara Amundsen’s account of the abuse perpetrated by American writer Sunil Patel — which she describes as the realization that you’ve been in the water with a shark, and which may feel relevant to some polyamorous people in Italy — also reflects much of my own experience with Mr. Boschetto, and the “waking up” moment.)

That was early December. This post is already 2,700 words long, so I’m not going to go into the same level of detail about the last two months. Suffice to say: We have notified Odoya that we did not authorize the foreword and the book needs to be withdrawn. We have offered to help cover the costs of doing this. We have engaged a law firm in Italy. We have been trying for over two months to negotiate an agreement with them to resolve this issue and get a book printed that we can get behind. (There are other legal issues, as well, that I’m not discussing here because they are still in negotiation.)

And this was where we got to see how Mr. Boschetto behaves when he’s not getting what he wants. We finally poked the dog, and Mr. Boschetto has shown his teeth.

Since we first contacted Odoya about the foreword, we have spoken directly with about a half-dozen people in Italy affected by Mr. Boschetto’s behaviour. The people we talked to described manipulative and controlling behaviour, gaslighting, and retaliation for attempts to set boundaries or call out problematic patterns. The reports we’ve heard have not created new opinions of Mr. Boschetto or changed our minds about him; rather, they reinforced and clarified our own (particularly my) experiences with him and helped place them in a larger context.

Meanwhile, in Italy, Mr. Boschetto has gone on a hunt in for the people he believes to be behind the reports. Folks have reported being ostracized, banned from events and groups, and threatened with legal action. Italy still has archaic, Mussolini-era criminal libel laws that don’t allow truth as a defence, and Mr. Boschetto has threatened to use them against his critics: I have seen these threats, in his words, in groups we are both a part of. Criminal libel means you can go to prison. You heard that right: Mr. Boschetto has threatened to literally lock up people who criticize him. (Where else have we seen this kind of behaviour?) He has attempted to undermine our relationships with people who have been supporting us and to cut us off from alternate sources of support in the Italian polyamory community while punishing others he thinks are having contact with us.

This reveals another suite of abuser tactics: Every abuser believes they are the victim. Abusers try to isolate their targets and try to cut them off from alternate sources of support and perspective. Many abusers try to turn their communities against their victims.

Meanwhile, he has been writing long, manipulative emails to me and Franklin (mostly Franklin), demanding our emotional labour and telling us how hard-done-by he is, how much this is all hurting him. He has then used any form of contact from either us as an excuse to continue his lies and manipulation, and then blaming us for “poor communication.”

After all, we didn’t tell him not to bite. How could he ever possibly have known we didn’t want him to? And I guess this is the thing. He’s doing what he knows how to do. And then he’s hurt and offended that people are upset because, well, no one told him anything else? Except that they have. People in his community have been trying to point out his problematic behaviour for years. And they’ve been punished for it.

I feel it’s also important here to remember that my and Franklin’s only relationship with Mr. Boschetto consists of the following: Before we came to Europe, Mr. Boschetto asked Franklin’s permission to translate some content from the More Than Two website to Italian. Franklin granted this permission — as he does for basically anyone who asks. Mr. Boschetto organized a reading in his city, which dozens of others have also done. And he introduced us to a publisher for a translation of More Than Two, as others have also done. We have not built a friendship or personal trust with him, and yet he is speaking to us (especially Franklin) and, I believe, about us (especially Franklin) with others, as though we are close personal friends. He has overstepped the appropriate bounds of our relationship from the beginning, and only now is it becoming clear just how far.

So no, Mr. Boschetto is not a victim. Mr. Boschetto is an abuser, a manipulator, a bully and a missing stair. We know this both from multiple, corroborated reports, and from his behaviour with us.

I want to speak now to the survivors of Mr. Boschetto’s bullying and manipulative behaviour: I see you. What happened to you was real, it was not okay, and it was not your fault. If you want to talk to me, I will listen to your story and believe you (find me at eve at morethantwo dot com). I will do my best to connect you to resources if you need them (you can start here, although this list is US-centric). I encourage you to talk to one another: I can say from the experiences of other people I know who have been abused or gaslighted, this is tremendously empowering. I will, with your consent, do my best to connect you to one another so you can do just that. If you want to tell your story — and your stories are powerful — I will do my best to signal boost them. If he has threatened you with legal action, I will do my best to absorb that risk for you in helping you tell your stories.

And if you feel that feeling in your gut, that feeling of Something is wrong, I am not safe: you’re not crazy. Your subconscious knows something that your conscious mind has been taught to suppress, and it’s trying to protect you. It’s real, and it’s okay to listen to it. You don’t need to articulate a reason. Hold your boundaries and make yourself safe first.

To Mr. Boschetto: This is all I will say to you. I want no further contact with you. I am not going to allow you to gaslight and manipulate me further. I am not going to argue with you the finer points of your behaviour. I am not going to try to teach you how what you have done is wrong. That is not my job, and I owe you nothing. Others have tried to work with you. If your community wants to try to help you, turn to them and ask for their help. Read Why Does He Do That by Lundy Bancroft. Name an accountability pod, so the people you’ve harmed don’t have to interact directly with you. Consider getting into a program for abusers. Here, I googled some for you; 1, 2, 3. And if you really believe yourself to be a good person, and you want to start living up to that, you will stop retaliating against people who call you out. Just for a start. That’s it: That’s all I’m doing for you. We’re done.

To the Italian poly community: You have a serious problem. Please do not underestimate how dangerous this man is. You do not need my words to see what is happening. Look around you: How many people have quietly peeled away from your groups and events after interactions with Mr. Boschetto? What is the cost of conflict with him? What happens to people, especially other organizers, who disagree? Are people afraid to speak, to confront or contradict him? Are they punished for doing so? Where are his exes? Have they stayed engaged in the community? Do they remain friendly with him? Or have they quietly gone away?

You have no obligation at all to try to continue to work with him, help him, or do transformative justice with him. If you want to try, hats off to you. But be careful. Watch your backs. It’s up to him to prove to you that he’s changed, not up to you to give him the benefit of the doubt. You don’t owe him anything. And know that you can do transformative justice in your communities and begin to repair what he’s done without his involvement at all. You can go here to look for some resources, for a start.

I wish you luck.

Image description: Daenerys Targaryen emerges unharmed from the burning temple at Vaes Dothrak, where she has incinerated the Khals.

Many thanks to the members of the Badassery group, and to all the people who have bravely spoken out about their experiences of abuse, for being my teachers.

(Note: My co-author, Franklin Veaux, has written his own account here, and a response to the aftermath here.)

Non stuzzicare il cane. Sull’abuso nel poliamore e una traduzione italiana di More Than Two

Aggiornamenti: Franklin ha scritto un post di risposta (in lingua inglese) a ciò che è accaduto in seguito a questo post. Un’ulteriore discussione in inglese, che include repliche di Boschetto, si può trovare qui. Un altro attivista poliamoroso italiano ha pubblicato due post in italiano con la sua opinione su questi eventi: parte I e parte II. Il 28 marzo abbiamo pubblicato una dichiarazione formale riguardo a Più di due. Il titolo di questo post è stato modificato in modo da riflettere lo stato attuale del libro, in quanto edizione non autorizzata.

Su richiesta popolare e con grande urgenza, questa è la storia di come l’edizione italiana di More Than Two: A Practical Guide to Ethical Polyamory sia stata dirottata da un “gradino mancante” nella comunità poliamorosa italiana.

Si tratta di un lungo saggio, quindi voglio chiarire alcune cose* fin dal principio:

1. Abbiamo esattamente un rapporto contrattuale di rilevanza legale in Italia: con i nostri avvocati, presso lo Studio Legale Guatteri.

2. Non abbiamo dato il nostro consenso all’aggiunta di una prefazione all’edizione Italiana di More Than Two dell’attivista italiano cui faremo riferimento qui col nome di Sig. Boschetto.

3. Il Sig. Boschetto non è il nostro agente, né il nostro avvocato, il nostro editore, il nostro coautore o un nostro amico. È un fan che ci ha presentati a un editore senza poi farsi da parte, e il cui comportamento è diventato tanto più inquietante, invasivo, pressante e controllante quanto più noi cercavamo di opporre resistenza. Da quella prima presentazione, poco meno di un anno fa, qualsiasi altra cosa egli abbia affermato di fare per nostro conto è stata frutto della sua iniziativa, e non autorizzata da noi o coordinata insieme.

4. Più di due. Guida pratica al poliamore etico, pubblicato da Odoya Srl di Bologna, Italia, è un’edizione non autorizzata. Qui è possibile trovare una dichiarazione dettagliata in merito. Tuttavia, questo post non riguarda la nostra controversia con Odoya, bensì le nostre esperienze con il Sig. Boschetto.

*Questa lista è stata aggiornata in data 29 marzo 2017 in modo da riflettere l’attuale status giuridico di Più di due e il nostro rapporto con Odoya Srl.

Nell’autunno del 2015, Franklin ed io siamo andati in Europa per tenere delle conferenze e promuovere le edizioni in inglese di More Than Two e The Game Changer. Abbiamo lavorato con organizzatori e gruppi delle comunità locali per coordinare gli eventi, e in molti casi abbiamo alloggiato nelle loro case. Molte di queste persone erano chiaramente fan, persone che conoscevano molte informazioni personali sul nostro conto e si sentivano vicine a noi per come ci eravamo aperti nei nostri libri e blog. E devo dire che la stragrande maggioranza di voi è stata meravigliosa. Non solo incredibilmente accogliente, ma anche davvero rispettosa dei nostri confini e della nostra privacy (anche quando eravamo scontrosi, stanchi e poco socievoli), e della natura del rapporto che sussisteva tra noi, cioè essenzialmente questa: due artisti e i loro fan, impegnati a lavorare tutti insieme come veri professionisti verso un obiettivo comune, avendo anche al contempo la possibilità di incontrare faccia a faccia persone che fanno questo lavoro in tutto il mondo. Siete stati davvero meravigliosi e sorprendenti. Grazie.

Ma c’è un però. C’è stata anche questa persona: Boschetto, l’organizzatore di Roma che tra le altre cose cura l’OpenCon Italia.

Tutto è iniziato in realtà prima che partissimo per l’Europa, con un’interazione un po’ strana con una delle persone che stavano collaborando con me alla pianificazione degli eventi. Sul momento non si trattò di un segnale di allarme evidente — di solito non sono tali all’inizio — ma sufficiente a farmi pensare, “Uhm. Va bene, cerchiamo di fare un po’ attenzione a questa persona. È imprevedibile e sembra preoccupata più che altro del proprio interesse”.

Franklin dice, anche se io non lo ricordo, che quando eravamo a Roma gli chiesi se pensava che ci fosse qualcosa di strano in Boschetto, perché mi sembrava avesse un’aura da “maschio-predatorio-leader-carismatico-poliamoroso”. Franklin non raccolse il mio allarme, così lasciammo cadere il discorso per il momento, ma io mi feci un altro appunto mentale di essere prudente.

Vorrei essere in grado di dare un nome a ciò che mi aveva allarmata allora. Come la mia amica A.V. Flox mi ha detto dopo il fatto, più di un anno dopo, cercando insieme ad altre persone di aiutarmi ad analizzare tutto ciò che era successo da allora:

Come fai a sapere se un cane che ti corre incontro intende attaccarti o giocare? Un’ora fa sono stata caricata da un husky di 120 chili, e mi è bastato guardarlo per sapere che voleva leccarmi il volto, non staccarmelo a morsi. Si capisce dal linguaggio del corpo, dalle modalità di verbalizzazione e dalla sensazione che ti trasmette. Non tutti i cani ringhiano e tendono le orecchie all’indietro, ma possiamo comunque rendercene conto se abbiamo interagito con dei cani in precedenza. Impariamo i segnali da qualche parte e non li dimentichiamo più, anche se dopo un po’ sembra una cosa istintiva e ovvia.

Questa era… Questa era la sensazione che continuavo a percepire da Boschetto: quella di un cane che ci corresse incontro, che volesse (al momento) leccarci il volto, ma che lasciasse percepire non troppo sotto la superficie dell’aggressività, che se spaventato o minacciato potesse passare istantaneamente alla modalità di attacco. E guardando indietro posso ora vedere come tutti i rapporti che ho intrattenuto con Boschetto da allora siano stati caratterizzati da questa dinamica di fondo per cui io ho sempre cercato con molta attenzione di non stuzzicare il cane.

Nel frattempo, prima che arrivassimo ​​a Roma, un’altra persona di nostra conoscenza in Italia aveva fatto indagini preliminari presso alcuni editori circa la possibilità di fare un’edizione italiana di More Than Two, e ci aveva messi in contatto con Odoya, la casa editrice alla quale avremmo infine concesso i diritti. Avemmo ulteriori discussioni a Roma con Boschetto, che a sua volta disse di avere contatti presso alcuni editori, e gli dicemmo che poteva fare indagini per noi. Tra febbraio e l’inizio di maggio entrammo in trattative con due editori coi quali ci aveva messo in contatto — di cui uno era Odoya, l’editore con il quale abbiamo cercato di pubblicare.

Nel corso di queste negoziazioni, cominciai a notare che Boschetto si considerava molto più coinvolto in questo progetto di quanto noi non volessimo, e senza che a questo avessimo acconsentito. Ci aspettavamo che egli facesse solo da referente, e che le trattative si sarebbero svolte direttamente tra noi e l’editore italiano, come era accaduto per altre edizioni in lingua straniera del libro. Sembrava che non solo desiderasse tradurre il libro, ma che si aspettasse di essere il traduttore. E oltre a questo, sembrava rimanere con l’editore in contatti più stretti di quanto non sia usuale in una situazione del genere. Iniziai cautamente (non stuzzicare il cane) a cercare di definire alcuni confini con lui — il nostro rapporto è con l’editore, negozieremo con loro, grazie per l’aiuto — e con l’editore — il nostro rapporto è con voi, non con il signor Boschetto, potete impiegare un vostro traduttore, non ci importa chi sia, è il vostro lavoro, ci fidiamo del vostro giudizio.

Naturalmente, questo è uno dei punti in cui retrospettivamente mi guardo indietro e penso: “Avrei potuto fissare dei limiti più fermi allora.” Rileggendo le conversazioni via e-mail tra di noi, che erano state del tutto cordiali, capisco dove sono stata troppo cordiale. Ciò è in parte dovuto al fatto che ero in modalità non stuzzicare il cane; in parte alla mia socializzazione di genere al femminile orientata a tranquillizzare e ad essere gentile, e in parte al fatto che… Non avevo realmente un motivo per essere più ferma, no? Lui non aveva in effetti… Propriamente… Oltrepassato alcun confine. Aveva solo fatto un po’ troppa pressione. Aveva solo mancato di mollare il colpo quando avrebbe dovuto. Aveva solo un comportamento un po’ troppo confidenziale rispetto a ciò che il nostro rapporto richiedeva.

È importante tenere presente questo punto, perché è esattamente così che agiscono gli abusatori. Se oltrepassassero i limiti fin dal principio, non avrebbero modo di abusare di nessuno, perché li riconosceremmo per ciò che sono. Invece, essi mettono alla prova i limiti, spingono un po’ qui e un po’ là, per vedere dove si cede e dove si tiene. E non ci si rende conto di cosa stia accadendo fino a quando sono ormai ben al di là della linea.

È importante anche sottolineare che, a mio avviso, una persona che legga quei messaggi dal punto di vista di chi ha un appropriato senso dei confini, professionali e non solo, non si sarebbe comportata come ha fatto il signor Boschetto, o fatto affermazioni simili alle sue, o dato per scontato le stesse cose. Il suo comportamento in relazione a noi e a More Than Two riflette un grande senso di diritto [entitlement] e assenza di senso del limite. Vale a dire che pure se mi dibatto nel senso di colpa per non essere stata più assertiva, in ultima analisi non credo di avere colpe. Questa percezione è rafforzata dai resoconti di altre donne che hanno avuto esperienze simili con lui. Siamo educate ad essere “gentili” quando si tratta di difendere i nostri confini, e poi, quando accade che qualcuno li violi, a biasimare noi stesse per non essere state più ferme. Questo si riconduce alla cultura dello stupro, e gli abusatori ne approfittano.

Mentre erano in corso queste discussioni, verso il mese di aprile, ero abbastanza preoccupata da rivolgermi nuovamente al nostro contatto in Italia per chedergli se poteva parlarmi di Boschetto. Purtroppo il messaggio andò smarrito nel buco nero di Facebook, quella persona non mi rispose ed io non ritentai più di contattarla. Ovviamente, ingoiai le mie preoccupazioni e passai oltre.

Quando Odoya scelse un traduttore diverso per il libro, fu un sollievo che Boschetto fosse uscito dal quadro. Tuttavia, mi restava la preoccupazione persistente che Boschetto potesse pensare che noi gli dovessimo qualcosa, o che la mediazione che aveva svolto potesse implicare ai suoi occhi un rapporto con noi cui in realtà noi non avevamo acconsentito. Così gli offrii una fetta del nostro anticipo come compenso per il suo lavoro di procacciatore. Si trattava di una considerazione professionale, ma rappresentava anche, da parte mia, un tentativo di placare ogni senso di indebitamento personale. (Si tenga presente che abbiamo firmato con un editore col quale qualcun altro ci aveva messi in contatto sei mesi prima. Per dire quanto io fossi ansiosa di tranquillizzare.)

A metà ottobre ricevetti una email da Boschetto con la quale ci informava che Odoya aveva concordato con lui la stesura di una prefazione all’edizione italiana, e ci chiedeva quando gli avremmo pagato la sua parcella di procacciatore. Questo è stato uno scambio cruciale, e vorrei poter ricordare esattamente che cosa pensai in quel momento. Questo è ciò che so: ricevetti l’email mercoledì 19 ottobre. Risposi il 24 ottobre, lunedì. Nel frattempo, Franklin ed io avemmo degli ospiti a casa per il weekend, coi quali tenemmo due workshop educativi, poi partimmo per un ritiro di sei settimane presso lo chalet in cui siamo soliti scrivere. Insomma, ero molto impegnata. So che volevo rispondere per dire che non avevamo ancora ricevuto il nostro anticipo, ma che avremmo pagato quando fosse arrivato, e anche che non sapevo cosa dire sulla prefazione (non stuzzicare il cane).

Inoltre trovai davvero bizzarro, e indice di un atteggiamento controllante, il fatto che Boschetto avesse scritto per dirci che stava scrivendo la prefazione, e non per chiederci se volevamo che lo facesse; e non sapevo come comportarmi al riguardo. E fu a questo punto, devo ammettere con imbarazzo, che la mia socializzazione orientata a tranquillizzare e normalizzare emerse di nuovo. Non è facile parlarne, perché questo è un grosso problema per me: tanto che solo negli ultimi cinque anni due uomini ne hanno approfittato di questa socializzazione per aggredirmi sessualmente e in seguito sottopormi a gaslighting al riguardo. Credo sia importante menzionare questi fatti, perché Boschetto ama parlare di consenso, eppure, benché in questo caso non si trattasse di aggressione sessuale, il suo modus operandi in questo caso è stato identico a quello degli altri uomini: “Sta succedendo adesso, pensi di fermarmi?”

Così, eccomi lì: lui era gia al di qua dei miei confini. Quella porta era stata aperta con un calcio e lui aveva varcato la soglia, e ora era dentro casa mia. A questo punto, che cosa si può fare? Guardando alla situazione con distacco, a posteriori, si potrebbe dire: “Sbatterlo fuori. Dirgli di andarsene. Chiamare la polizia. Gridare ‘aiuto’.” Ma, purtroppo, spesso non è questo ciò che facciamo. Spesso, controintuitivamente, cerchiamo di normalizzare la situazione. “Ehm… Posso aiutarti? Ti sei perso? Hai, ehm, bisogno di qualcosa da mangiare?“ Sii gentile, appiana la situazione, non farlo arrabbiare, non stuzzicare il cane.

Questo è il motivo per cui il consenso affermativo prima del fatto, qualunque esso sia, è così importante. Perché quando il consenso è già stato violato, bisogna decidere: il disagio di avere questa persona entro i miei confini è maggiore rispetto al conflitto o alla violenza che potrebbe scaturire dal tentativo di spingerla fuori, ora che è già qui? E, fin troppo spesso, la risposta è che scegliamo di non resistere. Forse non sarà poi così male, pensiamo, lasciare che questa cosa che sta accadendo — quale che essa sia — accada. Presto sarà tutto finito.

Questo è il modo in cui agiscono gli abusatori. Essi sfruttano questi processi di pensiero, e questo modello di socializzazione, a proprio vantaggio. È da questo che dipendono.

Dunque, benché non ricordi con esattezza, credo che questo sia stato il mio ragionamento: Abbiamo un contratto con Odoya. A loro occorre il nostro permesso per aggiungere una prefazione. Saranno loro a contattarci per chiederci il permesso, dopodiché discuteremo le varie implicazioni e prenderemo una decisione. In questo modo non dovrò discutere con Boschetto della questione della prefazione, solo del suo compenso di procacciatore, perché questo è l’unico accordo che abbiamo con Boschetto.

Da qualche parte in mezzo a tutto questo ragionamento, probabilmente avrò anche pensato: se Odoya non parla con noi, allora questo è un accordo già concluso e non posso farci niente. E avrò distolto il pensiero dalle implicazioni di questa evenienza (sarà più doloroso resistere o cedere?). So per certo di non avere realmente considerato le implicazioni di ciò che Boschetto stava dicendo. Pensavo sicuramente che avrei avuto un’altra possibilità di discutere della prefazione. Non immaginavo proprio che il nome di Boschetto sarebbe finito sulla copertina.

E questa è l’altra stupidaggine che (non) feci: non ne parlai con Franklin. Non ne ho parlai con i nostri ospiti del fine settimana, uno dei quali era una persona di cui mi fido assolutamente, che considero un mentore, e che ha avuto a che fare con numerosi uomini carismatici problematici. Se lo avessi fatto, le cose sarebbero probabilmente andate molto diversamente (così come sarebbero andate molto diversamente se il mio contatto italiano mi avesse risposto in aprile).

E così, quando risposi a Boschetto circa il suo compenso da procacciatore, aprii la mia e-mail con un cortese “Hey , grande notizia questa della prefazione!”

Boschetto e i suoi incoraggiatori [enablers] nella comunità poliamorosa italiana stanno ora sostenendo che questa frase da parte mia costituisca un entusiastico consenso alla prefazione. Caro lettore, guardando a questa situazione, puoi dirmi se questo si può considerare consenso? Hai letto il nostro lavoro, perciò saprai cosa si intende per consenso affermativo. Questo si può considerare consenso? Vediamo.

Il consenso avviene prima. Non c’è consenso se qualcuno ti dice che qualcosa sta accadendo, o è accaduto, e poi ti chiede di reagire. Il consenso comporta un chiedere e un rispondere. Nessuno ci ha mai chiesto nulla. Boschetto ci ha detto.

Il consenso è informato. Per essere in grado di acconsentire, è necessario sapere per cosa si stia firmando. Come ho detto in precedenza, non era chiaro dalla breve e-mail di Boschetto cosa stesse accadendo esattamente, e l’ultima cosa che potevo immaginare era che il suo nome sarebbe finito sulla copertina. Se la comunità poliamorosa italiana è divisa per qualsiasi motivo, e Boschetto è una figura centrale in questo dissidio — indipendentemente da cosa egli pensi riguardo a quale dovrebbe essere la nostra posizione — era nostro diritto saperlo prima di prendere una decisione. Non abbiamo nemmeno mai visto la prefazione (abbiamo dovuto comprare una copia del libro su Amazon per vederla). E, soprattutto, non credevo che l’email di Boschetto chiedesse il mio consenso, né credevo di stare io accordandoglielo con la mia risposta. Sapere che si sta dando il proprio consenso è, beh, un requisito piuttosto fondamentale per il consenso informato.

Il consenso avviene tra le parti interessate. Come ho già detto in precedenza, non abbiamo alcun rapporto giuridico o contrattuale con Boschetto. Abbiamo un contratto con Odoya. Possiamo solo dare il nostro consenso a Odoya, e non ce l’ha mai chiesto, né noi lo abbiamo accordato. Di fatto, non siamo nemmeno noi ad avere un contratto con Odoya, bensì la nostra casa editrice, la Thorntree Press. Il contratto afferma chiaramente che non si può aggiungere una prefazione senza il consenso scritto della Thorntree Press. Solo un accordo scritto tra Odoya e Thorntree Press costituisce consenso.

Quindi no, caro lettore, puoi ben vedere quanto me che non abbiamo dato alcun consenso. La mia breve, amichevole e-mail a Boschetto non era consenso. Sto affermando, in modo inequivocabile per la cronaca, che né io, Eve Rickert, né il mio coautore, Franklin Veaux, né la nostra casa editrice, Thorntree Press, abbiamo acconsentito in qualsiasi forma ad una prefazione di Boschetto per l’edizione italiana di More Than Two.

Tuttavia, è importante in relazione a questa storia che egli stia ora sostenendo, ad alta voce e con forza, che noi abbiamo invece dato il nostro consenso, e che ne ha prova. La sua “prova” è l’e-mail che gli ho inviato il 24 ottobre. Questo è importante perché è una dimostrazione di come il suo comportamento sia manipolatorio e controllante. Mi ha stretta in un angolo con un comportamento non consensuale e ora pretende di far passare i miei tentativi di appianare la situazione come un consenso de facto.

Questo è gaslighting. Questo è incolpare la vittima. Questo è classico comportamento abusante.

La prima settimana di dicembre, l’edizione italiana è stata pubblicata. Non eravamo stati informati della data — il che in realtà è piuttosto usuale per quanto riguarda le traduzioni, e non è un grosso problema in sé e per sé. Ma un paio di giorni prima della pubblicazione, ho ricevuto una e-mail dallo stesso amico che era stato da noi nel mese di ottobre. Ho già accennato al fatto che questa persona ha affrontato un sacco di situazioni che coinvolgevano uomini carismatici problematici in posizioni di potere… Beh, stava scrivendo per informarci di un altro circa il quale era stato messo all’erta. Si trattava di una situazione in Italia, di un tizio di nome… Boschetto:

È un maniaco del controllo e fin dall’inizio ha cercato di fare della comunità poliamorosa italiana il suo piccolo feudo.

Il messaggio diceva più di quanto io non possa riferire qui, essendomi stati richiesti anonimato e riservatezza, ma corrisponde allo schema. Il mio amico mi ha detto che il libro sarebbe uscito il venerdì, e che era molto preoccupato per l’inclusione della prefazione, sia per la comunità italiana in sé che per il destino del libro in italiano, e per me e Franklin dal momento che i nostri nomi sarebbero stati associati a un abusatore.

Questo è stato, per me, il momento in cui ogni elemento ha trovato il suo posto, in un quadro che ho potuto finalmente vedere in modo chiaro. Ed è stato il momento in cui ho finalmente ascoltato davvero quella vocina dentro di me che avevo cercato di mettere a tacere: QUEL CANE È PERICOLOSO STA PER ATTACCARE NON SEI AL SICURO CORRI!

(Il racconto di Sara Amundsen dell’abuso perpetrato dallo scrittore americano Sunil Patel — che lei descrive come se avesse realizzato di essere stata in acqua con uno squalo, e che alcune persone poliamorose in Italia potranno trovare pertinente — riflette anche gran parte della mia esperienza con Boschetto, e il momento del “risveglio”.)

Questo accadeva all’inizio di dicembre. Questo post conta già 2.700 parole, perciò non entrerò altrettanto nel dettaglio circa gli eventi degli ultimi due mesi. Basti dire che abbiamo comunicato a Odoya che non avevamo autorizzato la prefazione e che il libro deve essere ritirato. Ci siamo offerti di contribuire a coprire le spese che questo avrebbe comportato. Abbiamo ingaggiato uno studio legale in Italia. Cerchiamo da più di due mesi di negoziare un accordo con loro per risolvere questo problema e ottenere una versione stampata accettabile del libro. (Sono in ballo anche altre questioni legali che non intendo discutere qui perché la negoziazione è ancora in corso.)

Ed è così che abbiamo avuto modo di vedere come si comporta Boschetto quando non ottiene ciò che vuole. Abbiamo infine stuzzicato il cane, e Boschetto ha mostrato i denti.

Da quando abbiamo contattato Odoya in merito alla prefazione, abbiamo parlato direttamente con una mezza dozzina di persone in Italia colpite dal comportamento di Boschetto. Le persone con le quali abbiamo parlato hanno riferito di avere subito comportamenti manipolatori e controllanti, gaslighting e ritorsioni per avere cercato di fissare dei limiti o di evidenziare modalità di azione problematiche. Le confidenze che abbiamo accolto non hanno generato nuove opinioni su Boschetto o modificato cià che pensavamo di lui; al contrario, hanno rafforzato e chiarito le nostre (in particolare le mie) personali esperienze con lui e ci hanno aiutati a inserirle in un contesto più ampio.

Nel frattempo, in Italia, Boschetto ha aperto la caccia alle persone che ritiene essere dietro a queste comunicazioni. Diverse persone ci hanno riferito di essere state ostracizzate, bandite da eventi e gruppi e minacciate di azioni legali. L’Italia ha ancora leggi penali arcaiche in materia di diffamazione, risalenti all’epoca di Mussolini, che non consentono di difendersi per mezzo della verità, e Boschetto ha minacciato di usarle contro i suoi critici: ho assistito a queste minacce, nelle sue stesse parole, all’interno di gruppi di cui entrambi siamo parte. La diffamazione costituisce un reato per il quale si può finire in prigione. Avete sentito bene: Boschetto ha minacciato letteralmente di fare imprigionare le persone che lo criticano. (Dove abbiamo già visto questo tipo di comportamento?) Egli ha cercato di minare i nostri rapporti con le persone che ci hanno offerto il loro sostegno e di impedirci di accedere ad altre fonti di sostegno nella comunità poliamorosa italiana, punendo coloro che ritiene essere in contatto con noi.

Questo rivela un altro insieme di tattiche abusanti: ogni abusatore è convinto di essere vittima. Gli abusatori cercano di isolare i loro bersagli e di impedire loro l’accesso ad altre fonti di sostegno e di consiglio. Molti abusatori cercano di ritorcere le loro comunità contro le loro vittime.

Nel frattempo, Boschetto ha scritto lunghe e-mail manipolatorie a me e a Franklin (per lo più a Franklin), assorbendo le nostre energie emotive e riferendoci quanto si senta bistrattato, quanto tutto ciò sia fonte di sofferenza per lui. Ha poi utilizzato ogni forma di contatto con l’uno o l’altro di noi due come una scusa per continuare a mentire e a manipolare, e quindi accusarci di “cattiva comunicazione.”

Dopo tutto, non gli abbiamo mica detto di non mordere. Come avrebbe potuto quindi sapere che non volevamo essere morsi? E credo che sia proprio questo il punto. Sta facendo quello che sa fare. E poi è ferito e offeso del fatto che le persone ce l’abbiano con lui perché, beh, nessuno gli ha detto di fare diversamente? Senonché, invece, gli era stato detto eccome. Diverse persone nella sua comunità cercano da anni di evidenziare il suo comportamento problematico. E sono state punite per questo.

Penso sia anche importante ricordare qui che i rapporti intercorsi tra noi e Boschetto si limitano unicamente a ciò che segue: prima che andassimo in Europa, Boschetto aveva chiesto a Franklin il permesso di tradurre in italiano alcuni contenuti dal sito di More Than Two. Franklin aveva concesso questa autorizzazione, come fa praticamente con chiunque ne faccia richiesta. Boschetto ha organizzato una lettura nella sua città, come hanno fatto decine di altre persone. E ci ha introdotti a un editore per una traduzione di More Than Two, come anche altri hanno fatto. Non abbiamo costruito un’amicizia o un rapporto di fiducia personale con lui, eppure parla con noi (specialmente con Franklin) e, credo, di noi (specialmente di Franklin) con altri come se fossimo amici intimi. Egli ha oltrepassato i confini appropriati del nostro rapporto fin dall’inizio, e solo ora sta diventando chiaro fino a che punto.

Quindi no, Boschetto non è una vittima. Boschetto è un abusatore, un manipolatore, un bullo e un “gradino mancante”. Sappiamo questo in base a una molteplicità di testimonianze verificate e al comportamento che ha tenuto con noi.

Voglio rivolgermi ora ai sopravvissuti e alle sopravvissute del bullismo di Boschetto e del suo comportamento manipolatorio: vi vedo. Quel che vi è successo è reale, non va bene, e non è stata colpa vostra. Se volete parlare con me (eve@morethantwo.com), io ascolterò la vostra storia e vi crederò. Farò del mio meglio per mettervi a disposizione delle risorse se ne avete bisogno (si può iniziare da qui, anche se questa lista è incentrata sugli USA). Vi esorto a parlare gli uni con gli altri: posso dire, sulla base delle esperienze di altre persone che conosco che hanno subito abusi o sono state sottoposte a gaslighting, che è tremendamente impoterante. Io, con il vostro consenso, farò del mio meglio per mettervi in contatto gli uni con gli altri in modo che possiate fare proprio questo. Se volete raccontare la vostra storia — e le vostre storie sono potenti — farò del mio meglio per amplificarle. Se siete stati minacciati di azioni legali, farò del mio meglio per assorbire il rischio al posto vostro, aiutandovi a raccontare le vostre storie.

E se provate quella sensazione nella pancia, quella sensazione di c’è qualcosa che non va, non sono al sicuro: non siete pazzi. Il vostro subconscio sa qualcosa che la vostra mente cosciente è stata educata a sopprimere, e sta cercando di proteggervi. È reale, e non c’è nulla di male ad ascoltarla. Non è necessario articolare una ragione. Tenete saldi i vostri confini e mettetevi al sicuro innanzitutto.

A Boschetto: Questo è tutto ciò che ho da dirti. Non voglio più avere contatti con te. Non ho intenzione di permetterti di farmi dubitare delle mie percezioni e di manipolarmi ulteriormente. Non ho intenzione di discutere con te in modo più dettagliato del tuo comportamento. Non ho intenzione di provare a spiegarti come quello che hai fatto sia sbagliato. Questo non è il mio lavoro, e non ti devo niente. Altri hanno cercato di lavorare con te. Se la tua comunità intende cercare di aiutarti, rivolgiti ad essa e chiedi il suo aiuto. Leggi Why Does He Do That di Lundy Bancroft. Nomina una rete di persone che possa supportarti nell’assumerti la responsabilità dei tuoi comportamenti abusanti, in modo che le persone che hai danneggiato non debbano interagire direttamente con te. Prendi in considerazione la possibilità di intraprendere un programma per abusatori. Ne ho cercati alcuni per te su Google; 1, 2, 3. E se davvero credi di essere una buona persona, e desideri iniziare a vivere come tale, smetti di fare rappresaglie contro le persone che ti muovono delle critiche. Tanto per cominciare. Ecco: questo è tutto ciò che posso fare per te. Il nostro rapporto è concluso.

Alla comunità poli italiana: avete un problema serio. Vi prego di non sottovalutare la pericolosità di quest’uomo. Non avete bisogno delle mie parole per vedere cosa sta succedendo. Guardatevi intorno: Quante persone si sono sommessamente defilate da gruppi ed eventi dopo avere avuto a che fare con Boschetto? Qual è il prezzo di un conflitto con lui? Cosa succede alle persone, soprattutto gli altri organizzatori, che sono in disaccordo? Le persone hanno paura di parlare, di affrontarlo o di contraddirlo? Vengono punite se lo fanno? Dove sono i suoi ex partner? Hanno continuato a fare parte della comunità? Sono rimasti in rapporti amichevoli con lui? O si sono allontanati in silenzio?

Non avete nessun obbligo di cercare di continuare a lavorare con lui, di aiutarlo, o di intraprendere con lui un percorso di mediazione trasformativa. Se volete provare, tanto di cappello. Ma fate attenzione. Guardatevi le spalle. Sta a lui dimostrarvi che è cambiato, non a voi concedergli il beneficio del dubbio. Non gli dovete niente. E sappiate che si può fare giustizia trasformativa nelle vostre comunità e cominciare a riparare a ciò che ha fatto senza alcun coinvolgimento da parte sua. Potete cercare alcune risorse qui, per cominciare.

Vi auguro buona fortuna.

Un sentito ringraziamento al Badassery group, e alle persone coraggiose che hanno parlato apertamente delle loro esperienze di abuso, per essere stati miei maestri.

Show your support

Clapping shows how much you appreciated Eve Rickert’s story.

Responses
The author has chosen not to show responses on this story. You can still respond by clicking the response bubble.