Anche quando non scrivi, stai sempre scrivendo. Nella tua testa c’è una traccia continua di storia che continua ad andare. Ti metti lì, ed è andata via. Ti rimane la voglia. Scrivere diventa la cosa che vuoi fare quando non scrivi. Scrivere è per tre quarti avere voglia di scrivere. Potresti andare al mare, andare a correre, cucinare e invece vuoi scrivere. Fai tutto controvoglia, tranne scrivere. Ma non scrivi. Avere voglia di scrivere è quasi meglio che scrivere. Ricordarsi la gioia della scrittura è meglio che mettersi lì a inseguirla. — Giulia Blasi