Avvocati: SPAM”R”US — Il Thread del secolo!

keywords: spam, disguido, errore, sollecitato, aiuto!!!, provvedete, apocalisse, gabibbo, ridere

Ci vorrebbe una proposta di legge per bloccare le mailing-list! Sì. Ci vorrebbe proprio. In effetti in Italia, tra la proposta della Carlucci, quella di un D’Alia e un Barbareschi, manca solo questo.

È quello che devono aver pensato gli avvocati che frequentavano la mailing-list della cancelleria telematica toscana l’8 Ottobre 2009 quando si sono visti intasare le caselle email da un’ondata di spam.

Il tardo pomeriggio dell’8 Ottobre 2009 rimarrà per la Rete Italiana un giorno memorabile: il giorno della fantasia, del coraggio, della coscienza e del risveglio per una categoria che, sembra, abbia un gran bisogno di rendersi conto… in che mondo vive!

Tutto inizia alle ore 14.22 quando la Segreteria Organizzativa presso l’URP della Giunta della Regione Toscana ha l’ardire di spedire nella lista della Cancelleria Telematica di Firenze il seguente messaggio:

Gentile avvocato vorrei invitarla a partecipare al convegno che la Regione Toscana ha organizzato all’interno della manifestazione “Dire e FARE” per il 29/10/2009 alle ore 14:30 presso la fortezza da Basso- Sala scherma. Durante il convegno il cui titolo è “La professione forense tra innovazione e tecnologia: l’esperienza toscana” si discuterà dell’esperienza della Regione Toscana in questa materia cercando di raccogliere idee e proposte di miglioramento direttamente dagli addetti ai lavori Il programma allegato a questa mail è scaricabile anche all’indirizzo http://www.e.toscana.it la partecipazione darà diritto a 4 crediti formativi
Per motivi organizzativi si prega di iscriversi utilizzando il seguente indirizzo:
http://web.rete.toscana.it/iscrizioni/iscrizioniprivacy.php?ID=222
Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi alla segreteria organizzativa presso l’urp della giunta della Regione Toscana tel:800–860070 mail:urp@regione.toscana.it
saluti
 la segreteria organizzativa
È un semplice invito ad un convegno. Sì. Niente di strano.

Ma se la rivoluzione americana è scoppiata su un party per il tè, non può forse svilupparsi un perfetto plot per la commedia dell’arte italiana da un semplice invito ad un convegno?

Quello che avviene da questo momento in poi ha dell’incredibile. Hai voglia di dire che «solo in Italia certe cose possono succedere» (ma poi non è vero, tutto il mondo è paese) ma vederle accadere così, sotto i propri occhi, lascia di stucco.

Siamo un popolo di poeti, di artisti, di eroi, di santi, di pensatori, di scienziati, di trasmigratori, ma no…, di navigatori, specie su Internet, no. Proprio no.

A questo punto devo chiedere al lettore di avere un po’ di pazienza e leggere, leggere fino in fondo quest’onda di testo. È lunga lo so, ma non poteva essere più corta, non avrebbe reso perfettamente l’idea. Riporterò in ordine cronologico TUTTI i messaggi. Tutti, con un effetto certamente esilarante: lo assicuro.

Alle 17 e 17 finalmente qualcuno risponde gentilmente alla mail dell’URP

Mi spiace molto ma la coincidenza con processo penale alla medesima ora al tribunale di Grosseto mi impedisce di partecipare. Grazie. Saluti.
Avv. Tania Amarugi

Mai coincidenza fu più infausta.

La mailing-list è evidentemente configurata per ritrasmettere i messaggi ricevuti, peraltro in modalità anonima, facendoli cioè pervenire a tutti i partecipanti alla lista come se fossero stati spediti dalla lista stessa. Se l’avvocato non avesse firmato la sua mail non si sarebbe potuto risalire al proprio nome e d’altro canto non possiamo neppure essere sicuri se i nomi riportati siano veri. È una configurazione rara ma non impossibile, probabilmente errata in questo caso.

Passa ancora un quarto d’ora e in lista appare una nuova risposta:

Pp
 Sent from my BlackBerry® wireless device

Cos’avrà voluto dire l’avvocato non si sa. Forse il messaggio è partito per errore. Noi però non possiamo proprio sapere chi è il mittente.

Chiosa: chi immagina che l’effetto comico del thread e quello tragico provenga da qualche risposta particolarmente intelligente e briosa, da qualche arguzia, di quelle tipiche del popolo toscano, la cui ruvida simpatia è un pregio da molti apprezzati, o dagli immancabili errori di ortografia rimarrà deluso perché forse non ha compreso proprio l’implacabile logica del problema. Ogni blip, preso a sé, non ha quasi alcunché di comico, ma messo tutto assieme in un’unica visione unificatrice l’effetto farsesco è assicurato: olismo e fave di fuca!

Dalle 17 e 45 inizia l’escalation. Tutti in risposta alla mail dell’Avv. Amarugi arrivano le seguenti:

Gent.le Collega Ho ricevuto la Sua mail ma ritengo di non essere il destinatario. Cordiali saluti
Avv. Leonardo Paterniti

e dopo ancora un quarto d’ora

Gent.ma Collega credo che abbia inviato a me per errore la mail in oggetto.
 Avv. Mazzotta

La mailing-list è pubblica ed è, tuttora (anche nel novembre 2016, visionabile su Internet ( http://www.liste.rete.toscana.it/pipermail/cancelleriatelematica/mail4.html ). Ciò non impedisce all’avvocato di apporre il proprio disclaimer:

AVVISO IMPORTANTE Il testo e gli eventuali documenti trasmessi contengono informazioni riservate al destinatario indicato. La presente corrispondenza è confidenziale e la sua riservatezza è tutelata legalmente dal decreto legislativo 196 del 30/06/2003 (codice di tutela della privacy). La lettura, copia o altro uso non autorizzato o qualsiasi altra azione derivante dalla conoscenza di queste informazioni sono rigorosamente vietate. Qualora abbiate ricevuto questo documento per errore siete cortesemente pregati di darne immediata comunicazione al mittente e di provvedere, immediatamente, alla sua distruzione.

Ma perché distruggerlo? Sarà uno dei messaggi di maggior successo. Otterrà decine di risposte. Dopo ancora 15 minuti veniamo raggiunti da:

Gentile Collega, non sono il destinatario della Sua mail.
avv. Nunzio Salice — Firenze

Passa ancora un quarto d’ora e un raggio di luce inizia a permeare in tutto questo discorso:

Continuo a ri[ce]vere mail di colleghi su questo convegno; ci deve essere un errore con il server della cancelleria telematica.
Avv. G. Durante

A questo punto le risposte iniziano ad incrociarsi. Un’altro anonimo risponde a Mazzotta:

Egregio Collega non ho inviato alcuna mail anzi pervengono a me risposte di colleghi alla cancelleria
 saluti

Ed uno subito dopo risponde a Paterniti

Credo ci sia stato qualche problema con le mail. Io sono Avv. Anna Boncompagni e non Tania Amarugi
Grazie
È bene sapere chi si è, ogni tanto. Le crisi d’identità sono in agguato.

In ritardo di quasi un’ora arriva un’altra risposta alla Amarugi

Ho ricevuto questa mail, credo erroneamente.
 Cordiali Saluti.
Avv. Roberta Bernardini

e poco dopo

Gentile Collega ho ricevuta questa Sua mail che erroneamente, ha inviato al mio indirizzo. Cordiali saluti,
Avv. Luca Degl’Innocenti

Non manca a questo punto qualcuno che, pur non avendo mai scritto nulla in precedenza, non manca l’occasione per dimostrare la propria buona volontà al consesso di colleghi:

Mi scuso per il disguido
 Avv. Lucia Coppola

Perché si scusa lei? Non è chiaro. Ma scusarsi, male non fa.
 C’è anche chi inizia a farsi domande esistenziali ma non perde l’occasione di dare ordini:

non capisco perchè mi siano arrivate queste email…verificate grazie
avv marco rossi

In un’oretta sono passate in lista una decina di mail, quindi con un certo tono professorale e competente interviene l’ennesimo professionista:

Dopo aver ricevuta in data odierna una mail dal vostro indirizzo di posta elettronica, continuano ad arrivare al mio indirizzo di posta (info@…..it) mail di risposta da altri avvocati.
Credo ci sia un disguido, che peraltro mi sta creando intasando la posta.
Avv. Anna Maria Sgarbi

Non mancherà un’altro che avanzando la propria personale situazione risponderà con le stesse parole a ben tre messaggi successivi (quello di Mazzotta, di Paterniti e pure a quello anonimo spedito dal BlackBerry)

Per favore non inviare altra posta a questo indirizzo: non esercito più la professione di avvocato. Grazie
Francesca Marcenaro

Poverina… dovrà sopportare questa situazione per altre numerose ore.

Qualcuno quindi con arguzia esclama

mi pare evidente che c’è un problema in questa rete

Ah sì? C’è un problema? Allora l’avvocato Sgarbi a questo punto trasale e ritornata all’origine del problema risponde, ma sempre in lista, al messaggio iniziale originale:

Ho ricevuto in data odierna la Vostra mail, che mi sta creando seri problemi alla posta elettronica. Sul mio indirizzo di posta info@…..it continuano a pervenire risposte di altri avvocati al Vostro invito al Convegno “La professione forense tra innovazione e tecnologia”.
Credo si sia verificato un disguido.
Siete pregati di risolverlo al più presto.
Avv. Anna Maria Sgarbi

Quali saranno i problemi che una mail sta creando alla casella di posta elettronica non potremo mai saperli, ma sappiamo che nessuno purtroppo li risolverà per un bel po’ ancora. Le cose iniziano a farsi serie, infatti un ulteriore mail prospetta scenari inquietanti, in risposta a Paterniti arriva infatti un chiaro:

Ho già segnalato che temo siamo tutti sotto spamming.
 SR

Siamo nel pieno del FUD (Fear, Uncertainty and Doubt). Quindi non contento, il concetto lo ribadisce in lista in risposta a Mazzotta (noi ci immaginiamo a dirglielo con circospezione in un orecchio, ma ovviamente lo fa in modo che tutti lo percepiscano):

Ho timore ci sia uno spamming in corso.
 Sergio Russo
Un timore evidentemente molto ben riposto: lo spam SONO LORO!

Ecco però che con malcelata saggezza che il prossimo sentenzia:

Mi pare chiaro che chiunque risponde al mittente ne manda copia a tutti coloro che fanno parte delle liste. Il che è molto fastidioso. Invito chi gestisce la faccenda a porre rimedio ed a fare in modo di non disturbarmi.
Avv. Sandro Barcali

Già è fastidioso. Ma chi gestisce la faccenda? Non si sa. Però il successivo commento riporta una constatazione con cui non possiamo non dichiararci d’accordo:

Penso che il convegno “La professione forense tra innovazione e tecnologia: l’esperienza toscana” sia molto utile alla categoria, vista la poca dimestichezza che sta dimostrano qualcuno con la posta elettronica.

C’è dell’ironia in questa risposta? Cosa dire… non ne siamo mica sicuri!

Ad ogni buon conto, ad un’ora e mezza circa dalla prima risposta dubbi esistenziali attanagliano la mente degli avvocati. Con un senso di composto sconforto il prossimo dice:

La mail in relatà è arrivata a me…e nemmeno io sono il destinatario.
 Cordiali saluti
Avv. Stefano Magnani

Capito? Non è nemmeno lui il destinatario. Come fare?

Però è Mazzotta il gettonatissimo che riceve gran parte delle risposte, alcune così a cuore aperto che commuovono per la franchezza:

Egr. Collega, ho ricevuto la stessa e-mail e non ho francamente provveduto ad inviarLe alcunchè……Probabilmente un equivoco da parte di qualcun altro. Buon lavoro!
Avv. Cristiana Cipriani

Bhé… l’importanza d’esser franco… direbbe Wilde.

Segue una laconica risposta a Nunzio Salice:

Deve esserci un errore.
Alessandro pomponio

Deve esserci proprio un errore, quindi per porvi rimedio Pomponio impiega i successivi 4 minuti e mezzo per spedire lo stesso identico messaggio in risposta, in lista, ad altre sette mail sette!, per avvertire tutti, singolarmente e pubblicamente, che “deve esserci un errore”. È un mito di generosità! Io lo candiderei nella Protezione Civile Digitale.

Scusarsi, si sa, non fa mai male, così urlando –secondo la netiquette– il prossimo propone le sue informate deduzioni:

CHIEDO SCUSA, MA HO LA CASELLA MAIL PIENA DI MSG DI COLLEGHI. CI DEV’ESSERE UN DISGUIDO NEL SERVER.
CORDIALI SALUTI
AVV. ALBERTO CARLESI

il problema però non è nel server, sembra sostenere il successivo:

il disguido lo sto avendo anche io
 prego di disattivare l’invio della posta , grazie

C’è una certa qual confusione di ruoli in tutta questa storia, eh.

La professione forense, si sa, è fatta da galantuomini: non mancano quindi mai di destinarsi appropriati convenevoli tra colleghi:

stimato Collega, continuano ad arrivarmi e-mail di risposte di colleghi.
saluti
Il giorno 08 ottobre 2009 18.22, <cancelleriatelematica@liste.rete.toscana.it> ha scritto: 
Egregio Collega non ho inviato alcuna mail anzi pervengono a me risposte di colleghi alla cancelleria
saluti
Il giorno 08 ottobre 2009 17.44, <cancelleriatelematica@liste.rete.toscana.it> ha scritto: 
Gent.ma Collega credo che abbia inviato a me per errore la mail in oggetto.
Avv. Mazzotta

L’effetto comico inizia a profilarsi. I fratelli Marx non avrebbero saputo inventare un congegno più valido.

Penso ci sia qualche problema con la posta elettronica del sito regionale.
 Mi arrivano decine di risposte che non ho sollecitato.
Avv. Alessandro Nicolodi

ed un altro, sottoposto ad una certa tensione, risponde:

per cortesia mi si sta intasando la mail
 io non so come sia potuto accadere, non ho mandato nessuna mail

e poi intima:

la cancelleria telematica regione toscana , provveda per favore ad eliminare il disguido.

Purtroppo le migliori perle di saggezza rimangono inascoltate:

State rispondendo ad una e.mail-list! arriva tutto a tutti! Non si deve rispondere! Chi voleva partecipare al convegno doveva collegarsi sul sito e basta! Finitela di scrivere!

Forte di questa interpretazione il successivo sentenzia:

ho lo stesso problema!
 cordiali saluti

Allora, per chiarire a tutti definitivamente, c’è chi ribadisce:

NON INVIARE MAIL ALL’INDIRIZZO MITTENTE Cancelleriatelematica @ liste. rete. toscana. it perché, evidentemente, raggiunge tutti gli iscritti alla cancelleria.
grazie.
avv. P.S.

A questo punto dovrebbero aver capito tutti. Vero?

Però non manca mai quello che conforta gli altri cordialmente di non essere escluso solo perchè ha un BlackBerry:

Mi scuso per il disguido ma ho lo stesso problema.
 Cordialita’
Avv. Carlo Andrea Gemignani
Sent from my BlackBerry® wireless device

Allora qualcuno, compreso il problema, finalmente comunica con la Segreteria.

Segnalo alla segreteria organizzativa che sto ricevendo varie mail di colleghi con indirizzo mittente cancelleriatelematica@liste.rete.toscana.it
Vi invito a porre rimedio a questo inconveniente.
Avv. Francesco Cintelli
Purtroppo però lo fa in lista. Ancora! Ma nooo!

A questo punto si uniscono varie voci nella richiesta di porre rimedio.

vi prego di rimediare al disguido mi arrivano mail
 io non ho inviato nessuna mail!!

Diciamolo. C’è proprio un asimmetria scandalosa in questo ricevere mail senza averne inviate. Bisogna perciò porre rimedio inviandone una ulteriore in lista. Così ci mettiamo in pari, eh!

A questo punto iniziano a serpeggiare le prime paure irrazionali, c’è chi ripete:

Ho timore ci sia uno spamming in corso.
 Sergio Russo

Forse non l’avevano sentito.

C’è sempre chi si chiama fuori:

non capiso perchè mi continuano ad arrivare e.m. da mezzo foro. Io di questo convegno non so assolutamente niente.
R.Russo

(e.m. sta per email probabilmente)

Al che già qualcuno rinviene che:

la cosa si fa comica … un convegno sulle tecnologie e l’organizzatore che spedisce a tutti le mail di risposta ……
Marco Rousseau

Se lo dice Rousseau.

Il pragmatismo però sta prendendo il sopravvento e i più avvertiti definiscono rette linee di comportamento collettivo con una certa tensione didascalica:

Cari Colleghi, poichè mi stanno giungendo tutte le vostre mail pregherei Voi, e chi ci legge per la prima volta, di non rispondere nè alle risposte nè all’invito della segreteria organizzativa, sì da interrompere questo circolo vizioso che si è creato, nella speranzosa attesa che qualcuno della medesima segreteria si sia accorto del problema
e stia provvedendo.
Vi ringrazio e Vi auguro buon lavoro.
Avv. Edoardo Nocchi

Sarà l’augurio di lavorare forse fuori luogo? C’è che non tutti capiscono il mentore:

Non so cosa stia accadendo. Non ho mandato mail. Credo ci sia un problema nell’invio da parte della cancelleria telematica.
Clara Mecacci
Sent from my BlackBerry® wireless device

Il BlackBerry è uno strumento insostituibile per l’avvocato. Non lo stesso può dirsi nella perizia dell’usare Internet.
 Segue allora:

Credo di non essere la destinataria del mess; in più sto ricevendo e
 mail di Colleghi: Grazie. Cordialità.
Avv. Catia Dragoni

Di cordialità, si vede, ce n’è bisogno. Perché sono passate quasi due ore e l’ondata non si placa. In più questa professionista ha addirittura delle crisi d’identità: cambia nome tra un messaggio e l’altro.

Mi stanno arrivando di continuo e mail di Colleghi che mi intasano
 la posta elettronica. Provvedete al più presto.
Avv. Katia Dragoni
Questa volta con la kappa per rendere più autorevole il nome

Comunque provvedere a che non si capisce. E poi: è proprio così grave ricevere delle mail di colleghi?

Oddio, una email di un avvocato effettivamente sì, una certa tensione dovrebbe pur mettertela.

Vedersi popolare la casella postale con messaggi di tanti avvocati in rapida successione effettivamente può generare una certa paura.

Ma dopo una giornata come questa… anche no. Chi potrà esimersi dal mandar loro indietro un messaggio simile a questi?

Ma gli avvocati hanno paura della propria stessa categoria, così qualcuno scantona terrorizzato:

AIUTOOO!!! MI STANNO ARRIVANDO DECINE DI E-MAIL DALLA CANCELLERIATELEMATICA CON MESSAGGI DI ALTRI AVVOCATI !!
 COSA ACCADE ??
AVV ALESSANDRO ROSSI

È l’inizio del panico collettivo

che succede???
 mi arrivano continuamente messaggi di colleghi dalla cancelleria telematica….
Avv. Enrica Borgianni

La paura si diffonde:

Anche a me continuano a pervenire risposte di Colleghi ai quali io non ho assolutamente scritto!
Barbara Ramagini

Seguono agitazione, nervosismo, eccitazione:

Perche’ mi arrivano mail di altri avvocati? Fate qualcosa!avv. Sarah Musio
 Sent from my BlackBerry® wireless device from WIND

ma anche preoccupazione, ansia, apprensione, inquietudine, turbamento, angoscia

Anche io non capisco cosa sia successo ma mi sono arrivate tantissime mail di risposta
Avv. Rossana Maria Sangiovanni

(non c’entra nulla ma vorrei plaudire al disclaimer dell’avv. Sangiovanni che mi sembra uno dei migliori mi sia mai capitato di leggere: “Le informazioni contenute nella presente comunicazione ed i relativi allegati possono essere riservati e sono, comunque,destinati esclusivamente alle persone o alle società sopraindicate. La diffusione,distribuzione e/o la copiatura del documento trasmesso da parte di qualsiasi soggetto diverso dal destinantario è proibita, sia ai sensi dell’art. 616 c.p., che ai sensi del D. Lgs. n.196/2003. Se avete ricevuto questo messaggio per errore, Vi preghiamo di distruggerlo ed informarci immediatamente inviando un messaggio all’indirizzo e.mail sorgente”).

A questo punto a mali estremi, si propongono estremi rimedi, a cui corre l’obbligo di esprimere tutto il senso della nostra solidarietà:

MITTENTE BLOCCATO. D’ORA IN POI I MESSAGGI FINIRANNO NELLA POSTA INDESIDERATA. COMPLIMENTI A CHI GESTISCE. BELLA INTELLIGENZA.

sdoganato il filtro anti-spam c’è chi si accoda subito

anch’io.r.russo

Ma per qualcuno la mailing-list è stata l’occasione per incrinare la certezza che l’email fosse regionalmente confinata, come l’ordine professionale:

MI SPIACE MA CREDO CHE IL PROBLEMA SIA PARTITO DAL TRIBUNALE DI FIRENZE.
Immagini che io esercito a Palermo.
Cordialità
Cristiano Pollarolo

Immaginiamo anche noi: queste mail diaboliche scavallano le Regioni. Anatema! Quindi corre l’obbligo di stigmatizzare l’incolpevole Cancelleria Telematica.

Spett.le Cancelleria telematica,
mi stanno arrivando in continuazione mail di colleghi che sostengono di avere ricevuto da “me” questa mail che “voi” mi avete inviato. Vi prego pertanto di provvedere a far cessare immediatamente questo increscioso episodio.
Grazie. Avv. Elisa Bardelli
Siamo nel pieno della commedia degli equivoci: l’hanno ricevuto da me ma l’avete mandato voi ma tutti rispondono a tutti…. Che mal di testa!

D’accordo, l’episodio sarà pure increscioso, ma è senza dubbio spassoso, soprattutto quando qualcun non sa a che santo votarsi:

Aiuto!!!!
Ho lo stesso problema di tutti gli altri Colleghi.
 Chi l’ha innescata fermi questa catena di Sant’Antonio.
Avv. Gianni Pane
Ma quale catena? Quale Sant’Antonio?

Poi c’è chi non sa esimersi da una pia preghiera, non senza trovare l’opportuna occasione di rispondere circa la partecipazione al convegno incriminato.

mi stanno arrivando e-mail a raffica da parte di Colleghi infastiditi. Credo che sarebbe opportuno da parte Vostra sospendere ogni ulteriore invio.
Al convegno non potrò presenziare
 Grazie
Avv. Piero Ponti

Qualcuno, dotato forse di un malato senso dello humor propone:

… nessun errore, è solo per farci passare il tempo, visto che noi
 avvocati non abbiamo nulla da fare.

La cosa non fa per nulla divertire quello successivo:

In data odierna mi avete inviato una email che mi sta creando notevoli problemi in quanto decine di avvocati stanno rispondendo al mio indirizzo di posta.
Vi prego di provvedere al più presto a risolvere l’inconveniente.
Distinti saluti.
Avv. Gino Mannocci
Ai sensi e per gli effetti della L. 675/96 e del D.lgs. n. 196/2003 (tutela della privacy) si precisa che questa e-mail è inviata unicamente ai destinatari sopra esposti con espressa diffida di leggerla, copiarla, usarla senza autorizzazione. Se avete ricevuto questa copia per errore, vogliate distruggerla o contattarci immediatamente.
Grazie per la Vostra collaborazione

Ora… ci sarebbe da chiedere a quest’avvocato come è possibile rispettare il disclaimer riportato se non è possibile leggerlo. È un disclaimer che si situa tra il capitolo “Misteri della fede” e quello del “Paradosso di Schroedinger”. Io però, a scanso di equivoci, l’ho riportato così, tal quale, senza neppure leggerlo sia chiaro! Non si sa mai.

A quel punto qualcuno rende edotto il consesso che

State inviando spamming a destra e a manca. Ho già ricevuto almeno 30 mail da colleghi e messaggi di ritorno alla vostra mail.
Vi invito ad attivarvi per far cessare subito la cosa.
Avv. Alessandro Ciceri

Loro stanno invianno spam. Ma chi? Chi si dovrebbe attivare? Il cervello dei partecipanti forse?

basta non ne posso più. mi sono arrivati ben 30 e mail di risposte
 di colleghi che, come il collega Nicolodi non ho sollecitato.
avv. Francesca Pietra Caprina,
Tutto si risolverebbe se le avesse sollecitate?

Invece per la serie “pagliuzza e trave” si può leggere il seguente:

Credo vi sia un problema nella Vostra posta elettronica. Ho ricevuto oltre 10 mail con lo stesso contenuto e con varie risposte di colleghi
Vi prego di provvedere
avv. Maria Grazia Poli.
Come si sa bene la posta del vicino è sempre la più rotta.

Al che, con una fantastica email su carta intestata, allontana da sé ogni responsabilità e risponde:

Di Bello~Antoniazzi&Partners
 Studio Legale
credo che il problema sia della cancelleria telematica:continuano ad arrivare risposte di colleghi alla cancelleria a tutti coloro che hanno ricevuto la comunicazione del convegno.
Saluti.

Amen. Allora inizia a serpeggiare una tragica consapevolezza:

Ho la casella intasata da email cancelleria telematica. Ci deve essere un errore
Avv. Giovanni Ligato

L’importante è dire la propria, anche se è la stessa che Pomponio aveva spalmato sulla mailing-list con grande meticolosità.

Allora c’è bisogno di un’altra sagace richiesta

per cortesia ho la mail intasata da qiueste comunicazioni prego gentilmente di smettere
avv. daniela tamborino

e dopo la preghiera viene la perspicace considerazione

ATTENZIONE!
La vostra email sta provocando una catena fra tutti i destinatari che si ritrovano la posta elettronica intasata.
Cercate di ovviare quanto prima al problema destinatari.
Cordialità.
Avv. Antonio Benvenuti

ormai i convenevoli di rito sono spariti, si va dritto al sodo:

mi sono arrivati 45 messaggi, volete smetterla!?
Grazie

guardandosi bene anche lui dal farlo cosicché non resta al prossimo che frignare

fermatevi

Al che un altro esagera:

Basta mi state intasando la posta elettronica per favore interrompete mi arrivano centinaia di vs messaggi e ogni risposta collegata!!

Centinaia! Più ogni risposta collegata! Ma vaaai!

Saranno fin qui arrivate 30 mail, cioè quante a me ne arrivano in mezzora di un giorno calmo e su una sola delle caselle che solitamente
 controllo. Senza parlare di Wave, Facebook, Twitter e altro. Ma però… come s’intasano facile ‘sti avvocati!

Per favore smettete di rispendere perchè le mail arrivano a tutta la mailing list della cancelleria telematica.
Grazie
Fabio Pianti

Questa è veramente una scoperta illuminante. Il problema è che le mail arrivano a tutta la mailing-list…

Purtroppo però

una mailing-list SERVE a far arrivare messaggi a tutti.
By design, baby!

C’è chi didascalicamente cerca di porre il problema nella sua prospettiva storica:

Bloccate per cortesia lo spamming generato dal mittente originario. I gestori di cancelleria telematica si diano da fare.
Tutto è partito con un invito ad un convegno. Saluti. Avv. Maurizio Milani

e invece chi preso dallo sconforto esclama

Che bega

non senza dimenticare d’informarci che il suo messaggio è

Sent from my BlackBerry® wireless device

Però c’è chi non si perde d’animo e continua ad esortare

Anche io continuo a ricevere le email. Vi prego di provvedere in merito
avv. Cecilia Cappelletti

Alle ore 20 e 50 sorge una tragica consapevolezza:

se il convegno è organizzato come questa mailing list…. 😉

Ma che c’entra?

Però non tutti gli intasamenti vengono per nuocere, questo infatti permette all’Avv. Barbetti di ritrovare l’Avv. Caprina. Lascerebbe intendere che questo ‘intasamento’ funzioni meglio dell’albo stesso…

guarda che caso! Francesca grazie a questo intasamento le nostre poste si sono incrociate! ciao ciao,
Avv. Carlotta BArbetti

L’effetto farsesco dovuto alla strana consonanza dei cognomi Barbetti e Caprina con le poste incrociate è quasi nullo rispetto all’involontaria amenità realizzata dal provider telefonico del prossimo messaggio

Sto perdendo il conto delle mail che mi stanno arrivando. Per favore qualcuno blocchi il server!
Avv.Cristina Sorelli

cui segue un

Le mail ti raggiungono ovunque con BlackBerry® from Vodafone!

Il combinato disposto della pandemonio in mailing-list e del Blackberry di Vodafone che ti fa seguire ovunque dalle mail rendono questo thread qualcosa di vicino ad una maledizione divina.

E quindi il prossimo diventa addirittura qualcosa di biblico:

Mi sento in dovere di dire: è l’apocalisse.

Sarà un dovere teleologico, evidentemente, che esaspera qualcuno:

BASTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA !!! ACCIDENTI AI TRABICCOLI TELEMATICI, RIDATECI LA POSTA PNEUMATICA!!!

e poi il prossimo

BASTA, NON NE POSSIAMO PIU’!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Non poteva mancare la necessità d’invocare l’intervento improvviso ed inaspettato di qualcuno che agisca in modo risolutivo su tale questione intricata e complessa:

Io chiamo il Gabibbo.

E anche in questo caso cala come una maledizione il teaser:

Le mail ti raggiungono ovunque con BlackBerry® from Vodafone!

Chissà se il Gabibbo può tanto…

Ma c’è sempre quello che adotta un atteggiamento scientifico e visto il periodo e i temi caldi nelle notizie del momento

forse avete un problema o un virus.
PROVVEDETE

Ed infine l’intervento risolutivo:

E smetterla tutti di scrivere?

Pataponfete! Così termina il thread del secolo. A quel punto immaginiamo una mano pietosa ha “provveduto” a correggere l’ “errore”, a riportare sotto controllo il “disguido” bloccando la mailing-list. È calato così il silenzio altrimenti, ne siamo certi, ancora oggi staremmo a leggerne.

L’Italia, prima ancora che l’ordine forense, dovrebbe meditare su quanto è successo e prendere coscienza del livello dell’alfabetizzazione tecnologica dei professionisti italiani.

Una sola mail non è stata riportata nella sua scansione temporale che fin qui si è mantenuta. Non era l’ultima ma certamente la più adeguata alla chiusura. Eccola:

From: cancelleriatelematica@liste.rete.toscana.it
 Date: Thu, 8 Oct 2009 21:24:21 +0200
Grande… Secondo me qualcuno vuol scrivere un libro sulle reazioni degli avvocati agli stimoli tecnologici..
Rileggete tutte le mail di replica e rideteci su come me!
Ciao colleghi, buona serata.
Flavio Bindi

Tutti noi, sì, una risata ci spammerà.

Comunque visto il successo di quest’anno, il prossimo anno la manifestazione andrà oltre e si chiamerà “Dire, Fare, Baciare, Lettera (Email) e Testamento” e il convegno avrà titolo: “Totò, Peppino e la professione forense su Internet: l’esperienza della mailing-list della Cancelleria Telematica Toscana”.

Emmanuele Somma

Riferimenti: L’indirizzo originale del pandemonio è:
 http://www.liste.rete.toscana.it/pipermail/cancelleriatelematica/mail4.html ovviamente dovete scorrerlo all’indietro per apprezzarlo al meglio.

Ne ho ovviamente fatta una copia a futura memoria.

30–10–2009 “Avvocati: SPAM”R”US. Il Thread del Secolo” © Copyright 2009 by Emmanuele Somma (esomma@ieee.org) e i Fratelli Marx della mailing-list della Cancelleria Telematica Toscana

Licenza di distribuzione ‘verbatim’: La copia letterale e la distribuzione di questo articolo nella sua integrità sono permesse con qualsiasi mezzo, a condizione che questa nota sia sempre riprodotta. Sei vuoi, puoi ridistribuire questo articolo nelle discussioni, sui blog o sui siti che frequenti: non equivarrà mai al prime-time di Sanremo, ai telegiornali della televisione di stato, o ai grandi giornali quotidiani, potere riservato ai discografici, burocrazie, politici e grandi editori, ma può rappresentare una importante modalità alternativa. Spread the word (*and* the /free/software).

STANDARD DISCLAIMER: Ai sensi e per gli effetti della L. 675/96 e del D.lgs. n. 196/2003, del nono emendamento della Costituzione Materiale dello Stato Libero di Bananas e del comma 22 dell’articolo 42 della D.p.r.k. n. 47/2009 si precisa che questo messaggio è inviato unicamente agli esposti sopra destinati con espressa diffida di leggerla, copiarla e soprattutto usarla per scopi intimi senza autorizzazione. Se avete usato questa copia per errore, vogliate conservarla con estrema cura e contattare immediatamente il più vicino ospedale psichiatrico.

Rigraziamenti: Zampinella per aver morso l’uomo, Phil Connors per alcuni passaggi, ele per baciare-lettera-testamento, e poi Babele Dunnit e tutti i partecipanti del Wave di revisione.

Categories: Computer Society, eGovernment, Eventi, Humor, Liberacultura, Scritture


Originally published at exedre.xed.it.