L’UOMO COL CUORE IN SOFFITTA

l’uomo col cuore in soffitta

non temeva infarti

o simili incidenti

il metronomo del suo corpo

era costantemente sorvegliato da una macchina

e ne garantiva l’eccellenza

ormai l’uomo col cuore in soffitta

non aveva più paura della morte

tante ne aveva vissute

e tante ne aveva da vedere

non si preoccupava

ma l’uomo col cuore in soffitta

non sapeva che l’infarto è molto meno peggio

di un amore non corrisposto

lo scoprì a sue spese

quando la donna che amava e desiderava

gli disse che non poteva amare

un uomo col cuore in soffitta

fu allora che il suo cuore in soffitta

accudito dalla macchina che ne garantiva la funzionalità

smise di battere

e l’uomo col cuore in soffitta

morì