La nostra Europa
Graziano Delrio
18128

Santissime parole e totalmente condivisibili. E dunque, che si fa? Ci fermiamo a queste belle enunciazioni? Una cosa che sarebbe bello vedere, è un Partito Democratico che, insieme ad altri in Europa, riprende carta e penna (o desktop, i tempi cambiano!) e prova a disegnare un percorso, con tappe, traguardi intermedi, tempi realistici, che ci porti nella direzione degli Stati Uniti d’Europa. Si dirà: oggi non è più di moda, chi mai ci verrebbe dietro? Non è vero, non è così. Se si ha il coraggio e la forza delle proprie idee, se si è capaci di affermarle con la dovuta forza e convinzione, il seguito lo si trova, eccome! Oggi ci si lamenta che la gente non ha più speranza, non vede un futuro, ma è proprio questo il punto: la gente ha bisogno di speranza, la gente ha bisogno di futuro, di prospettive. Ma se nessuno glie le dà, se quelli che parlano distribuiscono solo paure e ossessioni, se chi dovrebbe indicare queste speranze e questo futuro perde solo tempo dietro a disquisizioni su congresso sì, congresso no, anzi, assemblea programmatica, e poi chi vincerà, Renzi, Franceschini, o Del Rio. Ma porca miseria, la volete capire che a noi non ce ne frega niente dei vostri equilibri, dei vostri ego ipertrofici, del vostro strabismo, delle vostre schizofrenie? Che da voi vorremmo sentire parole di forza, di speranza, e invece vediamo solo dita negli occhi? Vi scongiuro, piantatela, e piantatela tutti, non è solo Bersani che andrebbe preso a sberle, dovreste davvero prenderle tutti!

E qui veniamo all’altra Europa, quella che c’è oggi. Avrà mille difetti, ma non dimentichiamoci che l’Europa di oggi è quella che avete fatto, e state facendo, “voi”. E quando dico “voi”, intendo proprio voi, visto che, per dire, il PD è il più grosso partito europeo nello schieramento socialista. Dunque, prima di lamentarvi, fatevi un esame di coscienza. E poi, nelle critiche alla “cattiva Europa della Merkel”, per cortesia, andiamoci piano. Noi siamo sempre stati, nel passato, pesantissimamente inadempienti e abbiamo dimostrato (ai tempi della “finanza creativa” di quel genio di Tremonti, e anche prima) di essere totalmente inaffidabili. E nonostante ciò, nell’ultimo triennio (sicuramente grazie alle ottime azioni del vostro Governo), siamo stati ”gratificati” di una trentina di miliardi di flessibilità (a parte terremoto e immigrati, naturalmente, per i quali è sacrosanto pretendere lo scorporo), e pertanto non dobbiamo strapparci troppo le vesti se a Bruxelles ci dicono: “Ragazzi, ora basta”. Perchè comunque non abbiamo abbassato il debito, non abbiamo fatto una seria spending review, e adesso abbiamo fatto cadere un Governo che stava costruendo un minimo di credibilità, e il partito di maggioranza relativa sta ora dando lo spettacolo desolante che non è solo sotto i nostri occhi, ma sotto gli occhi di tutta l’Europa. Caro Del Rio (o caro Renzi, o caro Gentiloni), ma se fossi nei panni di Schauble, o della Merkel, o di chi vi pare, ma come vedresti il futuro dell’Italia, anche solo guardando quello che succede al Nazareno, o quello che sta succedendo a Roma? Perchè, diciamocela tutta, Roma è stata messa nelle mani di quegli sconsiderati dei Cinque Stelle, proprio dall’incapacità del PD di gestire la situazione locale. E allora, forse è bene lasciare perdere i sogni di Stati Uniti d’Europa, visto che i nostri politici (voi) non sono capaci di costruire un presente (e un futuro) per la nostra Capitale e il nostro Paese, presi come sono dai loro incommensurabili ombelichi!

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.