Scoperta l’identità di Satoshi Nakamoto?
Michele Travagli
201

Mi sembra assolutamente impossibile che una persona (o un gruppo di persone) come Satoshi Nakamoto che si è/si sono mantenute nascoste per anni non abbiano utilizzato i metodi di crittografia e di anonimizzazione che ci sono messi a disposizione. Quindi non credo a queste rivelazioni.

Io sarei indifferente al fatto che Sathoshi Nakamoto sia uno pseudonimo per i servizi segreti russi o cinesi. Non credo comporterebbe qualcosa. Anzi! Sarebbe una buona volta che questi servizi segreti fanno qualcosa di buono.