Modesta guida all’uso del rasoio a mano libera.

Tags: Abilità, Piaceri della vita, Rasatura, Skills

Cosa avere e come fare per radersi splendidamente il volto

Nella foto del titolo potete vedere il primo dei rasoi da me acquistati, un Le Jaguar pagato 27 euro comprensivi di spedizione dalla Francia. Ed ora con tutta la modestia del caso, vista la mia relativamente recente esperienza con i rasoi a mano libera ed il rituale della rasatura classica, mi accingo a scrivere un breve memorandum sui passi necessari per non incorrere in errori grossolani; consiglio comunque a chi interessato davvero a cimentarsi su questa strada di informarsi approfonditamente su forum e video appositi di cui il web è pieno.

Nell’altro Post, da cui sicuramente siete arrivati, non ho messo di proposito i passi esatti per il procedimento della rasatura classica perchè non era l’obiettivo dell’articolo, in rete ci sono video che vi mostrano passo passo come preparare la faccia, come montare la crema in modo ottimale od anche l’importante concetto del proprio personale facemap, cioè la direzione in cui i vostri peli crescono, in modo da sapere sempre in che direzione far scorrere il rasoio per seguire la direzione del pelo, andarci lateralmente o per i più esperti e rasature perfette contropelo.

Per scoprire il proprio personale ed unico facemap è sufficiente passare con barba ancora da fare le dita o la mano sulla pelle lentamente prima in una direzione poi nelle altre e si scopre facilmente la nostra inimitabile facemap. Tenetelo sempre a mente ciò che avete appena scoperto, vi sarà utilissimo ogni volta che vi rasate il volto. Ma veniamo a questa modesta e di certo non esaustiva guida per chi vuole cimentarsi in questo affascinante mondo che potrebbe riservargli piacevoli scoperte, occorrono poche cose acquistabili con poca spesa, quali:
 1) Pennello, consiglio l’omega in setola, uno dei migliori dicono tutti è il 48 credo intorno ai 10 euro, io ho un altro sempre Omega, sempre in setola pagato sui 3/4 euro.
 2) Prebarba; io ho preso quella verde della proraso ad un costo credo di 3 euro, ho anche il Prepp preso sempre a tre euro.
 3) Crema o sapone da Barba; ho acquistato sempre proraso ad un costo per la confezione da 150 grammi, che dopo oltre un mese di uso quotidiano non sono neanche a metà, di circa un paio di euro(1,99). Comunque c’è anche bianca, rossa e altro per chi ritiene l’odore di mentolo della verde troppo forte.
 4) Allume di rocca, e non parlo dello stick/matita che sicuramente già avete, ma un bel cubetto simile ad una saponetta, oppure vi sono anche versioni cilindriche per chi le preferisce; costo sui 3/5 euro; lo trovate in farmacia, ma non solo.
 5) Rasoio a mano libera; sconsiglio di comprare imitazioni moderne cinesi che si trovano in rete per pochi euro, spendete poco ma avrete poco o niente come risultato; ho scritto nell’altro post come dai 30 ai 50 per un ottimo rasoio o i 100 per le due tre marche più ricercate dai collezionisti si trovano rasoi favolosi anche mai usati che non solo sono di un acciaio migliore di quelli odierni, ma nel caso li volete rivendere, faranno in modo che i soldi spesi tornino nelle vostre tasche, meno la spedizione of course…
 6) Dopobarba, non è obbligatorio, potete anche solo lavarvi con acqua fredda, ma perchè limitarsi nei piaceri; soprattutto le prime volte che qualche grattata alla pelle soprattutto nel sottogola è molto probabile, il metterci qualcosa di lenitivo certo non farà male. Sconsiglio qualsiasi dopobarba alcolico, che stressa ancora di più la pelle,(ma c’è chi li usa), vanno benissimo invece creme idratanti anche da spruzzare, oppure il mitico floyd con pompetta stile barbiere di una volta, costo nella confezione gigante con pompetta sotto ai 20 euro, la ricarica circa la metà.

7) Ciotola dove montare il sapone da barba, nei kit ed anche da sole vengono vedute appositamente in acciaio, io per il momento per risparmiare uso una vecchia tazza da caffelatte che è circa delle stesse misure. Costo circa dieci euro per quella in acciaio professionale, zero euro se come me all’inizio riciclate qualcosa di simile che avete di già in giro per casa.

Ecco, a questo punto dovete solo aggiungere l’acqua corrente calda e fredda che è obbligatorio avere, più l’uso delle vostre manine e l’avventura nel vostro bel volto può iniziare…
 Ma vediamo nel dettaglio quali sono i passi da seguire per avere una buona esperienza di rasatura:

1) Fare la barba dopo la doccia(e di mattina) garantisce di solito le migliori rasature, se non avete da farla potete bagnare il viso con acqua calda e/o con salviettina bella Hot, il principio ed il risultato sono simili. 2) Prendere una piccola nocciola di sapone e metterla nella ciotola(o tazza da latte, caffelatte) insieme a due dita di acqua bollente in modo da dargli tempo di ammorbidirsi un po’ 3) Mettere sul viso la crema o olio prebarba

4) Togliere l’acqua dalla tazza dove abbiamo messo il sapone e con il pennello montare tramite movimenti circolari il sapone da barba; se occorre aggiungere con le dita poche gocce d’acqua alla volta in modo non sia troppo asciutta.

5) Usando il pennello sempre con movimenti preferibilmente circolari insaponare bene la nostra stupenda faccia. 6) Aspettare un minuto o due per dare tempo al sapone di agire, in questo modo vediamo anche se è della giusta consistenza, visto che se non lo è, o cola giù perchè troppo acquoso oppure tende a rinsecchirsi se troppo asciutto tipo il sapone della bomboletta.

7) Seguendo la direzione del pelo vista con il facemap e tenendo il rasoio inclinato con la lama ad un angolo non superiore ai 20/30 gradi rispetto alla pelle iniziare a radersi seguendo il verso del pelo (non fare mai pressione sulla lama, il rasoio deve accarezzare la pelle, bene invece aiutarsi sempre con l’altra mano per mettere bene in tiro la pelle che stiamo rasando).

8) Continuare fino a radersi completamente la faccia o perchè svenuti causa eccessiva perdita di sangue dovuta a profondi tagli…

9) Per le prime volte io eviterei di andare lateralmente al pelo o addirittura contropelo, al limite dopo aver di nuovo abbondantemente insaponato la nostra superba facciona come descritto al punto 5, passare una nuova volta seguendo la direzione del pelo come descritto al punto 7. Mai e ripeto mai anche per piccoli ritocchi passare il rasoio sulla pelle asciutta senza che in essa vi sia del sapone, rischiate solo taglietti ed irritazioni che avreste potuto evitare mettendo un po’ di sapone sulla zona da ritoccare.

10) Sciacquare abbondantemente la faccia con acqua fredda, meglio se gettata a spaglio; mi spiego meglio, abbassate la faccia vicino al lavandino fate pienare le mani di acqua e la lanciate sul viso. 11) Con il viso non del tutto asciutto passate su di esso l’allume di rocca(dove avrete grattato/irritato la pelle sentirete pizzicare leggemente la pelle, con il tempo ciò arriverà a non esistere).

12) Dopo qualche minuto prima che la pelle si secchi troppo risciaquare con acqua o se avete già un prodotto tipo floyd o qualche idratante spray, vi spruzzate sulla faccia quello.

Tutto finito, a leggerlo sembra lungo e complesso, ma nella realtà è semplice, piacevole ed estremamente gratificante.
 Certo non ci metterete due minuti, anche se una volta imparato il tutto si velocizza notevolmente, ma volete mettere il trasformare quello che era una noiosa seccatura/dovere/obbligo in un piacere; una volta imparato non vedrete l’ora che la barba ricresca per poterla tagliare di nuovo…

Per dovere di cronaca e soprattutto per chi ha sempre usato la schiuma in bomboletta, vi dico che per imparare sarebbe cosa buona e giusta sostituire nel punto otto e nove il rasoio a mano libera con il nostro rasoio mono o multilama che abbiamo utilizzato fino ad oggi; questo almeno fino a che non abbiamo preso familiarità con il montare correttamente il sapone. La qualità della rasatura ne beneficerà incredibilmente ed una volta imparato a fare il giusto sapone al giusto momento che risulta più facile non cambiando ancora rasoio, possiamo finalmente fare il salto di qualità e radersi con il mano libera.

Questo sarebbe l’ottimo, ma certamente io non l’ho fatto e quasi nessuno lo fa; come resistere a radersi con tale meraviglia quando lo hai lì pronto e disponibile, che importa se le prime barbe non sono perfette, impareremo, così è stato per me e sicuramente sarà per Voi.

Preciso che non prendo soldi da nessuno e non è mia intenzione fare pubblicità a nessuna delle marche citate, io ho ed uso per il momento quelle, mi ci trovo bene e così fanno molte altre persone, sono di buona qualità ed a costo irrisorio rispetto ad altre più luxury e quindi per iniziare, per capire se la rasatura classica fa per noi sono perfette, dato che a spendere di più saremo sempre in tempo in seguito, se e solo se la cosa ci appassiona.
 Lo stesso per il rasoio a mano libera, nel mercato del vintage si trovano rasoi ottimi di qualità fantastici magari rimasti invenduti, per chi compra solo roba nuova deve prepararsi a spendere molto di più, da un minimo di 80–100 euro per gli entry level di marca fino a 2–300 euro ed oltre per pezzi più pregiati.

Piccolo accorgimento, visto che siamo io come voi dei principianti, non comprare almeno all’inizio rasoi con lame che terminano con la lama ad angolo retto o addirittura acuto, ma optare per lame stondate alla loro estremità, la quasi totalità dei tagli soprattutto di chi è agli inizi, ma non solo, sono causati proprio da quel piccolo angolino finale.
 Un rasoio con lame che terminano come questo messo nel titolo o anche l’altro del post precedente, il magnifico SEDUCTION sono certo più indicate per chi ancora non ha centinaia di barbe di pratica all’attivo.

Buona rasatura e seduzione a tutti voi!

Sergio

sergio@fireofman.com

oppure:

fireofman@fireofman.com


Originally published at fireofman.com on December 16, 2016.