I cinque nuovi luoghi in cui il DASPO sarebbe (IRONICAMENTE— forse) utile

Foto trovata nell’Internet

Cinema, aereo e altri nuovi luoghi in cui il divieto d’accesso sarebbe d’obbligo — per scherzo ma neanche troppo

Ci sono dei luoghi in cui la quiete, l’eleganza e soprattutto l’educazione dovrebbero essere d’obbligo. Talvolta però, i frequentatori, fanno di tutto per metterci nelle condizioni di desiderare un divieto d’accesso proprio come accade nelle manifestazioni sportive con il DASPO.

DASPO è l’acronimo di Divieto di Accedere alle manifestazioni SPOrtive.
Bisognerebbe crearne altri per tutte quelle manifestazioni o eventi che ospitano, loro malgrado, persone indegne e che lo sono diventate a causa dei loro comportamenti.
La normativa introdotta in Italia per contrastare la violenza in occasione di manifestazioni sportive nasce in particolare per le partite di campionati di calcio.

Siccome non si vive di solo calcio e di solo sport, ecco di seguito I CINQUE DIVIETI D’ACCESSO necessari per far si che la mia tranquillità non venga mai meno.

DACIN — Divieto d’Accesso al CINema

Il DACIN dovrebbe essere applicato nei seguenti casi:
- sgranocchiamenti e risucchi di cannuccia nei cinema con sale piccole e d’essai
- chiacchiere moleste
- commento delle matrone ad ogni scena
- cricche di amici maschi over 40 con il maschio alpha che anticipa ogni scena dichiarando quello che lui avrebbe fatto al posto del protagonista
- mamme in prima fila che accendono i cellulari e illuminano a giorno la sala

DAAER — Divieto d’Accesso in AEReo

Il DAAER dovrebbe essere applicato nei seguenti casi:
- applauso all’atterraggio
- persone over 20 che ridono durante le istruzioni di sicurezza delle hostess/stuart
- persone over 10 che, in dialetto, dicono all’amico/amica “ha detto che sei un coglione” dopo che il comandante ha fatto il suo annuncio in inglese
- cricche over 30 moleste
- persone che fanno il bisogno grosso e non tirano lo sciacquone

DARIS — Divieto d’Accesso al RIStorante

Il DARIS dovrebbe essere applicato nei seguenti casi:
- soggetti che decidono di far partire video da youtube a volume da festival di musica metal
- genitori che, durante il pranzo, rendono i propri figli orfani e liberi di vagare tra le gambe dei camerieri e tra i tavoli
- coppie che mangiano per due ore senza fiatare

DACON — Divieto d’Accesso ai CONcerti

Il DACON dovrebbe essere applicato nei seguenti casi:
- soggetti che alzano i gomiti, senza senso, in zone della platea in cui c’è tantissimo spazio
- soggetti che camminano tra la calca con la birra non in evidenza
- soggetti che si dimenticano di avere uno zaino da campeggio sulle spalle e sparecchiano nel raggio di 5 km
- soggetti che in un piccolo club con un’acustica pessima — e un evidente limite del suono di 90–95 db — stanno al bancone e ridono continuamente a 120 db

DALEZ — Divieto d’Accesso a LEZione

Il DALEZ dovrebbe essere applicato nei seguenti casi:
- soggetti che durante la lezione, in un corso che non prevede l’obbligo di frequenza, stanno a chiacchierare dei cazzi loro col docente che si interrompe per fissarli ogni 2 minuti
- soggetti che a 30 secondi dalla fine della lezione fanno la domanda del secolo
- over 50 che fanno la battuta simpatica al docente

Show your support

Clapping shows how much you appreciated Fotografist’s story.