Penso che la programmazione sia una forma d’arte contemporanea, dove lo sviluppatore mette creatività e passione