Trattengo il tuo sguardo
ed un sorriso è nel vento.
Le parole vagabonde incespicano
così che scorre fra noi
solo il respiro del silenzio.
Poi,
se tutto è muto nella casa
se il ceruleo della sera
ormeggia alla mia porta,
io in questo cavo della mano
ascolto il nostro tacere
e dolce mi risveglio
spegnendomi lontano.

Like what you read? Give Francesco Turci a round of applause.

From a quick cheer to a standing ovation, clap to show how much you enjoyed this story.