Perché James Bond è uguale a Mohammad

L’idea di superiorità razziale è ancora molto comune a vari livelli di consapevolezza, e serpeggia con relativa regolarità in ogni popolo o gruppo vincitore.

In linea di massima, si tende a supporre che le civiltà avanzate siano il frutto di individui migliori: se un popolo è più progredito di altri, dovrebbe significare che gli individui di cui è composto possiedono mediamente qualità superiori. Questa convinzione fu alla base del cosiddetto razzismo scientifico del primo Novecento, quando molti intellettuali dell’epoca tentarono di spiegare la superiorità della civiltà occidentale con criteri da loro ritenuti scientifici e, rifacendosi all’evoluzionismo di Darwin, si convinsero che il genere umano fosse suddiviso in razze, ognuna a un diverso grado di evoluzione rispetto alle altre. Le intenzioni erano buone — dare una spiegazione all’enorme distanza civile che separava gli europei dai selvaggi dell’Africa, dell’India e delle Americhe — il presupposto di partenza invece era sbagliato. A fronte di un’evidente superiorità civile, infatti, tutti gli sforzi per trovare la prova scientifica di una superiorità individuale o razziale, risultarono vani e in molti casi anche grotteschi.

Nonostante ciò, quella tacita equazione secondo cui a gruppi più progrediti corrispondono individui più progrediti, alberga ancora nella mente di molti perché a un livello superficiale non si vede altra soluzione: del resto, il successo di una squadra a cosa può esser dovuto se non alla qualità dei suoi giocatori!

Se quell’equazione fosse vera, avremmo una giustificazione antropologica del razzismo che dovremmo accettare anche se infrange la morale — la natura non si cura delle nostre sovrastrutture e, in termini biologici, parole come etica, morale, giustizia, bellezza, dignità, onore ecc., non hanno il minimo senso.

Se dunque fosse vero che a culture superiori corrispondono individui superiori, dovremmo prenderne atto e dire, ad esempio, che l’Occidente è fatto di materiale umano strutturalmente migliore rispetto al Medio Oriente, o all’Africa. Dovremmo a questo punto riconoscere che esistono razze ordinabili gerarchicamente per facoltà intellettive e morali; e che non siamo tutti uguali.

Come possiamo essere uguali ai beduini del deserto se noi facciamo i viaggi intercontinentali mentre loro vanno in giro col cammello?

In realtà non è mai stata dimostrata alcuna differenza qualitativa nelle facoltà intellettive di singoli appartenenti a diverse etnie: se un beduino nasce e cresce in Europa, per esempio, diventa mediamente indistinguibile dall’europeo medio per quanto riguarda le facoltà intellettive e morali, è evidente. Di esperimenti di questo tipo è zeppa la Storia, non se ne dovrebbe nemmeno discutere. Basta quindi la semplice osservazione dei fatti per concludere che non esistono differenze individuali intellettive tra europei, beduini, boscimani, aborigeni australiani e quant’altro. Piuttosto la vera domanda da porsi dovrebbe essere:

se il beduino e l’europeo hanno uguali capacità intellettuali e morali allora da dove derivano le differenze culturali?
In altri termini: se il progresso culturale non è legato alle facoltà intellettive, da cosa può essere mai determinato?

La risposta è: dall’ecologia.

Armi, Acciaio e Malattie
 di Jared Diamond

Nel suo libro Armi, Acciaio e Malattie, Jared Diamond spiega molto bene come lo sviluppo culturale sia dovuto a una serie di cause di natura esclusivamente ecologica.

L’agricoltura e la domesticazione degli animali — che furono elementi cruciali per gli sviluppi successivi — poterono svilupparsi soltanto in un’unica, piccola zona del pianeta, dove vivevano uomini mediamente intelligenti, ma molto, molto fortunati.

Un cambiamento climatico — la fine della glaciazione, circa 10.000 anni fa — indusse gli uomini che abitavano una zona eccezionalmente ricca e fertile (la cosiddetta Mezzaluna Fertile in Medio Oriente) ad abbandonare lo stile di vita di caccia e raccolta per dedicarsi a un’economia di tipo agro-pastorale. Questi uomini non possedevano particolari facoltà mentali, ma ebbero la fortuna di trovarsi in condizioni ambientali tali da dover passare per forza dalla caccia-raccolta all’agricoltura e all’allevamento degli animali. Divennero così contadini e si ritrovarono a portata di mano cibo ad alto valore energetico, come il frumento, e animali particolarmente miti da usare come cibo, come mezzo di locomozione e come importante aiuto per il lavoro nei campi.

In altre parti dove non vi fossero terreni estremamente fertili, questo passaggio non avvenne e gli uomini di quei luoghi continuarono a vivere di caccia e raccolta, ignari del fatto che un giorno la loro discendenza sarebbe stata conquistata dai contadini (e tacciata di inferiorità morale e intellettiva).

L’agricoltura produsse un’esplosione demografica con relativa conquista dei territori circostanti. Nel corso di questa espansione i contadini che superarono i monti del Caucaso raggiungendo la steppa vi trovarono il cavallo che diede loro ulteriori enormi vantaggi. La rivoluzione prodotta a causa della domesticazione del cavallo non fu inferiore a quella causata dall’agricoltura. Grazie al cavallo, questi contadini più forti, più potenti, capaci di coprire velocemente lunghe distanze e combattere in maniera più efficace, si spinsero fino a nord dove trovarono altri animali miti e addomesticabili come le renne.
 I discendenti dei contadini originari della Mezzaluna Fertile poterono quindi prosperare, aumentare di numero e colonizzare aree sempre più vaste unicamente grazie a fattori ecologici e fortuiti. In ogni popolazione, il numero degli inventori costituisce sempre una piccola percentuale. Aumentando il numero degli individui aumenta di conseguenza anche quello degli inventori. Inventarono così la ruota, svilupparono la lavorazione dei metalli, inventarono il cocchio da guerra e poi tornarono a sud del Caucaso per conquistare tutto il medio oriente fino all’Egitto armati in modo tale da non temere confronto col le popolazioni preesistenti.
Il resto è storia di Sumeri, Assiri, Babilonesi, Egiziani e così via.

Quando gli spagnoli sbarcarono nelle Americhe nel 1492, si trovarono di fronte a civiltà formidabili ma che non conoscevano i metalli, non avevano il cavallo, non avevano la scrittura e non avevano nemmeno, per loro sfortuna, la resistenza ai batteri che l’uomo occidentale invece aveva sviluppato dopo migliaia di anni di convivenza con gli animali domestici. I nativi americani non erano certo intellettualmente inferiori agli europei, semplicemente non avevano avuto condizioni ambientali tali da costringerli allo sviluppo tecnologico che invece sperimentarono gli antenati europei.
Il caso, dunque, ha un peso molto maggiore di quanto potremmo aspettarci.