Ogni pensiero merita un blog?

All’inizio di questo secolo si pensava che regnava su Internet. Le copertine delle riviste focalizzati su pubblico adolescente timbrato la grande novità da internet. Nessuno capiva molto bene che cosa era che avrebbe rivoluzionato la comunicazione di un decennio.

Il blogging gratuito e facile da gestire sono arrivati nei primi anni duemila e con un argomento molto forte. C’è su quella piattaforma, chiunque abbia accesso a Internet e un po ‘di buona volontà potrebbe pubblicare come molti testi volevano con la frequenza desiderata, e più la gente che poteva. Oltre ai testi, foto e video potrebbe anche essere pubblicati.

Per la prima volta la gente che aveva molto da dire, ma non aveva spazio, potrebbero avere e dare voce alle cose materiali senza fare affidamento su alcuni veicoli di grandi dimensioni.

Avete già pensato quanto brillante sembrava le persone che vivevano quel tempo della nascita di queste piattaforme? Dopo tutto, quante piattaforme noi? In tutto quello che devo pagare per accedervi? Queste e altre domande saranno risposte qui in una serie di testi che coinvolgono l’universo dei blog e social network.

Ma io abbandonare il posto che ti chiede, cari lettori (come). In tempi di Facebook, Instagram, Twitter e snapchat, c’è ancora spazio per i pensieri condivisi in più e testi elaborati su Internet, o blog in realtà solo una parte dello strato di “nonni” il web?