BlackBerry DTEK60 (vicino) alla vetta…

Dopo una breve recensione del DTEK50 è la volta del fratello maggiore DTEK60, anche questo prodotto per BlackBerry dall’azienda TCL (Alcatel).

BlackBerry DTEK60 è — come il fratello minore DTEK50 — prodotto per Blackberry dalla TCL

Per gran parte dei contenuti, rimando alla prova del DTEK50 dato che i presupposti di base restano i medesimi. Proseguo quindi, soffermandomi solo sulle differenze principali.

Design

Il design del DTEK60 è più raffinato rispetto al fratello minore. Tutto in vetro, bello e curato alla vista.

Elegante il design della fotocamera che si erge come un piccolo vulcano sopra il mare calmo e scuro del pannello posteriore…

Un oggetto di classe che da subito appare meno “da battaglia” del fratello minore. E in effetti il vetro posteriore che lo rende freddo in mano quanto scivoloso, assieme alle dimensioni non minimali, generano un evidente effetto “anguilla”. Il DTEK60 deve essere maneggiato con cura, perché senza cover che diano grip, tende a scivolare di mano.

Per utilizzi non troppo raffinati ho trovato superiore il design del DTEK50, leggerissimo e con ottimo grip. Il 60 è più elegante, più pregiato, ma meno pratico, poi è questione di gusti. Ad una apericena è meglio il DTEK60 mentre in cantiere sarete più sicuri con un DTEK50.

Schermo

Il pannello del DTEK60 è forse il pezzo che vale il tutto, bello e con neri profondi, colori non sballati, leggibilità ottima e una luminosità da accecare un bagnino con gli occhiali da sole. Le dimensioni di 5.5" lo rendono un device attuale ma — come abbiamo già detto — impegnativo nell’handling.

Hardware

32 GB di memoria interna, espandibile con MicroSD e 4 giga di RAM che rendono il DTEK60 davvero privo di lag. Lo era già il DTEK50 e questo è ancora meglio. Nessun problema di prestazioni anche nel multitasking più pesante, anche grazie al potente Snapdragon 820 con processore grafico Adreno 530. Da notare che lo smartphone non scalda davvero mai.
Lettore di impronte digitali fulmineo. Veramente.
Mi scrive un amico che a lui tende invece a non riconoscere l’impronta alla prima, forse dipende dal dito? forse dal training? A me non perde un colpo ma per correttezza, ve lo segnalo.

Software

Come per il DTEK50 è ottima la suite BlackBerry che anche qui gira fluidissima. La tastiera BlackBerry su questo bellissimo schermo grande si utilizza che è un piacere sul serio. Perfetta l’ottimizzazione, zero bloatware. Come ho già scritto, la suite BlackBerry è a mio avviso la migliore interpretazione di Android al pari di quella originale di Google.

Batteria

Chiude una giornata, in abbondanza. Per come la vedo io tanto basta.

Fotocamera

Giudizio non completamente positivo. In piena luce, al sole ed in esterno gli scatti sono sempre molto buoni. In queste condizioni tuttavia la fotocamera del DTEK50 non è poi troppo inferiore.
Quando la luce cala però il rumore digitale sale in modo eccessivo e compare qualche piccolo problema di messa a fuoco. Sulla carta almeno questi 21 MP, f/2.0 si sarebbero dovuti comportare meglio. Attendiamo un fix software. In scatti di architetture (immagini fisse in esterno) ad esempio il “vecchio” PRIV si comporta meglio.

2 immagini a confronto: A sinistra scatto con DTEK50 a destra con DTEK60
Lo scatto in ogni caso è davvero rapidissimo. Chi è ancora abituato ai BB10 ci resterà male. Nel tempo che un Passport impiega per aprire la app fotocamera, il DTEK60 ha già fatto 3 scatti a raffica.

Conclusioni

Migliore del DTEK50 per la batteria, ma sopratutto per lo schermo che è davvero il pezzo forte di questo BlackBerry. Design esteticamente superiore (ma è un dato per certi aspetti soggettivo) e costruzione premium, con materiali di pregio.

Per contro il DTEK60 è uno smartphone potenzialmente fragile e con un handling difficile e posso aggiungere che personalmente trovo la differenza di prezzo tra il 50 ed il 60 esagerata, almeno rispetto alle caratteristiche che i due dimostrano sul campo. Poco convincente — se non in condizioni ottime — la fotocamera che necessita probabilmente di una ulteriore ottimizzazione software.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.