La differenza stà nei particolari #webdesign #ux

Credits: Riel M

Non ricordo quanti post, segnalazioni e articoli ho scritto su questo argomento: è possibile unire le necessità di UX ad un buon design. Farlo è possibile solo tramite la cura dei particolari. Un bel design si distinuge da un buon design dall’impegno nel seguire ogni volta un iter ricorsivo di aggiustamenti e ricerca dell’ottimo partendo dal grande fino ad arrivare al piccolo.
Se diamo un senso ad ogni singola linea, separatore, icona e colore il nostro design nel complesso avrà uno scopo e sarà utile ai fini di una UX.
Anche solo scrivere un articolo come questo (che vi consiglio vivamente di leggere e comprendere fino in fondo), può darvi il senso dell’importanza dei particolari.
Ovviamente se qualcuno del vostro team o il cliente non noteranno questi accorgimenti non dovete avvilirvi perchè il vostro compito è dare il massimo in qualsiasi occasione. Al contrario se siete voi designer che non vi accorgete dell’importanza di quanto scritto in questo articolo allora siete lontani dalla vostra missione: offrire la migliore esperienza d’uso agli utenti.

Vi lascio alla lettura dell’articolo, ma voglio dare 2 spunti per farvi capire come la penso.
Usate lo spazio necessario per facilitare la leggibilità. Nell’articolo è al punto 4 “Use spacing to separate groups

Le linee guida di Google riguardo il “Material design” non sono affatto una novità, ma per molti designer vedere cosi tante indicazioni/paletti non è stato ben digerito. La mia opinione non riguarda le linee guida generali, quanto la cura del dettaglio e l’attenzione che dobbiamo porre durante la produzuone dei nostri design. Chiedersi se lo spazio è sufficiente per separare le informazioni, decidere la giusta dimensione di questo spazio eppoi riportarla in modo esatto in modo ricorsivo è un aspetto fondamentale. Ovviamente sarà vostra cura controllare che il developer di turno rispetti al px il vs design!

L’altro punto interessante è che vedo come errore in tanti design è l’uso del colore in modo errato. Prelevare i colori del brand e riportarli nel design usandoli negli elementi comuni della pagina è una pratica discutibile ma molto frequente. In questo articolo lo trovate al punto 9 come “Use brand colors as accents