Una storia, la mia “Storia” di Giacomo Trapani

Una storia la mia Storia di Giacomo Trapani

Vorrei Raccontarvi una storia, la storia di Alessia, Gaetano, Angela, Antonino, Renzo, Antonella, Erminia, Giusy, Rossella…Giacomo!
Una storia dentro la mia Storia, la parte di un racconto lungo 28 anni tutti trascorsi con una coprotagonista davvero speciale “la scuola”
Una dolce mattina di settembre era il 1986, una scuola Elementare, il vociare dei primi giorni, l’allegria, l’odore di mosto, è l’ora della ricreazione tutti i bambini nei corridoi e Giacomo 8 anni con in mano il suo panino farcito di di crema alla nocciola (Nutella) è pronto a dare il primo famelico morso ma si vede sparire il panino dalle mani prontamente sostituito con una mela.

Di ritorno a casa una triste notizia la mamma disperata, in lacrime, deve spiegare a Giacomo che è Diabetico, la scuola diventa per alcuni giorni l’ospedale, l’insulina, la glicemia, la dieta i numeri ma anche gli incontri, la vita prosegue e Giacomo tra i banchi di scuola incontra Antonella , Erminia, Angela, Rossella…
Emozioni, Paura, Gioie e Difficoltà la vita è così lo è per tutti.
Giacomo dalla scuola non è mai uscito e un giorno ha incontrato anche Alessia una piccola bambina di 3 anni minuta ma vispa dai capelli biondi e il suo colore preferito è il rosa confetto.!
 Un incontro speciale tra la piccola Alessia e il Maestro Giacomo! Speciale perché quando 2 persone si incontrano nasce una relazione, certo glicemie, insulina, ipo e iper li accomunano ma non sono motivo per loro di sentirsi diversi dagli altri. Nella scuola come nella vita molto dipende dagli incontri che fai se chi ti sta al fianco ti capisce o è disponibile a capirti tutto diventa facile.
La Scuola è luogo di ascolto, di relazione, di vita vissuta ogni giorno e diventa maestra per ognuno se ci sentiamo ascoltati, se viviamo le relazioni, se riusciamo a crescere con o senza il Diabete, la scuola deve essere Inclusiva.
La storia di Giacomo è unica come anche la storia di Giuliana, Alex, Aurora, Saro, Vito, Vincenzo, Rita ognuno potrebbe raccontare la sua storia unica e chissà quante storie di bambini e diabetici ci sono da raccontare nel mondo in tutte le lingue. Perché il futuro non è mai stato così presente!!

Note: I nomi usati in questa storia non sono casuali ma si riferiscono a persone che fanno parte della mia vita, ognuna di loro ha la sua storia ed è scritta perché fa parte del mio vissuto!

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.