In un’epoca di forti critiche verso i Social e la loro induzione ad asocialità e sedentarietà…
Nicolò Vallone
1

Sono d'accordo. Aggiungerei che il fine della creatrice supera la funzione ordinaria di applicazioni simili (ovvero “tenersi in forma”) e si rende nobile lanciando un messaggio di accettazione di se stessi e del proprio corpo. In fondo ognuno di noi, a prescindere dalla propria forma fisica, può essere criticato o non piacersi. In un panorama social tutto finzione e Photoshop credo sia una dichiarazione importante, che rende la suddetta community ancora più ricca e coesa.