Nella home page creiamo sorpresa, nella lista prodotti creiamo entusiasmo, nel form di registrazione creiamo fiducia… e a fondo pagina roviniamo lo sforzo fatto, creando senso di inadeguatezza.

Image for post
Image for post

Tutti proviamo svariate emozioni durante la navigazione. Se positive si trasformano in motivazione, premiando l’utente e l’azienda, se negative diventano bloccanti o disattivanti, facendo perdere tutti.

Incanalare e gestire queste emozioni è soprattutto compito dei testi nell’interfaccia. Mai come oggi si sta creando una coscienza comune sull’importanza di avere un tono di voce adeguato e una maggiore attenzione sui testi: microcopy, call-to-action, feedback, ecc…

Le aziende e le agenzie si stanno rendendo conto che la forma testuale che accompagna l’interazione (definita nell’UX Writing) non può più essere trascurata. …

Ti è mai capitato di aver faticato così tanto su un progetto da non accogliere razionalmente i feedback? E di sbagliare spesso le tempistiche preventivate? Questi sono solo alcuni dei tipici bias cognitivi che affliggono i designer.

Image for post
Image for post
Illustrazione di Davide Giovanni Steccanella

Cosa sono i bias cognitivi?

Corrispondono a quelle situazioni in cui ci sembra che le nostre scelte siano dettate dalla logica e dall’obiettività ma in realtà sono influenzate da pregiudizi e fattori inconsci.

Il bias cognitivo (o errore di ragionamento) si presenta quando interpretiamo ed elaboriamo le informazioni non in maniera logica e distaccata. Spesso questi bias sono il risultato del nostro tentativo di ottenere una semplificazione forzata, passando inconsciamente per scorciatoie mentali, su un ragionamento che invece richiederebbe spesso una sana complicanza.

Tra i bias cognitivi più evidenti c’è l’apofenia (dare un significato ad eventi casuali, vedi i miracoli), l’effetto placebo (influenzare l’avverarsi di un evento attraverso la convinzione che quell’evento debba verificarsi), la riprova sociale (imitare quello che fanno gli altri per essere accettati), il bias della scarsità (convincerci ad acquistare un oggetto quando sappiamo che ne sono rimasti pochi) e molti altri che ci succedono ogni giorno, soprattutto legati alle tecniche di vendita. …

Image for post
Image for post
Tempo di lettura: 4 minuti

Scegliere come comporre un set di icone ottimizzato non è affatto un lavoro semplice come può sembrare. Per poterlo fare è necessario conoscere la natura delle icone, gli obiettivi, le peculiarità e valutare di volta in volta lo sforzo cognitivo dell’utente.

Le icone hanno un fortissimo potenziale comunicativo, fin da quelle sacre del V secolo. Con pochi segni possono portare alla mente un concetto in una frazione di secondo e possono definire l’alfabeto stilistico di un’interfaccia.

Questa doppia funzione, di usabilità ed estetica, rappresenta la difficoltà maggiore per i designer nel trovare il giusto bilanciamento durante la scelta, o la creazione, del set di icone. …

Image for post
Image for post
Tempo di lettura: 7 minuti

Nessuna formula magica, ma dei semplici calcoli logici per aiutare freelance — freschi e stagionati — a trovare la propria tariffa oraria di base.

Il tema di quanto chiedere al cliente è dibattuto e molto soggettivo. Qualunque articolo sull’argomento, qualunque cifra venga suggerita, è commentato con MAIUSCOLE e tanti !!!1!!1!!. Di conseguenza metto mani (braccia e altre parti del corpo) avanti nello specificare che i calcoli fatti sono da considerarsi ad uso esemplificativo.

Con questo articolo voglio soprattutto cercare, prima dei numeri, di analizzare i punti principali che servono ad un freelance per calcolare la propria tariffa, al netto di non dimenticare di partire prima dalla fondamentale analisi del proprio valore, approfondita in quest’altro articolo. …

Image for post
Image for post
Tempo di lettura: 6 minuti

Come puoi capire il tuo valore attuale e in relazione ad un cliente, prima ancora di decidere una determinata somma per la collaborazione.

Il tema della quantificazione del proprio costo da parte di un professionista, freelance o dipendente in questo caso poco cambia, è complesso, spesso soggettivo e già molto discusso.

Quando si cerca di stimale il prezzo per una prestazione è fondamentale partire prima di tutto da quello che puoi dare in termini di: qualità, velocità, specializzazione, unicità, vantaggi per il cliente, crescita e pubblicità.

Questi 7 parametri definiscono il valore del lavoro di una persona per un cliente, che non per forza deve corrispondere al tempo (quindi al costo) impiegato per svolgere l’attività:

Image for post
Image for post

È necessaria una buona dose di autocritica e capacità di analisi, su di noi e sui colleghi/competitor, per definire la propria qualità. Sono un junior, middle o senior? Sono in grado di fare proposte con buona-la-prima? Sono in grado di vincere premi di categoria? Rispetto a tutti i colleghi che ho avuto sono tra i migliori o i peggiori?

Image for post
Image for post
Tempo di lettura: 7 minuti

Ovvero come mi sono convinto, e cercherò di fare lo stesso con te, ad abbandonare (quasi) definitivamente Photoshop per passare ad XD.

Ho sempre avuto difficoltà a fidarmi di strumenti troppo “giovani”. L’investimento di tempo per riuscire a maneggiarli professionalmente e con la stessa agilità di altri programmi mi ha spesso bloccato in partenza.

Nei miei 15 anni di attività, cioè tra università e lavoro, sono sempre stato accompagnato da due certezze: Photoshop come software principale e Aruba per i servizi web, azienda della quale sono orgogliosamente consulente di UX/UI.

Da diversi mesi ho perso la prima di queste certezze, e non me ne sto pentendo. …

Image for post
Image for post
Tempo di lettura: 6 minuti

La libertà di scelta è sempre stato un punto di forza e di orgoglio dell’economia occidentale, libertà che secondo Karl Marx veniva in realtà “imposta” entro certi schemi e quindi da considerarsi più come semplice permesso. La vediamo tutti i giorni nei negozi e supermercati dove troviamo svariate tipologie dello stesso prodotto, la maggior parte delle volte con differenze minime legate più al marketing che alla reale qualità.

Tutta questa libertà ha di certo enormi vantaggi, sia per i clienti che soprattutto per il mercato, ma anche due effetti negativi da non sottovalutare, come suggerisce lo psicologo Barry Schwartz:

  1. Il primo è la paralisi perché “con tante opzioni fra le quali scegliere, diventa molto difficile…

Image for post
Image for post
Tempo di lettura: 4 minuti

Consigli su come un designer — in caso di necessità — possa riuscire a progettare un prototipo completo di buoni testi che supportino al meglio l’esperienza utente.

Il testo è sempre stato un fattore fondamentale per comprendere una comunicazione sia pubblicitaria che informativa. A volte l’ancora di salvezza a cui aggrapparsi se l’elemento visivo non possiede una forte immediatezza.

Non è quindi una novità che la progettazione della user experience debba anche essere aiutata da testi più immediati, e spesso più brevi. Sfruttando al massimo l’ormai sempre più bassa soglia di attenzione delle persone.

Una responsabilità e uno sforzo che avrebbero storicamente nel ruolo del copywriter l’unico riferimentoa cui delegare in toto la questione, o al massimo al content strategist che conosce il contenuto e sa come gestirlo. …

Image for post
Image for post
Tempo di lettura: 4 minuti

Sono sostanzialmente tre i parametri per valutare un nuovo collaboratore freelance — costo, qualità e velocità — ma spesso ci si sofferma solo sui primi due e in casi estremi, e poco lungimiranti, solo sul primo.

Image for post
Image for post

Costo

Il costo è il parametro più oggettivo e chiaro per un cliente. Soprattutto se facciamo riferimento ad un preventivo “chiuso” che comprenda l’intera attività, senza riferimenti alle ore impiegate.

Per un freelance la scelta del costo da richiedere è argomento sempre complesso e soggettivo. Solo l’esperienza sul campo permette ad un senior di muoversi agilmente facendo una valutazione corretta tra il costo orario, le ore occupate, il periodo corrente, il tipo di progetto e di cliente. …

Image for post
Image for post
Tempo di lettura: 3 minuti

“A un computer vecchio l’esperienza non serve a nulla.” (Hasier Agirre)

L’esperienza puramente quantitativa è spesso un fattore dopato per capire il valore di un professionista o di una agenzia. Senz’altro è uno degli aspetti da considerare, ma non può andare a discapito della qualità lavorativa che si dimostra nel periodo più recente.

Tecnologie e stili cambiano troppo in fretta per riuscire a tenere come riferimento attuale esperienze, tesi e progetti di molti anni prima. Soprattutto se già allora, anche per mancanza di esperienza “qualitativa”, non rappresentavano il meglio che potevamo dimostrare.

Chi analizza il nostro portfolio, per capire se siamo le persone giuste a cui affidare un incarico, non darà importanza all’anno di pubblicazione di quel vecchio progetto poco curato, giustificandolo con le minori competenze che potevamo avere allora. Tutti i progetti che scegliamo di mettere nel nostro portfolio devono rappresentare la nostra qualità attuale. Anche a costo di mostrarne numericamente solo una piccola parte. …

About

Giovanni Ghirardi

Freelance UX/UI Designer | www.giovannighirardi.it

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store