Riflessioni di Gender Gap?!

Qual’è il parassita più resistente? Un’idea!

E’ ormai da quasi un anno che l’argomento principale di ogni genere di Talk è il Gender Gap, le Donne, i rimedi e i pericoli a cui stiamo andando incontro come donne.

Sono Millenni che non troviamo rimedio all’ “Idea” di Donna “Inferiore”, Oggetto, Tentazione, Peccato come postulato.

Postulato.
Si, identifico questa idea un vero “Postulato”
“ Proposizione non dimostrata che si accetta come fondamento di una dimostrazione”
Donna,
in quanto procreatrice,
in quanto fondamenta di qualsiasi progetto evolutivo,
in quanto causa necessaria all’esistenza di un futuro per la nostra specie,
considerata “Casualità” di un disegno determinato.

In realtà, molte riflessioni su questo argomento sono state dei veri e propri risvegli per me.

Sono sempre stata autonoma indipendente da ogni compagno, amico, figura maschile, tuttavia, in questi giorni mi sto accorgendo di tutto ciò che ci viene imposto senza poter scegliere e vedere alternative.

Siamo spesso ignare della strada che intraprendiamo, ci sentiamo libere di pensare al nostro futuro, senza costrizioni di alcun “genere”.

Crediamo di non trovarci più in gabbia, di averne aperte molte, di averle aperte tutte, ma è un labirinto senza fine, non possiamo rimandare, fermarci, accontentarci.

Guardandomi intorno mi accorgo di come sia tutto in linea con le altre culture.

Le gabbie sono grandi, piccole, colorate, fisse, flessibili, ma sono sempre gabbie.

Spesso ci soffermiamo sul vestito, l’usanza, la condanna, senza pensare alla propaganda.

E’ il messaggio sociale che tramanda l’idea e la trasforma in postulato, non importa come, importa Cosa.

Confutiamo ciò che vediamo, il messaggio è parte di noi, possiamo “Cambiarlo”.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.