E intanto hanno preso Antonio Papalia, il nipote del boss di Buccinasco

Toh. Chi se lo immaginava?

BUCCINASCO — Un altro colpo alla ‘ndrangheta, quella che ha portato gli affari sporchi dalla provincia di Reggio Calabria a quella di Milano. I carabinieri di Locri e Platì, in sinergia con lo Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria, hanno trovato un arsenale nascosto in un pollaio.

Il ritrovamento

Una Beretta calibro 22, un’altra pistola calibro 38 (entrambe rubate), un fucile mitragliatore marca Sten, un altro con matricola abrasa, caricatori per pistola e per la mitragliatrice, due silenziatori e decine di cartucce e proiettili. Nascoste anche una custodia per fucile e una fondina per pistola. Lì, ben occultate tra fieno e galline, le aveva messe Antonio Papalia, cognome noto perché appartenente alla cosca dei Barbaro-Papalia.

L’arrestato

Lui, Antonio, 49 anni, è figlio di Anna Barbaro e Michele, fratello di Rocco, Antonio e Domenico, i tre fratelli che hanno portato gli affari sporchi della ‘ndrangheta tra Buccinasco e Corsico (Rocco in casa lavoro in Abruzzo, Domenico e Antonio scontano l’ergastolo).

Antonio è legato anche ai Barbaro Castanu: Francesco, detto cicciu castanu, è il patriarca della stirpe. Uno dei suoi figli, Rocco, ha sposato la sorella di Antonio, rafforzando così i legami di sangue tra la famiglia e il prestigio. L’arrestato ha un passato di latitanza e precedenti legati al traffico di droga. Dovrà ora rispondere dell’accusa di detenzione abusiva di armi e munizioni e ricettazione.

(fonte)


Originally published at Giulio Cavalli.