Occhio, tra poco tutti invocheranno l’amnesia etica

Giulio Cavalli
May 17, 2016 · 2 min read
amnesiaetica
amnesiaetica

Secondo uno studio della National Academy of Sciences, pubblicato il 16 maggio e riportato da Quartz, esiste una relazione tra etica e memoria: quando i nostri comportamenti non sono etici, dicono gli esperti, tendiamo a dimenticarli più in fretta.

I duemila volontari che si sono sottoposti ai test hanno dimostrato di ricordare molto più chiaramente le volte che hanno agito secondo etica piuttosto a comportamenti come non pagare il biglietto dell’autobus o evadere le tasse. In pratica hanno scoperto che ci si dimentica delle cose che conviene dimenticare. Si sapeva, forse, ma ora anche la scienza lo conferma. Secondo gli scienziati questo atteggiamento sarebbe dovuto al bisogno naturale di ridurre lo stress emotivo. Accipicchia.

E improvvisamente, sarà per la mia deviazione professionale di chi inscena farse per mestiere, mi è venuto in mente come qualcuno abbia faticato anni, scomodato avvocati, comprato parlamentari per scrivere leggi quando un fondo bastava la ricetta di un medico illuminato. Quanti anni avremmo risparmiato.


Originally published at Giulio Cavalli.

    attore, autore, scrittore, politicamente attivo. http://t.co/Bh66wmCwVe

    Welcome to a place where words matter. On Medium, smart voices and original ideas take center stage - with no ads in sight. Watch
    Follow all the topics you care about, and we’ll deliver the best stories for you to your homepage and inbox. Explore
    Get unlimited access to the best stories on Medium — and support writers while you’re at it. Just $5/month. Upgrade