Buone notizie per l’ecologia del web. Ne scrive Dario Mazzocchi per Gli Stati Generali:

Al numero 22 di Old Queen Street, a Londra, possono permettersi di stilare la lista dei famosi buoni propositi per il nuovo anno: a quell’indirizzo ha sede la redazione dello Spectator, settimanale politico e culturale conservatore che viene stampato dal 1828 e che pare goda di ottima forma ancora adesso, nell’epoca del giornalismo multimediale e legato al pianeta dei social network.
Il 2015 per lo Spectator ha infatti confermato una tendenza positiva, come ha raccontato il direttore Fraser Nelson: quasi 61.000.000 di pagine visualizzate e 20.000.000 di utenti per il sito, segnando una crescita costante dal 2012, quando i numeri erano in flessione in seguito all’introduzione di un paywall completo. Poi il compito di gestire il settore web è stato affidato a Sebastian Payne, il metodo di pagamento è stato modificato, subentrando solo dopo un certo numero di articoli consultati, e i numeri sono tornati a crescere.
Il risultato deve aver colpito anche quelli del Financial Times, che hanno assunto Payne affidandogli il ruolo di digital comment editor, con l’intenzione di inserire video e audio per quel settore on line del giornale della City. La stessa cosa, d’altronde, è andata in scena proprio allo Spectator, con l’introduzione del blog Coffee House e di contenuti podcast con la rubrica The View from 22.
Dal web alla carta: nella prima metà del 2015 la circolazione dello Spectator ha continuato ad allargarsi, per un totale di 62.718 lettori paganti (55.165 per l’edizione stampata, 7.753 per quella digitale), lasciando intendere alla direzione del settimanale che è possibile tornare a raggiungere il picco registrato nel 2008 di 76.952 copie: da allora la diffusione era calata (54.000 nel 2013), per ripigliarsi in seguito, come accaduto al sito.
Cifre di nicchia, se paragonate a quelle dei colossi News Corp., Condé Nast & Co., ma dopo tutto anche gli obiettivi sono diversi: lo Spectator è un magazine agile, snello, con poca pubblicità e senza fronzoli, le pagine sono interamente occupate da articoli, le foto restano concentrate nella sezione culturale per accompagnare le recensioni di libri, spettacoli e rappresentazioni teatrali.

Il resto è qui.

via WordPress http://ift.tt/1JTbJoQ