A betrayed generation/ Una generazione tradita

11 September 2001 is a date that changed everyday life for all of us. For a lot of young Americans, the attack on 9/11 meant something more and on that day they made a choice that changed the course of their lives. The emotional wave of 9/11 inspired a lot of American teenagers to join the military. I had the fortune of encountering a member of this “wave.” She prefers to remain anonymous so we will call her Sarah. I was able to ask her some questions about what she learned from that experience.

“So Sarah when and why did you decide to join the American military?”

“I joined the military when I was 17 in 2002 but I effectively became part of it just the following year. After the attack on 9/11, our people were shocked and confused. I joined because I felt that our country was threatened and so decided to join the military in order to protect it. I probably would have never joined had we never been attacked, but sometimes life doesn’t give you what you want. Our country needed us. We joined to defend our country and bring peace.”

“What was the situation like in the military when you joined it and what was your role?”

“Bush was President and had asked Congress to give him the power to go after whoever caused 9/11. We then went into Iraq because Saddam Hussein had weapons of mass destruction. My role in the military wasn’t with the middle east. We have many bases around the world and many countries relying on us for their safety. I was fortunate enough to work with our allies in Asia.”

“What happened later?”

“Not too long after we went to war, the American people realized that Saddam had nothing to do with 9/11. That, in my opinion was the worst part of the entire situation. Our objective was to take out Osama bin Laden and we spent all of our resources taking out Saddam. What’s more is that we didn’t find any weapons of mass destruction either. We lost a lot of good people in a war with a country that we attacked without a solid reason. Since then it has become obvious that we destabilized a country and effectively an entire world region.”

“Then in 2008 Obama was elected and started downsizing from Iraq. How was this downsizing considered?”

“The downsizing in Iraq when Obama became president was and still is controversial. Many of my friends served in both Iraq and Afghanistan several times. War is very hard. I have seen many grown men break down crying due to what they have seen and have experienced. In 2007, even though these men and women had gone through hell, everyone of them believed that our presence in Afghanistan was absolutely necessary to get Osama bin Laden, however everyone that I spoke with also believed that we never should have gone into Iraq. So Obama had to deal with getting out of a country that we never should have gone into, but how could we possibly pull out and simultaneously ensure peace? Unfortunately, when we pulled out Al-Qaeda went in. Obama did increase the troops in Afghanistan and we finally completed our objective of taking out Osama bin Laden in neighboring Pakistan.”

“Have you noticed any difference between Bush and Obama’s way of dealing with the military?”

“In my opinion, the biggest difference between Bush and Obama is how we were treated. It seems as though when the Democrats are in power the money goes to the military members, either with how we get paid or an increase in other benefits. When the Republicans are in office, the money goes to bombs. The Bush Administration, in my opinion, was horrible with taking care of the returning vets. Many veterans were discharged with medical problems without healthcare or financial compensation. To start a war and ask for your citizens to fight for your country and then not take care of those that fought is completely inexcusable. Maybe the Bush Administration was just ignorant to the fact that war is hell and soldiers have certain issues that must be dealt with, but it didn’t seem like he was too eager to find out either. The emotional issues of returning veterans has been extremely hard to deal with. Suicide in very high with returning veterans. In my opinion, Senator Bernie Sanders has done more for veterans and the Veteran’s Administration than either Bush or Obama, but Obama did take actions to help us too.

“Alright, getting back to your life, after 10 years you left the military. What were the motivations of this choice?”

“My heart and desires are the same as the day that I enlisted. I want to be a source of good in the world. My contract with the military ended and I felt that I could do more good if I finished my degree and went to work on the environment and Climate Change. The military taught me many things. One of those things is that peace can never be made by waging war. Diplomacy and a fair economic system for the people will solve many more problems than our military can. The military is important. I believe that everyone has the right to defend themselves and governments have the responsibility to protect their citizens. I feel that the best way that I can help the current world situation is by focusing on sustainable living. Right now, Trump is in office and the few environmental agencies that we have are being shut down. Too many people in America are waging war against the environment and denying Climate Change. I promised to protect my country and I feel that Europe is currently much further ahead of America as far as the environment and Climate Change are concerned.”

“Why are you planning to come to Europe?”

“I think that that only way that we can affect Climate Change and create sustainable farming is by working together. America is currently dealing with a lot of internal issues and needs Europe, India, China to step up their role in the world on this issue.”

“What do you mean?”

“I sometimes feel that the world expects America to always be the leader and protector. America is about 250 years old and we have little more than 400 years of recorded history. Compared to Europe and most other countries, which have over 2000 years of history, we are the baby. We are not perfect but we have been there fighting for democracy in so many countries. Right now, democracy is under attack in America. We call many countries our allies, but what does that mean when we need help? Who can we turn to? Right now, many of us are looking to Europe to be the world’s voice of reason while our president turns to Twitter.”

Versione Italiana

L’11 Settembre 2001 è una data che ha cambiato la vita quotidiana di tutti noi. Ma per molti giovani americani l’attacco dell11 Settembre ha un significato maggiore in quanto quel giorno presero una decisione che avrebbe cambiato la loro vita. Infatti l’onda emotiva di quell’evento portò molti adolescenti americani ad arruolarsi nell’esercito. Ho avuto la fortuna di incontrare un’appartenente a quest’onda e di farle qualche domanda sulla sua esperienza e sulle sue motivazioni (preferisce rimanere anonima e dunque la chiameremo Sarah).

“Allora Sarah quando e perché hai deciso di arruolarti nell’esercito americano?”

“Mi sono arruolati a 17 anni nel 2002, ma sono diventata membra effettiva solo nell’anno successivo. Dopo l’attacco dell’11 Settembre noi americani eravamo scioccati e confusi. Mi sono arruolata perché sentivo che il mio paese era minacciato e volevo proteggerlo. Non mi sarei mai arruolata probabilmente se non avessimo subito quell’aggressione, ma a volte la vita non va come vorremo. Il nostro paese aveva bisogno di noi. Ci siamo arruolati per difendere il nostro paese e portare la pace.”

“Com’era la situazione nell’esercito quando ci sei entrata e qual era il tuo ruolo?”

“Bush era presidente e aveva chiesto al Congresso il potere di entrare in guerra contro i responsabili dell’attacco. Abbiamo quindi dichiarato guerra a Saddam perché aveva armi di distruzione di massa. Il mio ruolo non era nel Medio Oriente. Abbiamo molte basi militari nel mondo e molti paesi che si affidano a noi per la sicurezza. Sono stata abbastanza fortunata da lavorare con i nostri alleati in Asia.”

“In seguito cosa successe?”

“Non molto dopo essere entrati in guerra, gli americani capirono che Saddam non c’entrava nulla con l’11 Settembre. Quella, secondo me, è stata la parte peggiore. Il nostro obiettivo era catturare Osama bin Laden e avevamo usato tutti i nostri sforzi per far cedere Saddam. Abbiamo perso molte brave persone in una guerra fatta senza una motivazione valida. Da quel momento in poi fu chiaro che avevamo destabilizzato un paese e in definitiva un’intera regione globale.”

“Poi nel 2008 è stato eletto Obama and ed è iniziato il ridimensionamento delle truppe in Iraq. Come è stato considerato ciò?”

“Il ridimensionamento dell’esercito in Iraq quando Obama divenne presidente è stato ed è tuttora considerato controverso. Molti miei amici hanno servito sia in Afghanistan che in Iraq molte volte. La guerra è dura. Ho visto molti uomini anche maturi scoppiare a piangere per quello che avevano passato e visto. Nel 2007 anche se queste persone avevano subito le pena dell’inferno, ciascuno credeva che la nostra presenza in Afghanistan fosse necessaria per prendere Osama bin Laden, ad ogni modo tutti quelli con cui parlai erano anche sicuri che non saremmo dovuti mai andare in Iraq. Quindi Obama doveva affrontare il ritiro da una paese nel quale non saremmo mai dovuti andare, ma come potevamo realmente andarcene e garantire la pace allo stesso tempo? Sfortunatamente come ce ne andammo Al-Qaeda si rafforzò. Obama rafforzò le truppe in Afghanistan e finalmente riuscimmo a portare fuori Osama nel vicino Pakistan.”

“Hai notato differenze tra Bush e Obama nel modo di approcciarsi all’esercito?”

“A mio modo di vedere la più grande differenza tra Bush e Obama sta nel modo in cui eravamo trattati. Di solito quando i Democratici sono al potere i soldi vanno ai soldati, o sul libro paga e o tramite un aumento dei benefits. Quando i Repubblicani sono al potere i soldi vanno alle bombe. L’amministrazione Bush, secondo me, è stata tremenda nel modo in cui ha trattato i reduci. Tanti veterani furono congedati con problemi clinici senza assistenza né sanitaria né finanziaria. Cominciare una guerra e chiedere ai propri cittadini di combattere per il proprio paese e poi non prendersi cura di quanti hanno combattuto è assolutamente imperdonabile. Forse il governo Bush non sapeva che la guerra è l’inferno e in reduci hanno dei problemi con cui bisogna confrontarsi, ma non è sembrato neanche che fosse particolarmente interessato a scoprirlo. I problemi psicologici dei militari rientrati sono stati difficili da affrontare. Il suicido è molto alto fra i reduci, Per come la vedo Bernie Sanders ha fatto molto più per i reduci e la loro organizzazione che Bush e Obama, ma Obama ha fatto qualcosa per aiutarli.”

“Bene, tornando alla tua vita, dopo 10 anni hai abbandonato l’esercito. Quali erano le motivazioni per questa decisione?”

“Il mio cuore e i miei desideri sono gli stessi del giorno in cui mi sono arruolata. Voglio fare qualcosa di buono nel mondo. Il mio contratto con l’esercito era finito e ho sentito che avrei potuto fare del bene se avessi concluso i miei studi e fossi andata a dedicarmi all’ambiente e al surriscaldamento globale. L’esercito mi ha insegnato molte cose. Una di queste è che la pace non può mai essere ottenuta finanziando la guerra. La diplomazia e un sistema economico più giusto possono risolvere molti più problemi di quelli che il nostro esercito può. L’esercito è importante. Credo che chiunque abbia il diritto di difendersi e che i governi abbiano il dovere di proteggere i propri cittadini. Sento che il modo migliore per aiutare il mondo in questo momento è focalizzarmi sullo sviluppo sostenibile. In questo momento Trump è al governo e le poche agenzie ambientali che abbiamo stanno venendo chiuse. Troppe persone in America stanno danneggiando l’ambiente e negando i cambiamenti climatici. Mi sono promessa di aiutare il mio paese e sento che l’Europa al momento è molto più avanti rispetto all’America su temi come l’ambiente e il surriscaldamento globale.”

“Perché stai pensando di trasferirti in Europa?”

“Penso che l’unico modo per poter agire sul cambiamento climatico e creare uno sviluppo sostenibile è lavorare insieme. L’America sta oggi affrontando molti problemi interni e ha bisogno che l’Europa, l’India e la Cina si assumano le proprie responsabilità su questo argomento.”

“Che intendi?”

“Sento alle volte che il mondo si aspetti che l’America faccia sempre da leader e protettrice. Gli USA hanno 250 anni e abbiamo poco più di 400 anni di storia complessiva. Paragonati all’Europa e alle maggior parte dei paesi, che hanno oltre 2000 anni di storia, siamo dei bambini. Non siam perfetti, ma abbiamo lottato per la democrazia in tantissimi paesi. In questo momento la democrazia è sotto attacco negli Stati Uniti. Chiamiamo molti paesi nostri alleati, ma cosa significa questo quando siamo noi ad avere bisogno di aiuto? A chi possiamo rivolgerci? Proprio oggi molti di noi guardano all’Europa affinché sia la voce della ragione in questo mondo mentre il nostro presidente si dedica a Twitter.”