Il partito Netflix

Una scena della serie tv Stranger Things (2016) distribuita da Netflix

In una lettera al Corriere della Sera Davide Casaleggio, erede naturale della Casaleggio Associati S.r.l. e, parrebbe, del Movimento 5 Stelle, traccia un paragone interessante: il Movimento 5 Stelle è come Netflix, l’insieme degli altri partiti (o, come scrive lui riesumando un termine di sapore pannelliano, la vecchia partitocrazia) è come Blockbuster.

Gli va dato atto: ha ragione, ma non come crede (o dice di credere) lui. La sua visione soffre di miopia aziendale, arcaica e limitata com’è al solo aspetto distributivo; non contempla le ben più profonde e preoccupanti conseguenze; del resto, il ragazzo nella stessa lettera non dimostra di aver particolarmente approfondito la conoscenza del progetto Watson di IBM, che pur menziona con discreti svarioni tecnici.

Netflix è un servizio a pagamento via Internet che vi consente di scegliere in un limitato catalogo di film e serie televisive comodamente dal vostro divano o dallo smartphone se siete in giro; per noleggiare un film vi basta sceglierlo sullo schermo. Al contrario, per prendere in affitto un DVD da Blockbuster (ovvero dalle attività commerciali che ancora ne utilizzano il marchio) dovete abbandonare le pantofole, vestirvi, uscire di casa e percorrere almeno alcuni metri di strada per arrivare a un negozio. Netflix è tv tradizionale, senza alcun aspetto di consumo collaborativo: sposta semplicemente luoghi e mezzi della distribuzione.

La comodità si paga, così come si paga l’accesso al sito del M5S: se Netflix è un servizio su abbonamento, il sito grillino/casaleggico si finanzia attraverso gli annunci pubblicitari sulle sue pagine e attraverso questi, i vostri dati vengono utilizzati dai servizi utilizzati per le inserzioni. Non pagate direttamente ma cedendo a ignoti piccole porzioni della vostra vita.

Con il Movimento 5 Stelle (quello nuovo, passivo, non quello partecipativo che probabilmente voleva il defunto Gianroberto Casaleggio) ve ne state a casa, non rischiare di incontrare qualcuno, di esporvi a opinioni altrui, di confrontarvi; la vostra interazione si limità alla scelta dei programmi disponibili (non alla loro composizione). Al negozio/circolo del partitocratico Blockbuster potete incontrare qualcuno, scambiare due parole con i commessi, uscire dalla vostra bolla. Il nuovo M5S/Netflix cerca adepti del clic, possibilmente paganti, al tempo stesso limitando (o condannando) l’attivismo originale a livello di puro folclore.

Like what you read? Give Davide Bianchini a round of applause.

From a quick cheer to a standing ovation, clap to show how much you enjoyed this story.