La Differenza tra Vita Statiunitense e Vita Italiana

Sono arrivato in Italia trentacinque giorni fa. Quando sono arrivato, non sapevo che questa esperienza mi avrebbe cambiato la vita, in meglio. Sapevo che sarebbe stato un grandissimo cambiamento, però non immaginavo che cambiasse anche il mio modo di pensare e vedere il mio paese (cioè gli Stati Uniti), e il mio modo di vedere il mondo. In soli trentacinque giorni, sono cambiato. Prima di arrivare, vedevo il resto del mondo da uno schermo, dai film, e dai giornali. Ho realizzato che questi non sono gli strumenti utili per capire gli altri modi di vita. In questo diario, spero di raccontarvi i miei pensieri sui paesi in cui ho vissuto.

Trevi nel Lazio, Lazio, Italia. Scattata 8.19.2016.
Vivere in un paese come gli Stati Uniti è un po’ strano se ci penso. Questo paese è completamente staccato dagli altri paesi potenti del mondo. Gli Stati Uniti sono situati tra due oceani, a nord c’è Canada e a sud c’è Messico. Ovviamente ci sono altri piccoli paesi nei Caraibi ma se si vuole visitare un altro paese potente, nel senso economico, si deve viaggiare per più di sette ore. Non è una cosa negativa, ma secondo me, è importante di mettere alla prova la vita quotidiana statiunitense. Non mi fraintendete, mi piace vivere negli Stati Uniti, ma come si può essere sicuro che il paese di qualcuno è il paese giusto se non si esce da esso?

Voglio ora paragonare la vita quotidiana negli Stati Uniti alla vita quotidiana d’Italia. Sicuramente, sia gli italiani sia gli americano fanno la stessa cosa quando si svegliano. Tutti fanno una doccia, tutti usano il bagno, tutti mettono i vestiti, ma dopo tutte queste cose, cosa fanno gli americani? Tipicamente, si entra la macchina, forse se si è stanco (siamo sempre stanchi…imparerate questo è un fatto) si comprerà un caffé. A questo punto troviamo la prima grande differenza. Negli Stati Uniti, si prende un caffé usando il “drive-thru”. Sì, lo so che voi italiani mi state sgridando in questo momento e mi dispiace tanto. Tuttavia, dovete realizzare che per noi americani, sì, il caffé è squisito la mattina ma non è una religione come in Italia. Comunque, non significa che abbiamo ragione nel nostro modo di bere il caffé. Infatti, mi piace di più come gli italiani trattano i loro caffé. Tutti gli italiani vanno al bar, tutti ordinano un caffé e un cornetto (il mio preferito) e c’è un atmosfera veramente italiana.

“Dentro ogni uomo di successo c’è una notevole quantità di caffè.” — Anonimo

Dopo aver realizzato questa grandissima differenza, vediamo cosa succede nel resto del giorno. Lavoriamo e quando arriviamo al mezzogiorno vediamo un’altra differenza. In questo momento, gli italiani non hanno per niente pensato al pranzo. Ma noi americani ci arrabbiamo se non usciamo dagli uffici entro mezzogiorno per prendere qualcosa da mangiare. Pensiamo di avere una fame da lupi ma in realtà tutto è nella mente. Quando cammino per la città di Roma al mezzogiorno i ristoranti sono tutti vuoti, tranne i turisti che hanno una grande fame. Adesso, sono abituato a questi orari e sembrano migliori per la salute. Penso di continuare questi orari anche quando tornerò nel mio paese.

Orvieto, Umbria, Italia. Scattata 9.9.2016.

Sia gli americani sia gli italiani finiscono i loro giorni di lavoro, tornano a casa per vedere la propria famiglia, ma è quello che succede dopo dove troviamo un’altra grande differenza. Mi permettete di analizzare una delle cose più belle, interessanti, e geniali che abbia mai visto. Sto parlando dell’aperitivo. Chi ha pensato di questa idea è veramente un genio. Vi posso dire che non esiste l’aperitivo negli Stati Uniti. Infatti, sareste in difficoltà di trovare una persona americana che non ha finito la cena entro 20:00. In Italia, se si cena alle 20:00, sarebbe ancora troppo presto. Ho trovato che questa è la differenza più grande. Tutti i ristoranti chiudono entro le 23:00 negli stati uniti, ma qui in Italia si possono vedere ancora molte persone mangiare a mezzanotte.

Infine, anche se mi piace vivere in Italia, mi manca la mia famiglia. Mi mancano le cose conosciute. Intendo dire sto vivendo in una terra sconosciuta…ed è difficile. Nonostante sia difficile, ricorderò questa esperienza per il resto della mia vita. Sto sempre imparando tanto all’università ma penso di imparare più fuori dall’aula. Ho incontrato amici che ricorderò per sempre.

- Grant Topjon

Nota: Spero di usare Medium per scrivere le mie idee, cose casuali, e in generale, i miei pensieri. A presto.

E un grande “GRAZIE” a Jonathan De Sciscio per l’aiuto!