Your home away (the indian style lodge)

Lo staff serale al completo

Il G.B. Lodge di Kollegal ha un che di metafisico, a partire dallo staff che lo gestisce, evanescente e cangiante al tempo stesso.

La main entrance del lodge

L’entrata del Lodge, con annesso lettore di mano, invita al relax, nel senso che ti devi abbandonare a ciò che ti capita in sorte.

L’India è anche questo: un continuo insegnamento intorno al fatto che le scelte della tua vita dipendono sì da te stesso, ma anche dal flusso degli eventi, che costituiscono gli atomi della realtà alla quale ci dobbiamo adeguare.

In ogni caso, senza nemmeno consultare l’indovino, appare chiaro che il G.B. Lodge può rivelarsi competitivo dal punto di vista economico, ma non forse da quello del comfort. È un modello di alloggio del tipo “no frills”.


La zona notte

Appena vedi la stanza, ogni dubbio scompare e il tuo primo pensiero è:

“Questa non è più una vacanza: da questo istante è un’emergenza sanitaria”.
La zona living con tv via cavo
Il disimpegno con il corridoio

Ciò che però caratterizza al meglio il G.B. Lodge di Kollegal, oltre alla presenza saltuaria di poliziotti con bastone, allo scopo di allarmare i clienti con chiara finalità deterrente e preventiva, è la qualità dei servizi (intesi come sanitari).

La sala da bagno con la tradizionale doccia al secchio

La semplicità degli arredi e l’essenzialità delle camere non impediscono, in ogni caso, ai clienti di ritagliarsi piacevoli momenti di relax e meditazione, in piena linea con l’ambiente circostante, semplicemente adottando piccoli accorgimenti di routine, necessari per la salvaguardia della propria salute.

Una cliente del lodge in un momento di “safe relax”

Gli asset di maggior valore del G.B. Lodge sono tuttavia la gestione snella e la rapidità con cui si sbrigano le questioni burocratiche all’atto del check-in (senza necessità di utilizzare il passaporto o altri inconvenienti) e certamente di grande appeal è il prezzo: 300 INR, pari a circa 4,5 euro per una doppia con servizi.

Consigliatissimo.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.