Dichiarazione di David Vincenzetti, CEO di Hacking Team

HackingTeam
Jul 14, 2015 · 2 min read

Il sistema di intercettazione che Hacking Team fornisce alle forze dell’ordine da oltre un decennio risulta di importanza fondamentale per il lavoro di prevenzione e investigazione del crimine e del terrorismo. A causa del numero sempre crescente di dati crittografati trasmessi tramite dispositivi mobili e Internet, questo lavoro non è mai stato così cruciale come ora. Al giorno d’oggi Internet è un porto sicuro per criminali come quelli che hanno attaccato Hacking Team, ma anche per terroristi, trafficanti di sesso, assassini, spacciatori e altri malintenzionati.

Nessun’altra azienda ha mai prodotto uno strumento di intercettazione così completo, di facile utilizzo e potente come il nostro. Per questo motivo, abbiamo sempre venduto tale sistema esclusivamente alle agenzie governative, e attualmente l’esportazione del sistema è regolata dal governo italiano in base al Wassenaar Arrangement. Abbiamo sempre venduto la nostra tecnologia in modo legale e, quando le circostanze sono cambiate, abbiamo interrotto i rapporti con clienti come Sudan, Etiopia e Russia.

Non c’è dubbio che l’attacco subito dalla nostra azienda all’inizio di questa estate sia stato un crimine efferato e incosciente. Lo abbiamo riportato alle autorità Italiane che stanno investigando e ci aspettiamo che, allo stesso modo, vengano coinvolte le autorità di altre nazioni.

È vero che i criminali hanno reso pubblico agli utenti della rete parte del codice sorgente, ma è altrettanto vero che gli elementi divulgati sono ormai inutilizzabili per via della loro facile individuazione. Oggi crediamo che sia estremamente improbabile che questo codice obsoleto possa essere usato per tenere sotto controllo cellulari, dispositivi mobili o comunicazioni telematiche.

In ogni caso, diversi importanti elementi del nostro codice sorgente non sono stati compromessi dall’attacco, e restano pertanto segreti e protetti.

Noi di Hacking Team ci stiamo adoperando per restituire alle forze dell’ordine la capacità di combattere i crimini che si celano nel mondo digitale.

Abbiamo già isolato i nostri sistemi interni per fare sì che ulteriori dati non vengano trafugati. Stiamo inoltre sviluppando una nuova infrastruttura interna e nuove procedure per tenere al sicuro i nostri dati.

Ovviamente oggi la nostra massima priorità è di rilasciare un aggiornamento che permetta ai nostri clienti di metter velocemente in sicurezza l’installazione in loro possesso. Ci aspettiamo di poter fornire al più presto questo aggiornamento, permettendo ancora una volta di proteggere la versione “Galileo” di Remote Control System.

Proprio perchè siamo sempre stati l’azienda leader nel nostro settore, sono mesi che stiamo lavorando a una versione completamente nuova del nostro sistema: la versione 10 di Remote Control System, che verrà rilasciata in autunno. Non si tratta di un semplice aggiornamento, ma di una vera e propria evoluzione dell’attuale sistema “Galileo”. Considerando l’impatto dell’attacco subito da Hacking Team, è chiaro che la nuova versione includerà nuovi elementi di protezione dei sistemi e dei dati.

Apprezziamo molto la pazienza dei nostri clienti nel supportare il lavoro che stiamo svolgendo e siamo certi che metteremo a disposizione delle forze dell’ordine nuovi e migliori strumenti, sempre più orientati a garantire la protezione e la sicurezza di tutti noi.

David Vincenzetti CEO Hacking Team


Per ulteriori informazioni: Eric Rabe Chief Marketing and Communications Officer e.rabe@hackingteam.com

    HackingTeam

    Written by

    Developing effective, easy-to-use offensive technology to support the operations of the worldwide law enforcement and intelligence communities.