Tecnologia, futuro e valore dell’esperienza umana
Sketchin
71

Ciao guyz, è interessante e vorrei mettere qualche punto così, un po’ per celia un po’ per non morir:

il mondo cambia come è sua natura — diciamo che la cultura cambia così come la lingua: sono costrutti culturali e quindi plastici, in evoluzione. Circa un secolo fa, giorno più giorno meno:Il 25 Novembre 1915 mr Hillbert (ebreo scappato dalla Shoah) si vede scavalcare: esce: Einstein, Albert, Die Feldgleichungen der Gravitation, Preussische Akademie der Wissenschaften, Sitzungsberichte, 1915, part 2, 844–847. veniva presentata da Einstein la memoria sulla Relatività Generale ( https://archive.org/details/sitzungsberichte1915deut pag. 844).
Hillbert era uscito cinque giorni prima (!), ma la cosa non ha molta importanza: senza Einstein neppure Hilbert ce l’avrebbe fatta.
Cent’anni di una meravigliosa pagina di Scienza.

Una di quelle pagine che cambiano il mondo MA che il mondo non ha visto, e non vede neanche oggi. La realtà del quotidiano può essere più evidente, dipende dal sistema di riferimento, SEMPRE.

La tecnologia, quale? I nuovi asset di NMR oppure i famosi algoritmi che profilano i gusti musicali? Siamo troppo abituati a essere così centrati nella nostra vita quando il Secolo Breve, con la maestosità del suo lascito, ci sta salutando e con esso una cultura (di nuovo) che è stata dimenticata.

La quarta rivoluzione è un po’ come il web2.0, annunciata in ritardo e diventata un logo. Dato di fatto, pur se osservativo, il British Council of Design se ne occupa da anni e i loro tecnici adottano il co-design in progetti di riqualificazione urbana da milioni di sterline da circa dieci anni.
Siamo rimasti indietro rispetto al resto e questo può essere paradossalmente un vantaggio.

Anche il famoso motto di Heskett ha anticipato il design condiviso, ma facciamo attenzione a non restare chiusi in torri d’avorio: la stessa realtà del IoT è materia di sviluppo security nei grandi gruppi di hight tech, è la sicurezza materia di studio, non l’oggetto connesso che già sta facendo danni.

My best regards.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.