Ossimoro.

Ombrelloni verdi. Dal mare mi giunge presagio.

Fremo in un luogo periferico dentro me, anticipo, intaglio l’immagine. Nuvole d’impermanenza viaggiano in alto, giungono col soffio a sud ovest, senza arrivare mai. «Mi dai pace…» Anche tu. Una pace che sembra guerra, che sembra strazio e scissione, ricongiungimento e lacerazione. Pacificazione…

Pace che sembra guerra.

Like what you read? Give La Notte a round of applause.

From a quick cheer to a standing ovation, clap to show how much you enjoyed this story.