“How to be the very first at something”

“How to be extremely successful in everything”

“Ten things successful people do and why you should do them to be the first”

“How to be a superstar”

“How to be the genius in your job”

Etc. etc. etc.

These are fake titles but they depict a vast number of real blog titles around the web.

The questions of today:

Is it really necessary, in our life, to be first at least at something to be happy?

Why don’t be simply alive without chasing the concept of “being first”?


http://www.ox.ac.uk

Spesso si pensa che la disgrazia sia quella di non riuscire a realizzare i propri sogni mentre intorno tutti sembrano farcela. Il non riuscire a ottenere, avere, possedere, ricevere, raggiungere, superare.
Dopo anni passati dentro a turbolenze e tempeste emotive, sono giunta alla conclusione che la disgrazia, in realtà, non sia questo.

La vera disgrazia è non riuscire a provare felicità per la felicità altrui.

Potrei usare un sacco di parole per descrivere questo stato emotivo ma ne ho trovata una sola che riassuma l’idea:

aridità.

Una persona che non riesce e non vuole provare felicità per gli altri è arida.
Non si tratta di cattiveria, ma di essersi lasciati inaridire dalle condizioni che la vita ci pone e che, per un qualche motivo, non sono facilitanti o ci hanno delusi. …


…you are not used anymore to being treated like a prince or princess while you’re stuck and sick at your parents’ home.

[Warning: the gap between this sense of guilt and you playing your dear old videogames is so going to be short…!]

About

Luana Donetti

#UX design & research hungry, #science believer, faithful 'It can work' promoter

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store