Dove sono finiti tutti?

Phil’s Travels — https://www.offexploring.com/shanxpony/albums/bolivia/11105983

Tutti i giorni butto un occhio a Medium e ogni giorno con interesse sempre minore.

Dove sono finiti tutti quanti? Fra tutte le persone che seguo non scrive quasi più nessuno. La mia bacheca (si chiama così su Medium?) si riempie sempre più di spazzatura.

Gli articoli in evidenza sono la fotocopia di quelli letti ieri che erano a loro volta la fotocopia di quelli del giorno prima e così via in una regressione infinita. O forse non infinita, perché si ferma ai tempi in cui su Medium si potevano trovare cose interessanti e originali.

Una volta trovavi articoli del tipo (titolo inventato): “Mi sono allenato tre anni, nuotando 8 ore al giorno per attraversare l’Oceano Pacifico a nuoto: ecco cosa ho imparato”, mentre al giorno d’oggi gli articoli sono diventati (altro titolo inventato e che non vuole essere ironico): “Mi sono preparato il pranzo per tre giorni con le buste pronte del supermercato: ecco cosa ho imparato”.

Anche se per me è più probabile che mi capiti di prepararmi un pranzo con le buste pronte che attraversare a nuoto l’oceano non posso certo nascondervi il fatto che trovavo il primo articolo notevolmente più stimolante del secondo. Anche perché purtroppo il secondo non è scritto con ironia. Ok, sto un po’ esagerando, ma la realtà non è poi così diversa.

Vengo tempestato da consigli sulla scrittura da gente che non ha mai scritto nient’altro che i consigli di scrittura, da articoli motivazionali scritti da chi riesce al massimo a motivarsi per mangiare due hamburger invece di uno e da suggerimenti su come avere successo nella vita e diventare miliardario scritti da chi si arrabatta su Medium perché tanto non ha altro di meglio da fare.

Dove sono finiti tutti, tutti quelli che avevano qualcosa da dire?

Possibile che siano tutti nascosti dietro il lucchetto dei contenuti riservati? Mi riesce difficile crederlo. Temo piuttosto che Medium abbia perso il suo appeal e sia diventato come Facebook, una vetrina della vanità e della stupidità. Non è colpa di Medium per carità, è colpa di chi ci scrive, ma è triste constatare come la qualità dei contenuti di un sito che ospita contenuti generati dagli utenti, sia inversamente proporzionale alla diffusione e alla popolarità del sito stesso.

Like what you read? Give Libero Seleni a round of applause.

From a quick cheer to a standing ovation, clap to show how much you enjoyed this story.