La lettera che ho scritto stamattina sulla pagina ufficiale del PD.

Caro Partito Democratico, siete sicuri che ancora meritate la definizione di “ democratico”?. A me non pare democrazia quella dove una minoranza ha sabotato il proprio segretario eletto con legittime primarie e gli ha fatto perdere il referendum. A me non pare Democratico un partito dove la linea del segretario non viene rispettata ma, addirittura si minaccia scissione qualora si decidesse di andare a votare. Dove sta la democrazia in un partito dove la minoranza, trombata alle primarie e alle elezioni nazionali pretende di dettare la linea politica? Quale democrazia è insita in quella parte minoritaria che lamenta perdita di elettori là dove invece in ogni sondaggio il PD è il primo partito con un consenso che va ben oltre il 30%, quando alle ultime elezioni riuscì a malapena a prendere il 25%?. Cosa c’è di democratico a voler far fuori e a denigrare e sabotare con ogni mezzo il proprio segretario, eletto con primarie con il 60% dei voti, nonchè all’epoca PdC. Questo non è un Partito democratico. E’ un partito autolesionista, velleitario e antidemocratico. Con personaggi che hanno distrutto sistematicamente ogni leader più o meno capace. Ma Renzi no. Con lui non dovevate. Eppure avete inventato la favoletta che ha allontanato il suo popolo, che c’è disamore al partito. Quale disamore? Quello che se andassimo a votare potrebbe darci fino al 40%? Siete folli. Porterete il paese alla rovina consegnadolo alle forze populiste. Monta un odio nei vostri confronti che non potete neppure immaginare. Dovreste tremare. Ci sentiamo defraudati delle nostre speranze, delle nostre aspettative di costruire un paese migliore con chi ci aveva messo anima e corpo. Con chi prendeva 15 aerei la settimana e lavorara 20 ore al giorno. Mettendoci la faccia, sempre, nella gioia e nel dolore. Quella scellerata campagna a favore del NO condotta da una parte di voi ha spezzato il sogno di un paese più moderno, più semplice e più giusto. bella democrazia. Centralismo democratico dei miei stivali. Complimenti. Avete affossato le speranze e le energie di chi tanto si era speso e di tutti noi che vi avevamo creduto. Mai più PD con quelli della Ditta. Mai più.

Like what you read? Give Liliana Gianni a round of applause.

From a quick cheer to a standing ovation, clap to show how much you enjoyed this story.