Porto.

Ogni gesto lascia un’impronta che evoca una storia. La fotografia lo testimonia e ne conserva la memoria, talvolta mentendo, talvolta dicendo la verità.Chi vede, distingue. Le immagini che si scorgono sono le tracce di alcuni attraversamenti. I luoghi sono quasi sempre quelli dell’abbandono e delle rovine: un modo, come altri, di pensare il tempo. Dietro l’apparenza di ciascuna si cela un soggetto invisibile. E’ il protagonista, o meglio, sono i protagonisti di infinite piccole storie. Non solo personali o individuali. Soprattutto collettive.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.