Porto Interporto Aeroporto.

Ci sono luoghi prossimi che meglio di altri si prestano ad incuriosire il nostro sguardo, fino a sollecitare comportamenti esplorativi nei dintorni, ma anche all’interno, di quelle aree di margine maggiormente afflitte dall’incuria e dall’abbandono. E’ qui che si misura con le medesime scene, in media due volte la settimana, il mio curioso vagabondare giornaliero. Sarà poi la rigida geometria di un’inquadratura a scandire le tappe di un percorso emotivo sempre diverso, cui non voglio più rinunciare. Qui siamo intorno alla foce del fiume Esino.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.