Cosa è la Disabilofobia e come combatterla

Negli ultimi anni sta aumentando a vista d’occhio un “disturbo psicologico” molto grave: La disabilofobia.

Differentemente dall’omofobia ne senti parlare molto poco perché essendone affette più del 70% delle persone sarebbe come dichiarare la maggioranza della popolazione incapace di intendere e di volere.

Cosa è per davvero questa tremenda sindrome?

Innanzitutto parliamo dei sintomi tipici di questo disturbo, utilizziamo la classificazione del M.D.M.(Manuale dei disturbi mentali ad opera di Marco).

  1. Paura della disabilità così spiccata da preferire ad un handicap la morte stessa.
  2. Paura dei disabili, questa si manifesta con occhi spalancati ogni volta che vedi qualcuno sulla sedia a rotelle e imbarazzo diffuso quando devi parlare con un invalido.
  3. Ripetizioni di frasi fatte del tipo “io non ho pregiudizi, i disabili sono solo diversi e non inferiori”, oppure “i veri disabili sono coloro che hanno pregiudizi”.
  4. Meccanismo di selezione dell’attenzione. Quando subisce una violenza una donna, un omosessuale o un extracomunitario provi, giustamente, forte indignazione ma quando la violenza la subisce una persona disabile ti scatta il “Chi siamo noi per giudicare? Bisogna capire invece che giudicare”.
  5. Pensieri irreali che ti portano a pensare “La disabilità è una cosa oggettivamente negativa” oppure “I disabili sono diversi, bisogna ammetterlo” (ma poi ti dimentichi che diversi sono tutte le minoranze).
  6. Idea ossessiva che il disabile possa avere rapporti sessuali solo con una assistente sessuale e che non possa sposarsi o avere dei figli.
  7. Pensare che la vita di un normodotato valga più di quella di un disabile e che un disabile debba essere per forza un “poverino”.
  8. Condividi i post a favore dei diritti di donne, omosessuali ed extracomunitari indignandoti per le news che riportano casi di discriminazione verso queste categorie ma ti dimentichi di mettere Mi Piace e di ricondividere i post che parlano di discriminazione verso i disabili.

Se ti riconosci in almeno due di questi sintomi sei affetto da disabilofobia interiorizzata, ricorda che questo grave disturbo può portarti ad agire in modo sciocco, a essere pieno di preconcetti e a ghettizzare, nelle forme più gravi penserai anche che un disabile non possa vivere una vita normale e debba rassegnarsi a fare molte rinunce.

Se pensi di essere affetto da Disabilofobia parlane con il tuo coach, puoi uscirne.

Like what you read? Give Marco Antuzi a round of applause.

From a quick cheer to a standing ovation, clap to show how much you enjoyed this story.