Image for post
Image for post

1) Perché può aiutare il nostro business. Il più grande universo narrativo di rai al servizio dell’alfabetizzazione digitale può aiutare la diffusione dell’uso di internet (oggi non ha accesso un italiano su 3). Non ci sono altre occasioni del genere. Nessuna fiction (prodotto di intrattenimento per eccellenza) può contribuire così tanto al nostro business.

2) Perché fa ridere (ve lo giuro non ci riuscivamo a trattenere sul set)

3) Perché può aiutarci nelle presentazioni con i clienti: quando ci chiederanno «ma che ne sa la casalinga di Voghera di smartband o di domotica» potrete far vedere la puntata relativa su Rai Play quando e come vorrete (È gratis).

4) Perché saranno disponibili in bingewatching gratis su Rai play a partire dalla fine della stagione (ora potete trovare la prima stagione).

Baci a tutti!


Image for post
Image for post
Una foto dalla fiction “Complimenti Per La Connessione”.

Una missione, quella di Plural. Dopo “Ti Connetto I nonni” l’agenzia di Roma è nuovamente coinvolta in un progetto di alfabetizzazione digitale con la serie tv “Complimenti per la connessione” in onda in prima serata su Rai1.

“Complimenti per la Connessione” è il primo show, spin-off di Don Matteo, che porta in prima serata l’alfabetizzazione digitale. Una sketch-comedy di circa 6 minuti che andrà in onda per 20 serate con Nino Frassica, Simone Montedoro e Francesco Scali. Produzione Lux Vide e regia di Valerio Bergesio, autori Fabio Morici, Marco Diotallevi e lo stesso Nino Frassica.

Il team di Plural è stato coinvolto in tutte le fasi dell’operazione. “L’alfabetizzazione digitale sta diventando un po’ il nostro marchio di fabbrica e ne siamo molto contenti” afferma Marco Diotallevi, Direttore Creativo e Founder di Plural “La nostra visione è stata sempre quella di farlo mettendo in scena delle storie. Alcune volte commoventi come Ti Connetto I nonni, altre volte invece molto divertenti, come questo format che ci ha permesso di lavorare al fianco di un fuoriclasse della comicità come Nino Frassica”. …


Image for post
Image for post

I video non sono più quelli di una volta: si avviano da soli senza audio nei feed dei nostri smartphone e hanno successo, su Snapchat, in un formato verticale. Oggi con l’avvento del mobile il linguaggio dei brevi formati è cambiato così tanto che ha ibridato anche quello cinematografico e televisivo. Le serie (tv o web) sono diventate lo strumento più potente per creare un dialogo duraturo tra canali e spettatori. In questo contesto nasce Plural Entertainment, la nuova business unit dell’agenzia Plural (www.pluralagency.com), dedicata alla scrittura di format e sceneggiature per il web ma non solo. “Si realizza un sogno iniziato nel 2013. Dopo la webserie Ti Connetto I Nonni (http://youmark.it/rubriche/ti-conne...) abbiamo proposto altri progetti con successo, non solo per i social. Oggi crediamo che la scrittura di format e sceneggiature sia diventato un asset strategico da offrire ai nostri clienti. Noi ci divertiamo tantissimo.” afferma Marco Diotallevi, Founder / Direttore Creativo dell’agenzia Plural, specializzata in social media marketing e brand content. Secondo l’analista statunitense Mary Meeker i video sui social si confermeranno un trend del prossimo anno. Attualmente i video su Facebook raggiungono al giorno quasi 8 miliardi di views, mentre Snapchat ne conta più di 10 miliardi. Plural Entertainment si avvarrà di un team di sceneggiatori, creativi, Youtubers e videomaker e affiancherà la business unit di Plural Conversation per creare e supportare strategie a partire dalla scrittura fino alla promozione e diffusione sui media. “Siamo un’agenzia di sette miliardi di persone. …


Image for post
Image for post

C’è una piccola rivoluzione in atto nel mondo dei social network e ci sono tre elementi che ci fanno pensare ciò.

Il primo è il seguente: due settimane fa Snapchat ha abilitato le telefonate tra account. Quindi, per esempio, potreste provare a chiamare l’account di Rihanna (io ci ho provato, ma ahimè in quel momento forse era occupata) oppure l’account di un brand come Coca-Cola. Ma Snapchat non è stata l’unica app ad aggiornarsi.

Venerdì scorso Facebook ha abilitato la stessa possibilità per le pagine aziendali. Potete provare voi stessi: se amministrate una pagina aziendale e date un’occhiata alla schermata dei messaggi privati, vi dovrebbe far vedere un nuovo pulsante in alto a sinistra che recita ‘Scarica e condividi il tuo codice Messanger’. …


Image for post
Image for post

Sfruttare al meglio le caratteristiche instant di Snapchat per un servizio di caring evoluto. La prima intelligenza artificiale applicata alle chiamate di Snapchat nasce a Roma, nei laboratori di ricerca “Plural”.

“L’intelligenza artificiale di Plural Snapcare apprende tutto dai social. Magari non sa nulla di come si prepara un’amatriciana, ma come social strategist è ottima. Abbiamo studiato in profondità le recenti API rilasciate da Snapchat e abbiamo visto un potenziale immenso in termini di applicazione al caring. Così abbiamo ideato un’intelligenza artificiale che non solo sapesse tutto di social media marketing, ma anche che potesse entrare in empatia con il pubblico, come nel carattere di Snapchat.” afferma Marco Diotallevi, direttore creativo di Plural. …


Image for post
Image for post

È passata appena un’ora e i the Jackal hanno già fatto dire a Noemi, dal backstage della gara, “sta senza penzieri” (sul suo fb).
Mai come quest’anno Sanremo è l’esperienza che desideri.
Come accadeva tempo fa che abbassavi la musica e sentivi solo il commento dei Gialappa’s Band, oggi lo guardi dal telefono, con Twitter acceso. In questo modo ti segui il tuo Sanremo.

C’è chi lo canta su Periscope, come @lidiaschillaci che ha inventato un format che non esisteva: si chiama #lidiasremo16 ed è il primo street show live su Periscope da Sanremo (Sono orgoglioso di essere parte del progetto con @Pluralagency). C’è chi lo sbeffeggia, come i ragazzi di BCube che hanno preso il balcone davanti all’Ariston per esporre i tweet di Ceres. E c’è chi impara, come i ragazzi dell’Instant Ads Night, il primo e unico format educational sull’instant ads. (Ragazzi ci vediamo venerdì!)
Sanremo è il nostro cazzo di Superbowl. …


Image for post
Image for post

Quando mi hanno invitato al Ford Social Restaurant mi sono sentito lusingato e affamato. Siamo circa 16 coppie tra blogger, influencer e Frank Matano. L’incontro si è aperto con Frank che ha cucinato live su Periscope con alcuni ex concorrenti di Masterchef. Visti i guai che ha combinato spero non sia lui a servire la cena. Comunque credo che il Ford Social restaurant ponga un punto di non ritorno nel campo dell’influencer strategy. Oggi i Brand devono accogliere e coccolare i propri influencer regalandogli esperienze memorabili. Abitiamo già internet, ora dobbiamo viverci. E quest’esperienza è come una promessa: twittate con noi, prima o poi ci incontreremo. Una bella idea, complice anche il limite della caratteristica del programma di non essere live. Complimenti. Ora scusate per i typos, ma mi stanno portando via il piatto.


Image for post
Image for post

Una nuova tecnologia del tutto offline per impedire alle persone di stare online durante la cena di Natale, e non solo. Guardate il video e scaricate il pdf sul sito www.pluralchristmas.com (e buon Natale). Marco.


Image for post
Image for post

Già pubblicato su Youmark qui: http://youmark.it/rubriche/lo-saprete-tutti-mark-zuckerberg-va-in-paternita-al-di-la-dellammirazione-per-la-scelta-di-prendersi-due-mesi-di-congedo-per-godersi-il-primogenitoa-in-marco-diotallevi-founder-e-creativ

Il creatore di Facebook va in paternità. Due mesi di congedo per godersi il primo figlio. Le azioni andranno a picco? No. Ma, soprattutto, cosa succederà quando diventerà padre? Avvicinerà o no suo figlio/a alla tecnologia?

Uno dei motivi per cui ‘Ti Connetto I Nonni’ piace è che aiuta persone che hanno paura di internet a non avere timore e ambientarsi in collaborazione con i nipoti. Ma non sono solo gli anziani ad aver paura di internet, ci sono, ad esempio, anche i genitori. Guardano il proprio figlio di appena un anno prendere immediata confidenza con i tablet e non sanno come giudicare la cosa. Così, magari non gli fanno aprire il profilo Facebook fino ai 16 anni, ma a 12 iniziano a fargli usare Instagram. …


Image for post
Image for post

Mia nonna vive a Roma e mio zio in Canada. I due si vedevano raramente. Un giorno ho insegnato a mia nonna a connettersi con la videochiamata. Non potevo credere alla sua felicità e così ne ho fatto una missione. È così che è nato Ti Connetto I Nonni, la campagna istituzionale Rai sull’alfabetizzazione digitale che aiuta i nonni a connettersi con l’aiuto dei nipoti. Trovate tutto su www.ticonnettoinonni.rai.it

Perché vi sto dicendo tutto questo? Perché oggi è la festa dei nonni e, se non vi siete ricordati di fare un regalo, ci abbiamo pensato noi. Sul sito è possibile scaricare un minidizionario, un pdf gratuito che spiega con parole semplici e metafore molto vicine ai nonni alcune parole difficili di internet. …

About

marcodiotallevi

Su Rai per #ComplimentiPerLaConnessione e #Ticonnettoinonni, digital coach, creative director @pluralagency, contributor @mediumitaliano #cortesiepermillennials

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store