Ciò che ci succede
Alessandro Fusacchia
433

Rallentare, dire no, attendere che le decisioni affiorino lentamente e dall’emozione - e non secondo ritmi automatici e razionali - e che i pezzi si incastrino naturalmente, è una delle più grandi occasioni di reale costruzione della nostra personalità; anche e soprattutto nella gestione di quel brivido di incertezza e insicurezza di quando ci sentiamo spogli da ruoli e titoli…perché è lì che ci scopriamo e sorprendiamo davvero!

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.