Il Gran giorno di Ferrari in Borsa, ma….

Ferrari sbarca in borsa a 52 dollari per azione. il massimo della forchetta di prezzo annunciata nei giorni scorsi. Il valore di Ferrari si attesta sui 9,82 miliardi di dollari.
Una delle case automobilistiche più note nel mondo, fondata nel 1947 a Maranello, da Enzo Ferrari. Simbolo del Made in Italy. Simbolo del lusso, un settore che non ha subito la crisi. Uno dei brand più potenti del mondo (Fonte).
Ma…
Siamo in un mondo dove un brand così potente, così affermato; un produttore di auto di lusso, simbolo di un paese, vale circa 10 miliardi di dollari, mentre Whatsapp, applicazione mobile di messaggistica, è stata acquisita, dopo 4 anni di vita, per 19 miliardi di dollari da Facebook, per 450 milioni di utenti, senza aver mai fatturato 1 dollaro, con una valutazione di 42 dollari per utente.
Facebook è stata quotata, 8 anni dopo la fondazione, sul listino statunitense nel maggio del 2012 raggiungendo una capitalizzazione pari a 104,2 miliardi di dollari. Oggi, 21 ottobre 2015, in meno di 3 anni dalla quotazione, il social network più utilizzato al mondo, ha raggiunto la capitalizzazione di mercato record di 272 miliardi di dollari. Più del doppio di quando si è quotata e tra le prime 10 società dell’indice S&P 500 (più di Wal-Mart e Procter&Gamble). A Google, per raggiungere i 250 miliardi di dollari di capitalizzazione, sono serviti 8 anni.
Queste #startup valgono la valutazione?
Non importa e non mi addentro in queste valutazioni. Sicuramente stanno creando valore, stanno generando ricchezza. Stanno imponendo una nuova velocità di crociera al mondo.
Rendono possibile l’impossibile. Generano interesse e probabilmente, mai come oggi, disinibiscono una generazione di giovani impavidi che guardano il lavoro, la carriera, con un’altra visione, col desiderio di creare piuttosto di cercare il posto sicuro, arma di seduzione old style delle aziende tradizionali.
Lo Stato? I Politici? Stanno a guardare, spaventati dalla diffusione dell’informazioni, pregando che l’ignoranza resti il “quorum”, per continuare a prosperare.