Libia: calpestato e bruciato il tricolore

Un gruppo di uomini ha manifestato ieri a Tripoli contro la missione navale italiana a sostegno della Guardia costiera libica.
 
 La bandiera italiana è stata posta in mezzo alla strada, calpestata ripetutamente dalle automobili di passaggio e infine bruciata. I manifestanti, una decina secondo le immagini e i filmati che circolano sui media libici, hanno mostrato cartelli e scandito slogan contro la presenza italiana nel paese.
 
 Manifestazione simili sono avvenuta anche a Sirte, ex roccaforte dello Stato islamico e città che ha dato i natali al defunto colonnello Muhammar Gheddafi, e a Tobruk, sede della Camera dei rappresentanti libica, il parlamento monocamerale riconosciuto dalla Comunita’ internazionale.
 
 L’ambasciata italiana in Libia, attraverso il suo profilo ufficiale di Twitter, ha invitato a “fermare la diffusione di fakenews su grandi proteste a Tripoli. L’Italia è impegnata ad aiutare la Libia e non presterà attenzione a chi vuole che continui il caos”.

Click to Post

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.