Il M5S ha tradito il movimento NoTav? Si.

I grillini hanno presentato una mozione notav per salvarsi la faccia mentre accettavano che il proprio governo portasse avanti il compimento dell’opera

Massimo Lizzi

Beppe Grillo, nel rispondere alle accuse di tradimento mosse al M5S da Alberto Perino, leader storico del movimento notav, ha affermato che non avere i numeri per fermare l’opera non significa tradire. Ma il M5S i numeri per fermare la Tav non li ha mai avuti. Eppure ha sempre promesso che con lui al governo l’opera non si sarebbe fatta, tanto da ottenere l’indicazione di voto dallo stesso Alberto Perino, come unico partito coerentemente notav. Una promessa ribadita anche con il governo gialloverde già insediato da quasi un anno.

Finchè ci sarà il Movimento al governo, la Tav Torino-Lione non ha storia, non ha futuro”. Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio (M5s)

Il tradimento non è dato dal non avere la forza. E’ dato dal non avere la forza e il voler stare lo stesso al governo. Se non hai la forza e sei coerente stai all’opposizione o almeno, non sostieni il governo che compie l’opera contro cui dici di batterti. Il M5S del governo SiTav ne è addirittura parte e vuole continuare ad esserlo, con il motivo che ci sono altre cose importanti da realizzare o da impedire. Ma, in questo modo, il M5S dichiara che la Tav è, in fondo, una questione secondaria, un tema tra i tanti, sacrificabile ad altre e più importanti priorità. Anche questo è un modo di tradire chi ha fatto della lotta alla Tav la causa della sua vita.

Welcome to a place where words matter. On Medium, smart voices and original ideas take center stage - with no ads in sight. Watch
Follow all the topics you care about, and we’ll deliver the best stories for you to your homepage and inbox. Explore
Get unlimited access to the best stories on Medium — and support writers while you’re at it. Just $5/month. Upgrade