Day 1 — Mission, New Apple Campus, Venetia Café e Primi Italiani

Era oltre un anno che mancavo da San Francisco, qualcosa è cambiato, ma tantissime cose sono rimaste immutate. L’energia che circonda il luogo è sempre molto alta e come sempre vivere in queste zone è un privilegio riservato a pochi.

Trovare parcheggio vicino a casa è stata un’impresa — questa volta siamo in Mission … grave errore — e dopo aver girato per 40 minuti abbiamo trovato un posto “perfetto” che la mattina dopo ci ha regalato una multa da $71. Eravamo troppo stanchi 🙂 Quindi il primo task del “dopo multa” è stato trovare un parcheggio che fosse 24/7 per l’intero periodo alla modica cifra di $350 e due ragazzi turchi sulla 14th St ci hanno risolto il problema. Per la prima volta dopo tanto — tanto — tempo ho trovato qualcuno che vive qui da oltre 4 anni e che mi ha detto che “gli affitti stanno calando” — almeno i long term lease in shared apartment. Un segno sicuramente che stiamo entrando in una nuova era, dopo aver raggiunto dei picchi molto alti. Speriamo che regga e che il costo della vita continui a decrescere.

Prima serata a casa nostra con 2 ragazzi italiani ed una ragazza belga con una bellissima energia, tante storie e qualche birra — Anchor Steam ovviamente. Tutti arrivati per stare poco e subito rapiti dalla città, dal suo ritmo, dalle opportunità enormi come sempre “per chi non molla”. Questa è sicuramente la qualità che maggiormente contraddistingue chi lascia l’Italia per trasferirsi qui per poco o tanto tempo: la perseveranza di chi non molla mai, perché riuscire a rimane in Bay Area richiede delle qualità sicuramente fuori dalla norma. Incontriamo gente di tutte le estrazioni e con ambizioni varie e variopinte. Ingegneri gestionali, programmatori, appassionati di politica rapiti dal business del luogo, camerieri che vogliono importare prodotti tipici della loro terra, informatici che creano ristanti alla moda e tanto altro ancora. Sembra che qui fare l’imprenditore sia la passione nazionale e questo ti carica — almeno con me funziona! Spesso si sottovaluta la forza e l’impatto che questa spinta può avere sulla nostra vita e sulla capacità che — tutti — abbiamo di creare cose nuove.

Continua il viaggio. Se avete idee, siete in zona e volete conquistare il mondo, sentiamoci.

PS: Il company store di Apple è stato rifatto — che peccato. Ora è una “cosetta fancy per hipster”, con T-shirt fatte di tessuti elasticizzati e hanno eliminato le felpe — grave errore. Sicuramente la qualità è crescita di parecchio a discapito della quantità e, vista la nostra delusione, qualcuno ci ha detto “keep an eye on the new campus” — che prontamente siamo passati a vedere e fa paura da tanto è grande — … speriamo.

Nel frattempo non abbiamo saputo resistere e ci siamo presi la nuova “borraccetta” Apple — una via di mezzo tra un birillo e la bottiglia del latte degli anni 50, ma che ci volete fare… serve.


Originally published at lombardstreet.io on January 28, 2017.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.