L’“Esperto di…” non esiste.

Ma, soprattutto, come si fa a sentirsi esperti di qualcosa?

L’ennesimo evento di formazione di web marketing. L’ennesimo articolo che ne descrive le caratteristiche e i docenti con l’ennesima presentazione dell’ennesimo “esperto di…”.

Ma come si fa ad essere esperti in qualcosa? Quando si acquisisce cotanto titolo nobiliare? E soprattutto… che porcavacca significa?

Fonte: memegen.it

“L’esperto di”: solo un’etichetta?

L’esperto del webqualcosa, è come l’azienda leader del settore: un’etichetta per dirti, da solo, quanto sei bravo senza dimostrarlo.

Che ci sta pure: un po’ di consapevolezza nei propri mezzi è sacrosanta. Se poi, l’etichetta, te l’affibbia un’altra persona (nel caso specifico chi ti ha scelto per ospitarti all’evento), ben venga: i complimenti fanno sempre piacere.

Ma ai tuoi utenti, a chi ti segue, a chi ha pagato il biglietto, sei sicuro che un titolo basti?

Se una persona si presenta a me come “esperta di Inbound Marketing” verrebbe spontaneo mitragliarlo di domande:

  • quali progetti hai seguito?
  • con che risultati?
  • che strategia hai adottato?
  • quali strumenti di web marketing hai utilizzato?
  • conosci Hubspot?
  • qual è la conversion rate più bassa che hai conseguito? E secondo te quali sono stati i fattori di successo di un simile risultato?

Le risposte a queste domande concrete faranno di te, probabilmente, una persona da cui posso apprendere. Ma mai un esperto. Perché? Perché è una condizione che non esiste.

Fonte: sassyecards.com

L’esperto non esiste

Sai perché non vorrei mai essere chiamato con il nome di esperto?

Ti rispondo con un’altra domanda: perché, c’è veramente un momento in cui puoi permetterti il lusso di dire “so tutto di un settore”?

In 2 anni di web marketing, di clienti soddisfatti e altri meno, di campagne di successo e altre da cancellare, di nuove sfide quotidiane con cui ti devi misurare… mi sembra che sentirsi esperti sia una chimera.

Insomma, credo che non serva un’etichetta: a parlare e confermare la tua bravura saranno i progetti web che porti avanti, i clienti contenti, i risultati tangibili e dimostrabili che raggiungi.

Tu cosa ne pensi? Credi che la condizione di “esperto” esista davvero? Parliamone! ;-)