Titoli blog efficaci: guida alla scrittura di titoli acchiappa-click

David Ogilvy affermava:

di ogni 10 persone che leggono il titolo di un articolo, solo 5 saranno disposte a leggerne il testo

Come tenerle aggrappate al nostro articolo quelle 5 persone? Come invogliarle a cliccare nel nostro articolo e convincere loro che il nostro contenuto merita il loro tempo?

Con la magia nera? Naturalmente no, ma con un titolo efficace e scritto con alcuni fondamentali accorgimenti.

Non potete fare a meno di un buon titolo

Lo so, a volte può essere frustrante soprattutto se la tua scrittura aspira ad essere sempre creativa ed instintiva, ma è la realtà: potrai creare il contenuto più interessante del mondo, ma senza un buon titolo molti dei tuoi lettori ti abbandoneranno.

Ecco qualche numero che può confermare l’importanza del titolo di un blog post:

  • in media, 8 persone su 10 leggono il titolo. E di queste solo 2 leggeranno il testo (fonte: Copyblogger)
  • il 50% dell’efficacia di un buon post, passa per un buon titolo (Harp Interactive)
  • il titolo di un post efficace realizza il 73% di interazione in più sui social media (Orbit Media Studios)

Allora perché vanificare ore di lavoro con un titolo che è poco chiaro, troppo lungo, che depista il lettore e che non ti aiuta a posizionarti bene nei motori di ricerca?

In questo post spiegherò delle tecniche che ti aiuteranno a costruire dei titoli efficaci, capaci di attrarre il lettore.

[caption id=”attachment_296" align=”aligncenter” width=”598"]

titolo efficace

Su 10 persone, 8 leggono il titolo, ma solo 2 leggeranno il resto. Da qui l’urgenza di creare delle headlines che attirino il lettore (fonte: Hubspot)[/caption]

Prima di scrivere… fai qualche ricerca!

Svolgere una fase iniziale di ricerca ti permetterà di indirizzare i nostri sforzi verso il giusto obbiettivo. Quale? Dare in pasto al nostro lettore ciò che cerca.

1. Identifica chi consuma i tuoi contenuti

Scrivi su musica, marketing, letteratura? Recensisci serie tv? Scrivi sul blog della tua azienda? Qualsiasi sia l’argomento trattato del tuo blog, la prima cosa che devi chiarire è conoscere chi consuma i tuoi contenuti.

Il tuo target ama qualcosa in particolare? Lotta per dei valori? Ci sono dei “trending topic” al momento che puoi cavalcare? Bene tutto questo, nel tuo titolo, ci deve essere!

2. Monitora i titoli dei tuoi competitor

È un concetto dannatamente semplice, ma che poche volte prendiamo in considerazione.

Visita i blog dei tuoi competitor e studia la loro strategia dei titoli: c’è sempre da imparare, soprattutto da quelli più bravi di noi e ricorda… mai copiare!

3. Datti tempo

Dedica alla scrittura del titolo almeno la metà del tempo che hai impiegato a scrivere l’intero articolo.

Cosa deve contenere il titolo di un post efficace

Ultimata la fase di ricerca, hai raccolto tutto ciò che ti serve per strutturare un titolo capace di catturare l’attenzione.

Ma come ottimizzarlo per l’utente, i social media e i motori di ricerca? Ecco come.

1. Inserisci la keyword nel titolo, privilegiando sempre l’italiano corretto

Tra le prime regole della scrittura SEO (quindi della scrittura che miri al posizionamento nei motori di ricerca) c’è quella di inserire, nel meta-title, la keyword per la quale aspiri a posizionarti.

Nel fare questo però privilegia sempre la lingua italiana e la leggibilità: le keyword a volte sanno essere molto “robotiche” e i motori di ricerca sono molto più intelligenti di ciò che pensiamo.

2. Un numero non guasta mai (senza forzare)

Questa ricerca di Conductor dimostra come i numeri, in un titolo, catturano con continuità l’attenzione dell’utente.

ricerca conductor efficacia titoli blog

Con un significativo distacco rispetto agli altri, i numeri nei titoli sembrerebbero funzionare molto bene.

Questo non significa che usarli ti assicuri sistematicamente 300 condivisioni e il primo posto nella SERP:

  • ogni punto che elenchi deve effettivamente dare valore all’utente. Non promettere 30 tool per i social media se poi, quelli validi, sono effettivamente una decina
  • usa i numeri, ma anche domande, ma soprattutto una forte reason why. Insomma, varia il titolo: essere noiosi uccide l’interazione con gli utenti

Ecco qualche esempio di titolo con numero efficace, gentilmente offerto da Riccardo Esposito nel suo blog MySocialWeb.

titolo blog efficace con numero

E ancora…

titoli blog efficaci con numeri esempio di riccardo esposito
titoli post con numero

I titoli con numeri sono strausati anche da un altro grande web marketer e blogger internazionale, Neil Patel.

[one_half]

titolo post con numero neil patel

[/one_half][one_half_last]

titolo post efficace neil patel

[/one_half_last]

Ci sono limiti nell’utilizzo dei numeri? Quando è meglio usare numeri alti, e quando bassi? Facciamo due esempi concreti:

  • se il tuo post è una guida a fare qualcosa, attenzione ai numeri alti. Potresti scoraggiare il lettore.
  • se il tuo post riguarda “x risorse gratuite” o “x modi per fare qualcosa”, non hai limiti di grandezza. Anzi, più i numeri sono alti, meglio è.

3. Dai una ragione valida affinché l’utente debba cliccare il tuo contenuto

Ogni minuto:

  • vengono condivisi 2,400k contenuti su Facebook
  • vengono effettuate 4,000k ricerche su Google+

Inoltre, secondo questa ricerca condotta su Pollfish, gli utenti dedicano non più di 30 minuti alla lettura di articoli su blog e siti di informazione.

Insomma, ogni giorno, un blog post viene scritto e sa che dovrà competere con milioni di contenuti e con il poco tempo a disposizione dell’utente.

Come vincere la sfida e catturare la sua attenzione? Dando a quest’ultimo una valida ragione per cliccare sul tuo contenuto.

Come farlo? Ci sono delle tecniche, strutture e parole, che possono aiutarti a rendere il titolo del tuo post più persuasivo.

Ecco alcune reason why che possono funzionare:

  • strategie
  • modi
  • segreti
  • trucchi
  • idee
  • principi
  • pilastri

Ed ecco alcuni esempi:

  • Titoli efficaci: 5 segreti che nessuno ti dirà
  • 10 trucchi per dei titoli efficaci
  • Come scrivere un titolo efficace? I trucchi dei PRO

4. Usa la formula delle 4U

“Scrivere un titolo efficace è una strada tortuosa piuttosto che a una passeggiata di salute.”

L’autore di questo frase, Bob Bly, ha scritto forse una delle guide più illuminanti sul copywriting che abbia mai letto.

Proprio in questa guida spiega il suo metodo “matematico” nella strutturazione di un titolo efficace: la formula delle 4 U.

Ecco cosa dice: un titolo efficace è Urgente, Unico, Ultra-Specifico e Utile.

  1. Urgente. Trasmette al lettore il senso di urgenza. Penuria di tempo, scarsità del prodotto… rendono sempre irresistibile un titolo.
  2. Unico. Il titolo promette che il tuo post racconta qualcosa che nessun altro ha ancora mai scritto.
  3. Ultra-Specifico. Un titolo efficace non è una promessa vaga, ma specifica.
  4. Utile. Prometti al lettore che dopo il tuo articolo ne uscirà arricchito o soddisfatto.
la formula delle 4 U

Bly afferma che un ottimo titolo realizza almeno 3 U su 4. E se il tuo ne ha meno di 3, lui consiglia di scartarlo perché potrai sicuramente scriverne uno migliore.

Esercizio pratico

Prodotto: una compagnia assicurativa lancia un offerta sulla polizza auto valida solo per 24 ore: sconto di 300€ per tutti i nuovi contraenti.
Provando a formulare il titolo proverei così:
“Risparmia 300€ l’anno sulla polizza auto. Hai tempo fino a domani!”. (Voto 3/4)

Questo titolo, per la formula delle 4U, potrebbe andare bene: conferisce urgenza (“solo fino a domani”), è utile (l’utente sa quanto risparmierà), ed è specifico (sa che parleremo di polizze auto e sa quanto esattamente risparmierà).

Non smettere di fare test

Nella scrittura web, proprio perché non esiste una regola universale, affidarsi alle statistiche è fondamentale per capire l’efficacia dei tuoi titoli e comprendere, soprattutto, che tipo di titolo preferisce il tuo lettore.

Controlla le analytics del tuo sito, e le insights della tua pagina facebook o di twitter e vedi quali sono i titoli che performano meglio.

Domande? Curiosità? Angosce? Lascia un tuo commento! ;-)

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.