Purtroppo, caro Marco, questo è un problema più di vista ‘a lunga distanza’ che di tecnologica: se…
Joseph Curto
11

Hai perfettamente ragione, caro Joseph, e il tuo commento anzi aggiunge preziosi punti di valutazione al mio intervento iniziale, che non erano stati considerati un po’ per brevità un po’ perché intenzionalmente provocatorio, in senso buono.

Parlando da un punto di vista più completo, che tenga conto della totalità dei fattori in gioco, è vero che vi sono strategie e “buone pratiche” per custodire il dato digitale e mantenere la sua fruibilità nel tempo. Ed è parimenti vero che spesso — almeno a quanto posso vedere-—non vengono propriamente adottate.

Tutto questo però perché il dato digitale è intrinsecamente fragile, in un certa misura. Niente di male, ma ricordarlo forse gioverà proprio all’adozione di quelle pratiche che ci consentiranno di conservarlo nel tempo!

Grazie del commento ;-)

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.