Sesso e corpo

e poi…

Forse sarò un 'aliena, ma io la gente non la vedo così sessuata.

Prima la vedo dentro.

Forse non ho avuto l ‘imprinting giusto.

Per me sono tutti persone.

Ho scoperto il sesso quando facendo la lotta con fratello mamma gridò
di non dargli ginocchiate nei coglioni.

Da lì parti la scoperta che non era un particolare insignificante.

Da lì mi venne l’ idea che fossi più forte di qualunque maschio. 
Non avevo ancora le tette...

Per interessarmi davvero a quella strana cosa chiamata sesso, dovetti arrivare alle mestruazioni.

Passai l' adolescenza con ormoni a palla, e mi bastava stringere le cosce per orgasmare a volontà.

Perché era cosa impura?

Si, va beh, poi mamma mi disse che il prete era nu masculu, e certe cose era meglio tacerle.

Santa mamma sicula!

Così la mia grande scoperta del sesso la vissi senza intermediari, parlandone con il mio Amore di Gesù. 
E mi scoprii Mistica.

Si, orgasmavo a gogò anche nel silenzio della chiesa... 
Poi scoprii che l’incenso è una droga.

Lo usavano gli Egizi.

Per gli Egizi l’erezione del Faraone era sacra. 
E si aiutavano con l’ Incenso.

Quando il mio parroco dava incenso a gogò, io vedevo tutti nudi sotto i vestiti, e li immaginavo a trombare tra loro...

Non era colpa del DEMONIO, ma dei miei ormoni e di quel cazzo di droga di incenso.!!!!!

E si... ho rischiato.. molto...
Fortuna che m’innamorai.
Di un bellissimo ragazzo.
Almeno a me sembrò tale...

Dovetti scegliere, tra peccare o amare.

Scelsi di amare.

E dio si rivelò una immensa bugia.

Ormai questa storia la dico senza vergogne o paura di ferite da cattiveria altrui. 
Ho raggiunto l’età che nulla mi tocca.

Avevo una mia mistica... lessi tanti libri... volevo capire chi ero. 
Perché sentivo quelle presenze amorevoli. 
Chi erano?

Non andai più a Messa. Preferivo pregare da sola, in chiese calme, accendere le candeline, sentire le donne recitare i rosari...

Recitai rosari, da sola, per anni. Quando non sapevo che fare.

Senza il rosario. Con le mani. 
Era un mantra.

Poi iniziai medicina. La scienza. 
Mi dicevano : Poesia e scienza non vanno daccordo.

Eh, si scrivevo poesie.

Ma io vedevo grandi poetiche cose scientificamente... 
Cose indescrivibili a parole. 
E cercavo di esprimerle, la bellezza...

Continuo a vedere persone. 
Gli abiti sono convenzioni sociali. 
I visi, tanti sono maschere.

Ma sento ancora quel che hanno dentro.

Forse sono un po' strana.

Forse davvero aliena.

Forse quando il mio corpo non avrà più respiro, mi trasmuterò in fata madrina.

In fondo sono nata Benadante.

E questo è il corpo che ho avuto in dono.

Da chi?

Dai miei cromosomi?

Dal corpo di mia madre?

Dalla mia terra di fuoco e mare?

Tutto insieme?

Il sesso è così importante?

Se fossi stata maschio e amassi l ‘Uomo che amo, lo amerei di più, lo amerei diversamente?